Cerca Contatti Archivio
 
Agrienergie? Solo locali e sostenibili.

ROMA. L’agricoltura italiana come partner indispensabile per lo sviluppo delle energie rinnovabili e per il rispetto del Protocollo di Kyoto: è stato questo il nocciolo della discussione al convegno sulle agrienergie sostenibili organizzato da ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, Legambiente e Unione province italiane.
martedì 20 marzo 2007
Leggi l'articolo...


ESSELUNGA, SI MUOVE BANCA INTESA

Vertice con Caprotti. I timori di Palazzo Chigi sulla grande distribuzione Esselunga, Coin, la parte non alimentare della Rinascente: quel che resta della grande distribuzione, se si esclude Coop Italia, è in vendita e a comprare si stanno candidando gli stranieri, ai quali sono già state cedute le reti Standa, Giesse e la parte alimentare di Rinascente. Al momento, Esselunga è la catena che sembra destinata a passare di mano con maggior rapidità. Si tratta di un gruppo con 118 punti di vendita e 13.500 dipendenti in grado di fatturare 4 miliardi.
giovedì 2 dicembre 2004
Leggi l'articolo...


Riso Ogm- la Cina pronta al via libera

Forti le opposizioni, sia internazionali che interne Riso Ogm: la Cina pronta al via libera In un meeting su salute e biologia svolto a Pechino, presentati quattro nuovi tipi di riso geneticamente modificato.
giovedì 2 dicembre 2004
Leggi l'articolo...


Avanti Ultima pag.
News

LE VARIANTI CONTESTATE. IL POLPO DI LEROY MERLIN INDIGESTO AI COMITATI “NON RIDUCE L’IMPATTO”
In tanti modi si può “cucinare” il polpo, ma lo svincolo tentacolare che smisterà il traffico verso il centro commerciale di Leroy Merlin, all’ex foro boario, resta sempre indigesto ai comitati della zona e agli ambientalisti del Comitato difesa alberi e territorio. Il problema di fondo è che quel progetto moltiplica il traffico e l’inquinamento, aumenta il consumo di suolo e strozza un pezzo di città, in cambio di un interesse pubblico che per i comitati è tutto da verificare. >>



Il Tribunale dell’Ue respinge i ricorsi (di Bayer e Syngenta)) contro le restrizioni ai pesticidi neonicotinoidi pericolosi per le api. Accolto in gran parte quello sul fipronil.
Le restrizioni all’uso di tre pesticidi neonicotinoidi – clothianidin, tiametoxam e imidacloprid – introdotte dalla Commissione europea nel 2013 erano scientificamente giustificate, perché basate sulla valutazione dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), che aveva accertato l’esistenza di effetti inaccettabili di queste sostanze attive sulle api. Lo ha stabilito il Tribunale dell’Ue respingendo integralmente i ricorsi presentati dalla Bayer, che produce e commercializza l’imidacloprid e il clothianidin all’interno dell’Unione, e dal gruppo Syngenta, produttore del tiametoxam, nonché di sementi conciate. Syngenta aveva anche chiesto un risarcimento di almeno a 367,9 milioni di euro. >>



L’allarme di Coldiretti: “I limoni siciliani stanno scomparendo”
L’allarme di Coldiretti: “I limoni siciliani stanno scomparendo” – Non si capisce perché ci fanno acquistare a 3 euro il prodotto che arriva dall’altra parte del mondo e non consumare quello della nostra terra !!! >>