Cerca Contatti Archivio
ALTRAGRICOLTURA NORD EST...

Notizie in primo piano
Perchè la Cina sta costruendo città fantasma in Africa?
Nova Cidade de Kalimba è solo una delle tante città fantasma che la Cina sta costruendo in tutto l’Angola e in tutto il continente africano. Ecco perché Nonostante l’enorme quantità di appartamenti invenduti, Nova Cidade de Kalimba è solo una delle tante città “fantasma” che la Cina sta costruendo in tutto l’Angola e in tutto il continente africano. Negli ultimi dieci anni, la Cina ha pompato miliardi di euro, e il trend non mostra il minimo segno di rallentamento. A questo punto, la domanda è semplice: perché i cinesi sono così interessati al territorio africano? I palazzinari cinesi si stanno dando molto da fare in Africa. Nova Cidade de Kalimba è una moderna città africana costruita da investitori cinesi in Angola e composta da circa 750 edifici di otto piani. Nei progetti degli investitori, la città doveva raccogliere circa 500 mila abitanti, ma un inquietante filmato mostra come la selvaggia urbanizzazione cinese rischia di creare la prima “città fantasma” dell’Africa. Il costo dell’operazione si aggira sui 2,5 miliardi di euro, ma si tratta solo di una frazione del fiume di denaro che la Cina sta investendo in Africa.
continua...
- venerdì 21 luglio 2017

Difensori della terra sotto attacco.
Nel 2016 sono stati ammazzati 200 difensori dell'ambiente. Cercavano di opporsi a mega-progetti legati ad attività mineraria, disboscamento o agrobusiness che avrebbero devastato le loro terre. Il Brasile è il paese più pericoloso, ma gli omicidi riguardano anche altri 23 stati. Lo rivela l’ultimo report della ong Global Witness. Altro che amici dell’ambiente, responsabilità sociale d’impresa e leggi per la protezione della natura. Sono proprio le grandi multinazionali e i governi i principali responsabili della persecuzione di chi difende la terra. E gli investitori, comprese le banche d’investimento, danno carburante alla violenza sostenendo progetti che mettono a rischio l’ambiente e calpestano i diritti umani.
continua...
- giovedì 20 luglio 2017

A chi vorrebbe trasformare lo spirito di Genova in una reliquia.
“La generale ansia di rimozione ci pare evidente. Lo spirito di Genova dev’essere liquidato come sterile retaggio del passato e con esso vanno eliminate dalla scena pubblica attuale le ragioni di un movimento”. La lettera aperta di Lorenzo Guadagnucci, co-fondatore del Comitato Verità e Giustizia per Genova, e Vittorio Agnoletto, già portavoce del Genoa Social Forum. Passano gli anni e la contestazione al G8 di Genova del 2001 rischia di finire nella categoria dei luoghi o dei fatti della memoria, con tutto ciò che di norma ne consegue in termini di ricordo retorico, a volte nostalgico, sempre fine a se stesso. Poiché siamo convinti che l’estate del 2001 sia stato uno spartiacque politico e culturale ancora attuale, vorremmo mettere a fuoco uno snodo che ci sembra oggi pressante, ossia una certa tendenza alla rimozione, ossia un’attitudine rinunciataria, nel mondo della cultura e dell’attivismo, che ci pare assai pericolosa.
continua...
- mercoledì 19 luglio 2017

Il Vajont di cemento che può divorare una fetta di Veneto.
Tre progetti ad alto impatto minacciano la Bassa Padovana: cittadini e istituzioni uniti in una rivolta senza precedenti. Un Vajont di cemento, che altro? La Bassa Padovana di oggi come la Longarone di ieri: in simultanea, e da tre lati, un’autentica alluvione di nuovi insediamenti rischia di devastare un territorio pazientemente modellato nei secoli dall’opera laboriosa dell’uomo: contribuendo così ad assegnare al Veneto l’ignobile record di un degrado che viene da lontano. Tre micidiali ondate successive si profilano all’orizzonte, complice la leggerezza di troppe amministrazioni pubbliche interessate solo all’incasso immediato, senza preoccuparsi di rapinare letteralmente il futuro alle generazioni che verranno.
continua...
- mercoledì 19 luglio 2017

Glifosato, l’Ue vuole rinnovare l’uso del pesticida per altri dieci anni. Ecco perché dobbiamo indignarci.
E’ stato diffuso in data 18 luglio dalla coalizione Stop glifosato un importante comunicato stampa in vista della presunta riapprovazione dell’erbicida da parte dell’Ue per altri 10 anni. Sembra che l’Ue sia orientata a riapprovarlo solo in presenza di una maggioranza qualificata (16 su 28 paesi) ed è quindi più che mai importante esercitare una pressione mediatica sui governi e sull’opinione pubblica, specie dopo che il 3 luglio scorso sono state consegnate alle autorità europee ben 1.320.517 firme di cittadini che in tutta Europa che hanno chiesto di bandirlo, aderendo all’iniziativa di valore giuridico dell’Iniziativa cittadini europei (Ice).
continua...
- mercoledì 19 luglio 2017

A Padova riprende l'iniziativa delle associazioni di base per avere un territorio comunale libero da OGM.

La COALIZIONE "PADOVA OGM FREE" invita i cittadini a esplicitare al sindaco la propria contrarietà agli OGM.

Entra in azione..., compila il form alla pagina web , ed invia una email al Sindaco, al Vice-Sindaco di Padova e ai Capigruppo in seno al Consiglio Comunale per dire "NO agli OGM", anche nel comune di Padova."





News

Battaglia Terme (PD): NO AI NUOVI MOSTRI!
Battaglia Terme - 10 luglio - serata organizzata dal Coordinamento delle Associazioni ambientaliste. Oltre 150 presenze, più di una decina di interventi, 3 ore di dibattito, contributi introduttivi di Christianne Bergamin e Gianni Sandon e poi tra gli altri il sindaco di Battaglia T. Massimo Momolo il sindaco di Due Carrare Davide Moro, il rappresentante di Confesercenti Padova Maurizio Francescon . >>



Aumenta la temperatura media globale: è allarme siccità.
La temperatura media globale continua ad aumentare: la primavera 2017 è la terza più asciutta dal 1800 ad oggi, con un'anomalia di +1,9 gradi. Lo rende noto l'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima (Isac) del Cnr. E il clima impazzito di questi primi mesi dell'anno ha già provocato danni stimati dalla Coldiretti in quasi un miliardo di euro. >>



Lidl lancia prodotti vegetariani e vegani.
Nuova linea di prodotti di Lidl per vegetariani e vegani. Si tratta di 20 referenze a marchio My Best Veggie. Il discount tedesco, forte di quasi 600 punti vendita in Italia, metterà in commercio la nuova gamma a partire da luglio. Si tratta di burger di soia alla pasta fresca, cotolette vegetali ai gelati, fino ad arrivare alla pasta fresca e alle lasagne. Il nuovo brand comprende articoli freschi e surgelati. >>