Cerca Contatti Archivio
 
La lotta dei pastori sardi si combatte nei supermercati.

La protesta dei pastori sardi, che da giorni rovesciano latte in strada, è emblematica dei sempre più frequenti conflitti tra i vari attori della filiera alimentare. Prima di arrivare in tavola, ogni cibo passa attraverso diverse fasi: ci sono i produttori di materia prima (nella fattispecie i pastori), i trasformatori industriali (che fanno i formaggi) e i punti vendita – oggi sempre più dominati dalla Grande distribuzione organizzata (Gdo). I passaggi non sono noti al grande pubblico, che vede solo l’ultimo anello della catena e si stupisce delle proteste eclatanti periodicamente messe in campo dai produttori. Nel caso del latte ovino e del pecorino, la mancata regolamentazione e l’inefficacia delle sanzioni in caso di sovrapproduzione hanno determinato un surplus di prodotto – e un conseguente crollo dei prezzi, che si è riversato a cascata sugli attori più deboli della filiera.
lunedì 18 febbraio 2019
Leggi l'articolo...


Glifosato e pesticidi negli orti delle nostre città. Parola delle api.

Api, glifosato e metalli pesanti. Un mix che non risparmia l'Italia e le nostre città. Un nuovo studio, condotto tra il 2017 e 2018 in 4 centri urbani ha scoperto che le api avevano assorbito sostanze come cromo, vanadio, nichel e ferro, seguiti da piombo, rame e zinco ma anche glifosato. Le api sono vere e proprie sentinelle dell'ambiente. La loro presenza è sinonimo di salubrità e di un ecosistema sano. Partendo da questo presupposto, il progetto “Api e Orti Urbani” ha cercato di rilevare la presenza nel loro organismo di eventuali contaminanti attraverso lo studio del loro comportamento, l’analisi di laboratorio delle api e delle loro produzioni: miele, polline, cera e propoli.
lunedì 18 febbraio 2019
Leggi l'articolo...


Prezzo del latte di pecora in Sardegna: Antitrust avvia un’istruttoria nei confronti dei produttori di Pecorino Romano DOP

Oggi l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha aperto un’istruttoria sui prezzi del latte sardo di pecora destinato alla produzione di Pecorino Romano Dop, sulla base della normativa relativa alle pratiche commerciali sleali nella filiera agroalimentare. Il procedimento è stato avviato nei confronti del Consorzio per la Tutela del Formaggio Pecorino Romano e di trentadue imprese sarde di trasformazione aderenti. L’Antitrust vuole verificare se gli operatori abbiano imposto agli allevatori un prezzo di cessione del latte al di sotto dei costi medi di produzione, in violazione dell’art. 62 del D.L. 1/2012. Questo tipo di operazione potrebbe inquadrarsi in una situazione di squilibrio contrattuale tra i caseifici e i pastori che si devono considerare la parte debole del rapporto in ragione della natura altamente deperibile del latte e delle caratteristiche dimensionali e organizzative delle imprese di allevamento. L’istruttoria dovrà concludersi entro 120 giorni dall’avvio.
giovedì 14 febbraio 2019
Leggi l'articolo...


Il giudice e l’algoritmo: in Cina l’intelligenza artificiale arriva nei tribunali.

Cina. La corsa cinese alle nuove tecnologie coinvolge anche la giustizia. Intervista con il professore Renzo Cavalieri della Ca’ Foscari. In Cina l’intelligenza artificiale viene ormai applicata anche nel mondo giudiziario: per raccogliere prove, per uniformare le sentenze. Senza alcun dibattito in merito. La corsa cinese all’intelligenza artificiale si ammanta di progressi reali e di propaganda. Nelle ultime settimane la stampa locale ha sottolineato il peso che i sistemi di Ai avranno all’interno del sistema giudiziario, nel lavoro delle corti, nelle procedure e nella raccolta delle prove. Per andare al di là della propaganda e comprendere davvero l’impatto che l’Ai può avere sul sistema giudiziario e più in generale nell’ambito legislativo cinese abbiamo intervistato Renzo Cavalieri, professore di diritto dell’Asia Orientale presso l’Università di Venezia Ca’ Foscari e avvocato presso lo studio legale Bonelli Erede.
venerdì 8 febbraio 2019
Leggi l'articolo...


PADOVA - Acqua Bene Comune: la proposta di delibera di Iniziativa Popolare sull’acqua è stata approvata!

Vittoria, la delibera proposta dal Comitato 2SI Acqua Bene Comune Padova e sostenuta da quasi 1000 cittadini è stata approvata nel consiglio comunale del 28/1/19. La battaglia è stata lunga e faticosa, ma ne è valsa la pena e dimostra che la pressione, il protagonismo dal basso, intelligente, caparbio, capace e aperto a tutti, alla fine vengono premiati. È solo l’inizio.
martedì 29 gennaio 2019
Leggi l'articolo...


