Cerca Contatti Archivio
 
Gli orrori libici: fosse comuni per i migranti uccisi in viaggio.

Soccorritori avvisati solo per ricomporre le vittime. E l’Ong Moas ferma i salvataggi in mare. Quando negli uffici della Mezzaluna Rossa squilla il telefono non scatta nessuna corsa contro il tempo. Sanno già di cosa si tratta. «Cadaveri da ricomporre, non c’è nessuno da soccorrere». Va avanti così da mesi. Gli operatori sono stati addestrati per salvare vite, ma in Libia è sempre troppo tardi. Alle volte li restituisce il mare, altre vengono scoperti per caso in una buca di sabbia. «Spesso non si riesce neanche a capire se si tratta di migranti uccisi dagli scafisti, di combattenti eliminati nei regolamenti di conti tra bande di paramilitari, oppure entrambi i casi», spiega una fonte locale.
sabato 9 settembre 2017
Leggi l'articolo...


¿DÓNDE ESTÁ MALDONADO?

Lo scorso primo agosto a Cushamen, in Patagonia, durante una manifestazione per la liberazione di Facundo Jones Huala, leader riconosciuto dei Mapuche, viene fatto sparire un attivista ventottenne originario di Buenos Aires. Si chiama Santiago Maldonado e per l’Argentina torna lo spettro della desaparicion forzada.
sabato 2 settembre 2017
Leggi l'articolo...


Giù le mani dalle nostre terre in Patagonia: i mapuche sfidano Benetton.

Un gruppo di nativi rivendicano il possesso delle terre ancestrali. Ma Benetton replica, non indigeni, ma immigrati dal Cile. Forse, quando decisero di acquistare dei vastissimi appezzamenti di terreno in Patagonia, i Benetton non ricordavano un film del 1974 diretto da Hector Olivera e tratto da un romanzo di Osvaldo Bayer. Il film si chiamava ''La Patagonia rebelde'' (parlava di ribellioni sindacali) e non ci vuol molto a capirne la traduzione italiana che sottolinea lo spirito di una terra che da secoli si è sentita oppressa e sfruttata e che, quando ha potuto, ha tentato di rialzare la testa, di ribellarsi, appunto. Come accaduto a Buenos Aires, con la manifestazione seguita alla scomparsa di un atticista mapuche, Santiago Maldonado.
sabato 2 settembre 2017
Leggi l'articolo...


La guerra ai poveri che ci distrae dal mondo reale.

A dieci anni dall’inizio della crisi che scosse l’economia mondiale, facciamo ancora i conti con le sue conseguenze. Mentre sui mercati si delinea uno scenario molto simile a quello pre-2007. L’editoriale del numero di settembre del direttore di Altreconomia, Pietro Raitano.
giovedì 31 agosto 2017
Leggi l'articolo...


Argentina, Mapuche contro Benetton: storia di un giovane guerriero.

Facundo Jones Duala è in carcere da un anno con l'accusa di terrorismo. Il leader della stirpe indigena è stato arrestato mentre reclamava per la terra, che secondo i Mapuche è di loro proprietà. RIO DE JANEIRO - Il simbolo della battaglia per il Paradiso è un uomo di 30 anni, lo sguardo fiero, gli occhi neri e profondi, il viso e la bocca circondati da un filo di barba. Si chiama Facundo Jones Huala. Da 12 mesi è in carcere. L’Argentina e il Cile lo considerano un terrorista. Il secondo lo vuole, la prima rifiuta di estradarlo. Lui si dichiara un combattente della libertà. È il leader dei Mapuche, l’ultimo esponente di una stirpe indigena che tra il 1600 e la fine dell’800 dominavano la Patagonia prima di essere spazzati via dagli argentini. La loro terra era una fascia ininterrotta che si estendeva dalla costa atlantica a quella pacifica.
domenica 27 agosto 2017
Leggi l'articolo...


Rassegna stampa - Leroy Merlin: apertura delle buste e sit in ambientalista. «Così ucciderete 80 negozi»

Ciao a tutt*, approffittiamo dell'invio di questa rassegna stampa per ricordarvi che è iniziata la raccolta delle 500 firme necessarie perchè il Consiglio Comunale di Padova discuta del problema dell'affidamento della riqualificazione dell'ex foro boario di PD (un'area superiore ai 200.000 mq.) alla multinazionale del bricolage Leroy Merlin. Potete passare dal lunedi al venerdi, dalle 11:45 alle 16:00, in sede per firmare la petizione. Cerchiamo di fare presto...
sabato 26 agosto 2017
Leggi l'articolo...


Rassegna stampa - Trissino (VI) inquinamenti: Non solo Pfas, sottoterra ci sono altri veleni

La situazione dell’inquinamento ambientale è così palese che non servono commenti alle notizie che ci raggiungono, nonostante questo troppi cittadini restano alla finestra invece di organizzare nuovi modelli produttivi e di gestione delle politiche... Poveri ragazzi che debbono andare a lavarsi il sangue!!
venerdì 25 agosto 2017
Leggi l'articolo...


Monsanto Leaks, ecco come è stata (e continua a essere) avvelenata Brescia.

Un danno ambientale di almeno 1,5 miliardi di euro: 300 ettari di terreno inquinato, 25 mila abitanti coinvolti. Per quasi vent'anni la produzione di Fenclor alla Caffaro è andata avanti nonostante i documenti interni avessero lanciato l'allarme. Più di 20 mila documenti dell'industria dei veleni. Note riservate, lettere interne, verbali di riunioni e studi scientifici che mostrano le avanzate conoscenze che i grandi gruppi della chimica mondiale, dalla Monsanto alla DuPont, dalla Union Carbide alla Dow, avevano a disposizione già negli anni ‘70 sulla tossicità di erbicidi, pesticidi e composti chimici.
giovedì 24 agosto 2017
Leggi l'articolo...


Bayer-Monsanto: Ue blocca la storica fusione. Qual è il vero motivo?

La fusione tra Bayer e Monsanto ha ricevuto un duro colpo dall’Unione europea. Il processo è stato ufficialmente congelato, ma qual è il vero motivo?
mercoledì 23 agosto 2017
Leggi l'articolo...


Riuscito il presidio di protesta ed informazione davanti alla sede del Settore Contratti, Appalti e Provveditorato di Padova

Riuscito il presidio di protesta ed informazione in via N. Tommaseo, 60, davanti alla sede del Settore Contratti, Appalti e Provveditorato di Padova (Palazzo Gozzi antistante alla chiesa della Pace): la partecipazione è stata ampia, in periodo di ferie più di 60 cittadini si sono presentati a sostenere l’iniziativa che contesta il progetto di ristrutturazione dell’area dell’ex Foro Boario di Corso Australia, da parte dell’amministrazione e Leroy Merlin, che mira a realizzare un grande centro commerciale con nuove edificazioni ed un nuovo cavalcavia limitrofo all’area del cimitero maggiore. Come da noi previsto, anche se ci accusavano di essere tendenziosi, alla gara si è presentato un solo partecipante. La Leroy Merlin (alla faccia di chi teorizza la libera concorrenza...).
martedì 22 agosto 2017
Leggi l'articolo...


Avanti Ultima pag.
News