Cerca Contatti Archivio
 
Una riforma radicale dell'agricoltura, per operatori, consumatori e turisti.

Qualche volta troviamo nei quotidiani una voce che esce dal coro, che, con tono pacato, riflette sulle prospettive della nostra agricoltura, che individua con semplicita problemi e soluzioni praticabili, che scavalca la logica degli schieramenti di partito e delle lobbyes d'interessi. Piccoli spunti che ridefiniscono i contorni di rapporti sociali e produttivi altri da quelli sostenuti nel presente sistema agroindustriale; un invito a vivere la ricchezza di un'agricoltura possibile e non a subirne il degrado e gli effetti deleteri per la sicurezza alimentare, l'economia del paese e la sua crescita sociale. a cura di AltrAgricoltura Nord Est
mercoledì 26 gennaio 2005
Leggi l'articolo...


Gruppi d'acquisto per accorciare la lunga catena del consumo

ALTRAGRICOLTURA Ciclo-corto: gruppi d'acquisto per accorciare la lunga catena del consumo A.M.) Per osteggiare il caro-vita e valorizzare la qualità dei prodotti che arrivano sulle nostre tavole, per sostenere i sistemi produttivi nel rispetto dell'am
venerdì 26 novembre 2004
Leggi l'articolo...


Il "tavolo della sovranità alimentare" dice no agli Ogm


sabato 24 luglio 2004
Leggi l'articolo...


Avanti Ultima pag.
News

LE VARIANTI CONTESTATE. IL POLPO DI LEROY MERLIN INDIGESTO AI COMITATI “NON RIDUCE L’IMPATTO”
In tanti modi si può “cucinare” il polpo, ma lo svincolo tentacolare che smisterà il traffico verso il centro commerciale di Leroy Merlin, all’ex foro boario, resta sempre indigesto ai comitati della zona e agli ambientalisti del Comitato difesa alberi e territorio. Il problema di fondo è che quel progetto moltiplica il traffico e l’inquinamento, aumenta il consumo di suolo e strozza un pezzo di città, in cambio di un interesse pubblico che per i comitati è tutto da verificare. >>



Il Tribunale dell’Ue respinge i ricorsi (di Bayer e Syngenta)) contro le restrizioni ai pesticidi neonicotinoidi pericolosi per le api. Accolto in gran parte quello sul fipronil.
Le restrizioni all’uso di tre pesticidi neonicotinoidi – clothianidin, tiametoxam e imidacloprid – introdotte dalla Commissione europea nel 2013 erano scientificamente giustificate, perché basate sulla valutazione dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), che aveva accertato l’esistenza di effetti inaccettabili di queste sostanze attive sulle api. Lo ha stabilito il Tribunale dell’Ue respingendo integralmente i ricorsi presentati dalla Bayer, che produce e commercializza l’imidacloprid e il clothianidin all’interno dell’Unione, e dal gruppo Syngenta, produttore del tiametoxam, nonché di sementi conciate. Syngenta aveva anche chiesto un risarcimento di almeno a 367,9 milioni di euro. >>



L’allarme di Coldiretti: “I limoni siciliani stanno scomparendo”
L’allarme di Coldiretti: “I limoni siciliani stanno scomparendo” – Non si capisce perché ci fanno acquistare a 3 euro il prodotto che arriva dall’altra parte del mondo e non consumare quello della nostra terra !!! >>