Olio extravergine italiano addio? Il 90% delle bottiglie al supermercato saranno miscele di oli UE ed extra UE.

L’Italia al 31 dicembre 2018 ha prodotto solo 166.476 tonnellate di olio d’oliva. Si tratta del dato peggiore degli ultimi anni, una crisi che si risolve con un incremento delle importazioni di olio extravergine da Spagna, Grecia, Tunisia e Marocco. Vuol dire che per soddisfare il mercato interno i grandi marchi italiani dovranno importare una quantità pari a circa il 70% del fabbisogno (*). Tradotto in soldoni, il 90% circa delle bottiglie d’olio extravergine esposte sugli scaffali dei supermercati, non considerando le Dop, contiene miscele di olio UE ed extra UE.
lunedì 28 gennaio 2019
Leggi l'articolo...


PUBBLICHIAMO L'APPELLO DEL COMITATO 2SI ACQUA BENE COMUNE DI PADOVA Troviamoci al presidio in Consiglio comunale Palazzo Moroni Lunedì 28 gennaio 2019

la nostra proposta di Deliberazione di Iniziativa Popolare sull’ACQUA firmata da 916 cittadini padovani e depositata 23/10/2017 è arrivata, dopo tre riunioni di commissioni congiunte, al voto finale in Consiglio comunale. Le nostre tre richieste, in linea con la proposta di legge nazionale sull’acqua, depositata il 23/3/2018 alla camera, vogliono migliorare la gestione del Servizio Idrico Integrato in conformità alla vittoria referendaria del giugno 2011.
lunedì 28 gennaio 2019
Leggi l'articolo...


Reddito di base, una mappa anti propaganda.

Il libro. «Il reddito di base nell’era digitale» di Giuseppe Allegri, pubblicato da Fefé editore. S’immagina una nuova architettura costituzionale, che possa aggredire la ricchezza finanziaria. Tre i concetti su cui si articola il volume: solidarietà, autodeterminazione, protezione individuale e collettiva. Con Il reddito di base nell’era digitale (Fefé editore, pp. 265, euro 15) Giuseppe Allegri ha scritto un libro necessario in un paese dove il governo nazional-populista Lega-Cinque Stelle sta istituendo una versione reazionaria del «reddito di cittadinanza». Ovvero: un sussidio che obbligherà al lavoro gratuito, alla formazione e riqualificazione obbligatoria, all’emigrazione forzata, all’arricchimento dei capitalisti che incasseranno i nuovi incentivi erogati sul modello del Jobs Act. Questo progetto è la parodia di una misura che significa l’opposto: una tutela universale di un diritto fondamentale all’esistenza di ogni persona svincolata dal lavoro e dalla nazionalità.
sabato 19 gennaio 2019
Leggi l'articolo...


M5s e Lega: Cialtroni. . Una lettera aperta dell'ex ct dell'Italvolley

L'ex ct dell'Italvolley pubblica su Facebook una lettera aperta in cui attacca duramente M5s e Lega. E il suo post diventa virale. - - - Cialtroni. Il vostro difetto non è l’incapacità, ma l’arroganza. La vostra colpa non è di non aver idea di come si governi un Paese, ma quello di credere di saperlo fare e di aver fatto credere di saperlo fare. Vi siete smentiti su tutto. Avete dimostrato un’incompetenza abissale, tipica di chi crede di poter parlare di immunologia avendo studiato su Facebook, di politiche del lavoro avendo fatto lo steward al San Paolo o di riforma dello sport avendo fatto l’istruttore in una palestra della Virgin (gli esempi si riferiscono a fatti e persone realmente esistiti!).
venerdì 18 gennaio 2019
Leggi l'articolo...


Niente carne e pesce per un giorno: è il Lunedì Verde, l’iniziativa francese per salvare ambiente e salute cambiando le abitudini alimentari.

Rinunciare alla carne e al pesce un giorno alla settimana per un mondo più sostenibile e una vita più sana. È questo il messaggio dell’appello per un Lunedì Verde, un’iniziativa lanciata in Francia con l’inizio del nuovo anno e sottoscritta da 500 esponenti del mondo scientifico, ambientalista, sportivo e artistico, come l’attrice Juliette Binoche, e da 24 associazioni e organizzazioni, tra cui spiccano Greenpeace e Ciwf France. I cittadini francesi che scelgono di partecipare all’iniziativa entrano a far parte di uno studio scientifico sul cambiamento delle abitudini alimentari condotto dai ricercatori del Cnrs, dell’Inra e alcune università d’oltralpe.
martedì 15 gennaio 2019
Leggi l'articolo...


Avanti Ultima pag.
News