Cerca Contatti Archivio
 
Riso Ogm- la Cina pronta al via libera

Forti le opposizioni, sia internazionali che interne Riso Ogm: la Cina pronta al via libera In un meeting su salute e biologia svolto a Pechino, presentati quattro nuovi tipi di riso geneticamente modificato.
CINA - Il governo cinese è a un passo dal dire sì alla produzione di quattro nuove varietà di riso geneticamente modificato, nonostante l'opposizione di gruppi come Greenpeace e dell'opinione pubblica occidentale. E' quanto emerge dal recente meeting sul tema biologia e salute, svolto a Pechino e promosso dal Ministero dell'Agricoltura, durante il quale i ricercatori cinesi hanno mostrato i risultati delle loro ricerche su nuovi tipo di riso, resistenti ai parassiti e alle malattie. Nella stessa occasione gli scienziati hanno chiesto formalmente al governo di autorizzare la produzione in larga scala del riso Ogm. Se la riforma verrà approvata, la Cina diventerebbe il primo operatore mondiale nella produzione di riso biotech. BISOGNI - «La produzione del riso Ogm è essenziale per il sostentamento della Cina, in paese di un 1 miliardo e 300 milioni di abitanti che si cibano principalmente di questo prodotto» ha affermato Zhu Zhen, il biologo che ha guidato la ricerca. Sei anni di esperimenti e prove di pre-produzione sul campo hanno dato risultati notevoli, a livello scientifico. Il nuovo riso e i nuovi prodotti chimici, assicurerebbero un incremento della produzione dal 4 all'8% e un ribasso dell'80% del pericolo di danneggiamento dei raccolti a causa dei parassiti. PERICOLI - Ma l'ok politico è osteggiato non soltanto dai gruppi internazionali come Greenpeace, che accusano i produttori di voler esclusivametne incrementare la produzione a minor costo senza badare alle conseguenze sulla salute, ma anche da parte di alcuni biologi cinesi, che temono le possibili ripercuissioni sulla salute popolazione a causa dei residui tossici dei nuovi pesticidi. E sull'ambiente in generale, a causa dell'immissione di questo seme «ibrido» di cui non si può prevedere l'impatto a lungo termine. MERCATO - Le ragioni commerciali di questa pressione, da parte dei produttori, sono evidenti: dei 25 milioni di tonnellate di riso prodotte a livello mondiale, la Cina ne produce ben il 30% ma gli introiti che derivano dall'esportazione del prodotto riguardano una fetta minima, solo 1 milione di tonnellate, ultimamente persino diminuita. La prospettiva di incremento offerta dalla manipolazione genetica è attraente, ma gli agricoltori delle province di Fujan e Hubei, le zone-cavia dove si sono svolti gli esperimenti negli ultimi sei anni, secondo alcune fonti indipendenti, non sono molto tranquilli.


giovedì 2 dicembre 2004


News

I colli del Prosecco si spopolano: “Troppi pesticidi, non si respira e ci si ammala”
Case in svendita tra i vigneti: l’abuso di fitofarmaci influenza il mercato immobiliare coneglianese. CONEGLIANO – Fuggono dai colli e cercano una casa in centro. Perché, lo smog cittadino, è preferibile ai pesticidi che, ogni primavera, rendono l’aria delle colline coneglianesi irrespirabile. L’utilizzo di fitofarmaci sui vigneti del Prosecco sta influenzando il mercato immobiliare. Da una parte si ha un centro città saturo, dove è difficilissimo trovare immobili in affitto, dall’altra un circondario collinare zeppo di abitazioni vuote, in vendita. Anzi: in svendita. >>



Semine di mais OGM Mon810 in Friuli Venezia Giulia: comunicato ufficiale del "Coordinamento Zero OGM"
Il Coordinamento Zero OGM comunica che, a seguito delle semine illegali di mais OGM MON 810, avvenute il 21 aprile 2018 da parte del Signor Giorgio Fidenato nei campi di Colloredo di Monte Albano ( UD ) e in data imprecisata a Vivaro ( PN ), lunedì 09 luglio 2018 gli agenti del Corpo Forestale del Friuli Venezia Giulia hanno provveduto all’estirpazione del mais ed al ripristino della legalità. Nella stessa giornata sono stati abbattuti complessivamente, su disposizione del Ministero delle Politiche Agricole, 6.000 mq. di mais geneticamente modificato, prima nei campi di Colloredo di Monte Albano, poi in quelli di Vivaro. >>



Pordenone, “prosciutti San Daniele dop contraffatti”: 103 indagati. Sequestrati 270mila salumi.
Sotto inchiesta anche responsabili e impiegati del macello di Aviano, allevatori, prosciuttifici, ispettori del Consorzio di tutela. Sedici posizioni segnalate ad altre procure. La Procura ipotizza anche truffe per ottenere un contributo previsto dal piano di sviluppo rurale della Comunità europea di 400mila euro, e per incassare ulteriori contributo per 520mila euro. >>