Cerca Contatti Archivio
 
Il "tavolo della sovranità alimentare" dice no agli Ogm


Venezia (g.t.) Si chiama "tavolo della sovranità alimentare" e vi aderiscono le associazioni ambientaliste, dei consumatori e dei lavoratori del settore agricolo che oggi nell'aula magna della Facoltà di agraria di Agripolis a Legnaro terranno la loro assemblea generale per ribadire il fallimento delle politiche agrarie comunitarie dalle quali «traggono beneficio soprattutto le multinazionali e le grandi catene distributive (Coop, Despar, Auchan) che pagano sempre meno i prodotti alla fonte e, grazie, ai propri marchi riescono a realizzare profitti incredibili». Una "due giorni" di mobilitazione decisa alla vigilia della comunicazione da parte del Governo alla Ue delle opzioni relative all'applicazione della riforma della politica agricola comunitaria (Pac) che ha avuto un'anteprima ieri a Venezia a palazzo Ferro Fini dove il "tavolo" ha illustrato ai consiglieri Mauro Tosi (Rifondazione), Guido Trento (Margherita), Lucio Tiozzo (Ds) e Daniele Stival (Lega) le proprie proposte. «Nel Veneto - è stato sintetizzato - come del resto in Italia e in Europa, è necessario avviare una diversa politica agraria che cominci con il dire un chiaro "no" agli Ogm e valorizzi il "ciclo corto" per avvicinare il produttore al consumatore e le produzioni biologiche che non devono essere più intese come "nicchia" sofisticata destinata a pochi».

Il centrosinistra ha illustrato una mozione che chiede alla Giunta veneta di impegnare il Governo italiano a incentivare il mantenimento dell'agricoltura e della zootecnia nelle zone svantaggiate; favorire l'insediamento dei giovani agricoltori; promuovere l'agricoltura biologica; a provvedere d'intesa con le Regioni alla formulazione dei nuovi indirizzi per i piani di sviluppo rurale.
sabato 24 luglio 2004


News

Stato di polizia in Salento. Manganellate sui notap e 52 fermi di polizia.
 Stato di polizia in Salento. Manganellate sui notap e 52 fermi di polizia 09 Dicembre 2017 | in NO TAV&BENI COMUNI. Stampa |||||||  Chiuso per dignità. A Melendugno sciopero contro il TAP. Stato di polizia in Salento. Manganellate sui notap e 52 fermi di polizia Stato di polizia in Salento. Manganellate sui notap e 52 fermi di polizia Altra giornata di repressione a Melendugno, dove un gruppo di oltre una cinquantina di manifestanti è stato fermato all'interno della zona rossa. L'episodio è avvenuto durante una delle consuete passeggiate pomeridiane in zona San Basilio con cui gli attivisti continuano a manifestare la contrarietà all'ennesima grande opera inutile. Un centinaio di attivisti si sono ritrovati nel primo pomeriggio di oggi a ridosso della zona rossa, e una parte di loro è riuscita ad aggirare il primo blocco. Subito dopo sono stati accerchiati, ammanettati e portati in questura a Lecce, tra loro ci sarebbero anche alcuni minorenni. Ci sarebbero dei feriti tra cui una ragazza appena ventenne. >>



Usa, perdita gigantesca dall'oleodotto Keystone: versati 795 mila litri di petrolio
Una perdita gigantesca, parti a 210 mila galloni di petrolio (circa 795mila litri), si è verificata dall'oleodotto Keystone in South Dakota. Lo ha confermato TransCanada, l'azienda che gestisce la struttura. La struttura è stato chiusa e i responsabili si sono attivati per risalire alla causa di quanto accaduto. Si tratta della più grande perdita mai registrata nello Stato. >>



EUROGENDFOR: la super polizia con diritto di vita o di morte, il nuovo nazismo europeo, avanza.
E’ pubblicato sul sito dell’U.N.A.C oltre che sulla Gazzetta Ufficiale. L’Arma verso lo scioglimento. L’Unione Europea impone la smilitarizzazione della quarta Forza Armata e l’accorpamento dei carabinieri alla Polizia di Stato. L’Arma dei carabinieri in un futuro più o meno prossimo, ma certamente non remoto, è destinata ad un inevitabile scioglimento“. Poco più di tre anni fa la Camera dei Deputati ratificava ad unanimità l’accordo europeo per la costituzione di una forza armata speciale, chiamata EGF. >>