Cerca Contatti Archivio
 
Lo street food del contadino. Il via libera della legge: gli agricoltori potranno vendere prodotti cucinati e trasformati.

Tra le misure per la valorizzazione del settore agricolo, la manovra 2018 dà agli agricoltori l'opportunità di vendere direttamente al consumatore prodotti trasformati e cucinati, anche in modo itinerante. E Coldiretti festeggia per il via libera allo street food contadino.
sabato 30 dicembre 2017
Leggi l'articolo...


Al supermercato bioshopper per frutta e verdura a pagamento dal 1° gennaio

Dal 1° gennaio i sacchetti per imbustare frutta e verdura nei supermercati saranno a pagamento. I sacchetti di plastica leggeri e ultraleggeri - utilizzati anche per carne, pesce, prodotti di gastronomia e panetteria - saranno, infatti, sostituiti dagli shopper biodegradabili e compostabili a pagamento (con un contenuto minimo di materia prima rinnovabile non inferiore al 40 per cento). L’articolo 9-bis della legge di conversione 123/2017 - il cosiddetto decreto Mezzogiorno approvato lo scorso agosto - prevede infatti che non possano essere distribuite a titolo gratuito. E - recita la norma - «il prezzo di vendita per singola unità deve risultare dallo scontrino o fattura d’acquisto delle merci o dei prodotti trasportati per il loro tramite». La norma non riguarda solo la grande distribuzione, ma anche i piccoli negozi.
sabato 30 dicembre 2017
Leggi l'articolo...


Usa, tramonta l’era dei centri commerciali.

A imitare gli americani ci si rimette sempre… La campagna elettorale e di lotta di #poterealpopolo è cominciata ieri con una serie di presidi e volantinaggi davanti a centri commerciali di molte città italiane. Una protesta contro il lavoro festivo, sottopagato come quello feriale ma con in più la violenza inaudita contro la possibilità di una vita affettiva normale per chi lì dentro ci deve lavorare.
sabato 30 dicembre 2017
Leggi l'articolo...


Il nostro Natale di guerra.

Sigonella, Niscemi, Napoli, Amendola, Ghedi, Aviano, Domusnovas, Centocelle. La militarizzazione del territorio, la crescita della produzione di armi e il “baratro atomico” ricordano a tutti che siamo in guerra. --- (di Alex Zanotelli)* Sono indignato davanti a quest’Italia che si militarizza sempre più. Lo vedo proprio a partire dal Sud, il territorio economicamente più disastrato d’Europa, eppure sempre più militarizzato. Nel 2015 è stata inaugurata a Lago Patria (parte della città metropolitana di Napoli) una delle più importanti basi Nato d’Europa , che il 5 settembre scorso è stata trasformata nell’Hub contro il terrorismo (centro di spionaggio per il Mediterraneo e l’Africa). Sempre a Napoli, la nota caserma della Nunziatella è stata venduta dal Comune di Napoli per diventare la Scuola Europea di guerra, così vuole la ministra della Difesa Roberta Pinotti.
martedì 26 dicembre 2017
Leggi l'articolo...


Dai panettoni ai prosciutti: l’Ogm   c’è ma non si vede

L’Italia vieta la coltivazione di organismi geneticamente modificati, non l’importazione.  Anatre, faraone, tacchini, polli, ovini, bovini e maiali. Tortellini, formaggi, latte, uova. Il pranzo di Natale è servito, con gli Ogm nel piatto. Panettoni compresi. Formaggi morbidi, duri, grattugiati, prosciutti di grande marca, come i salmoni, le anguille e i capitoni cresciuti negli allevamenti. La nostra normativa è ambigua: vieta la coltivazione degli organismi geneticamente modificati, non la loro importazione, né la commercializzazione. Se produco un biscotto che contiene soia Ogm devo dichiararlo nell’etichetta, ma se vendo uno zampone di maiale nutrito per mesi esclusivamente con mangimi Ogm non sono tenuto a dirlo. Sono allergico – dichiara di esserlo il 40% degli italiani - al lattosio e bevo latte di soia? La soia venduta in Italia è per il 90% Ogm. Ogni cittadino europeo consuma ogni giorno indirettamente 186 grammi di soia Ogm ed ogni giorno l’Italia ne importa diecimila tonnellate.
domenica 24 dicembre 2017
Leggi l'articolo...


Grano Cappelli, è guerra aperta.

Altragricoltura, LiberiAgricoltori e Sicer denunciano i gravissimi rischi che sta correndo l’agricoltura italiana, e in modo particolare il fronte cerealicolo, se si dovesse affermare il modello messo in campo dalla società emiliana Sis (Società italiana sementi). Si aprirebbe così un conflitto “intestino” sul Grano Cappelli. Altragricoltura, LiberiAgricoltori e Sindacato cerealicoltori (Sicer), il 20 dicembre, si sono dati appuntamento nella Sala della Camera dei deputati per denunciare il rischio trasparenza per il settore cerealicolo italiano. Alla conferenza stampa erano presenti l’onorevole Antonio Placido – promotore di un’interrogazione a risposta immediata sulla questione – , l’onorevole Giuseppe Abate, il rappresentante di LiberiAgricoltori, Lino Galante, il presidente del Sicer, Domenico Viscanti, il coordinatore nazionale di Altragricoltura, Gianni Fabbris, il rappresentante del Soccorso Contadino, Antonio Melidoro e il produttore irpino, Giuseppe Pelullo.
domenica 24 dicembre 2017
Leggi l'articolo...


Veneto, 10 mila capannoni dismessi: metà da demolire.

«Il suolo, anche quand’è privato è un bene comune. Di più, è un valore. Il tema non è limitarne il consumo bensì ragionare in termini di uso intelligente. E questo, naturalmente, include le demolizioni dei capannoni». Così in un articolo di Martina Zambon sul Corriere del Veneto a pagina 9, il giurista Bruno Barel critica il modello di sviluppo industriale in Veneto all’indomani di uno studio commissionato da Confartigianato allo Iuav di Venezia sul consumo di suolo causato dai capannoni dismessi. Secondo lo studio in Veneto gli immobili dismessi (incluse case, ristoranti, fabbriche e capannoni) sono oltre un milione e 200 mila. Di questi 92 mila (l’8%) sono capannoni di cui 10 mila e 610 dismessi. 4570 non sono utilizzabili, e da destinare alla demolizione mentre gli altri 6.040 sono riutilizzabili. La stima del valore totale di questo patrimonio è di 7,9 miliardi di euro.
venerdì 22 dicembre 2017
Leggi l'articolo...


Quel territorio di eccedenze umane.

TEMPI PRESENTI. «Esclusi», una raccolta di saggi di autori vari per DeriveApprodi di Massimiliano Guareschi In genere, il conflitto israeliano-palestinese viene colto come un caso a sé, caratterizzato da tali specificità storiche e, soprattutto, metastoriche, da rendere impossibile ogni comparazione con altri scenari politico-militari. Alle dinamiche e agli eventi che si sviluppano sui territori dell’ex Palestina mandataria si tende così a guardare come a un’eccezione rispetto alla quale non avrebbero presa le categorie e gli schemi con cui si guarda a situazioni più o meno analoghe. Come la diffusione della percezione eccezionalista di un mondo a parte, dove valgono altre regole e altri criteri di giudizio, analitici e politici, risulti funzionale alle strategie di dominio israeliane è un dato talmente scontato da non necessitare di ulteriori precisazioni. Di conseguenza, non si può che guardare con interesse a tutti i tentativi di sottrarre quel conflitto a simili lenti deformanti. È senza dubbio il caso di Esclusi. La globalizzazione neoliberista del colonialismo di insediamento, una raccolta di saggi curata da Enrico Bartolomei, Diana Carminati e Alfredo Tradardi (DeriveApprodi, pp. 238, euro 18). Come si desume dal titolo, però, il libro si incentra una tematica di ordine più generale, il colonialismo di insediamento, di cui il caso Israele/Palestina viene assunto come caso paradigmatico, a cui è espressamente dedicata la terza parte del volume.
mercoledì 20 dicembre 2017
Leggi l'articolo...


Intervista a Wolf Bukowski: "Caporalato e sfruttamento lavorativo tra i non luoghi del nuovo cibo globalizzato"

Dopo il brillante "La danza delle mozzarelle", un altro libro di Wolf Bukowski, La "Santa crociata del porco" (sempre edito da Alegre nella collana Quinto Tipo diretta da Wu Ming 1), ci offre una riflessione a tutto tondo sulla centralità della produzione alimentare nello sviluppo capitalistico e su quello che quotidianamente mettiamo in tavola (insieme a molti altri significati culturali che assume il Sus scrofa domesticus). Abbiamo proposto alcune domande a Wolf a partire dal dialogo del mese scorso con Yvan Sagnet, presidente dell’associazione NO Cap. Se entrambi ci restituiscono molto chiaramente quali sono i meccanismi dell’ipersfruttamento schiavistico delle campagne agricole, le risposte di Bukowski allargano l’orizzonte della necessità di sovvertire i rapporti di forza consolidati, andando oltre le buone pratiche del bravo consumatore.
martedì 19 dicembre 2017
Leggi l'articolo...


Cinquant’anni di bugie sull’occupazione israeliana.

Facciamo conto che l’occupazione sia giustificata. Diciamo pure che Israele non aveva scelta. Non chiamiamola neppure occupazione. Diciamo che è stata riconosciuta dal diritto internazionale e che il mondo l’ha approvata. Immaginiamo che i palestinesi siano grati della sua presenza. Rimane comunque un piccolo problema: l’intera faccenda si basa interamente su delle bugie. Dall’inizio a una fine che sembra sempre più lontana, è tutto un mucchio di bugie. Non c’è una sola parola di verità. Se non fosse stato per queste bugie, difficilmente si sarebbe arrivati dove siamo oggi. Queste bugie, in alcuni casi usate dalla destra come motivo di grande vanto – “per il bene d’Israele è lecito mentire” – sono sufficienti a disgustare qualunque persona perbene.
domenica 10 dicembre 2017
Leggi l'articolo...


Avanti Ultima pag.
News