Cerca Contatti Archivio
 
Una riforma radicale dell'agricoltura, per operatori, consumatori e turisti.

Qualche volta troviamo nei quotidiani una voce che esce dal coro, che, con tono pacato, riflette sulle prospettive della nostra agricoltura, che individua con semplicita problemi e soluzioni praticabili, che scavalca la logica degli schieramenti di partito e delle lobbyes d'interessi. Piccoli spunti che ridefiniscono i contorni di rapporti sociali e produttivi altri da quelli sostenuti nel presente sistema agroindustriale; un invito a vivere la ricchezza di un'agricoltura possibile e non a subirne il degrado e gli effetti deleteri per la sicurezza alimentare, l'economia del paese e la sua crescita sociale. a cura di AltrAgricoltura Nord Est
Una riforma radicale dell'agricoltura, per operatori, consumatori e turisti. Tante riunioni, discussioni intorno ai grandi tavoli istituzionali, creazioni di nuove sigle, Doc, Top, IGP, istituzioni di consorzi, marchi, eppure questa nostra agricoltura stenta a trovare una sua identità, stenta a ritornare al centro dell'attenzione dei giovani, a godere. Mai come in questi ultimi anni mi sono convinto di come sia necessaria una riforma radicale, di come, laddove è possibile, si debba riportare al centro le due parti veramente rilevanti della questione ovvero i contadini e i consumatori, facendo fare tanti tanti tanti passi indietro alle organizzazioni intermedie comprese quelle apparentemente espressione dei contadini stessi che stanno finendo, come altre organizzazioni di categoria, più per rappresentare se stesse che gli interessi dei loro singoli associati. E' necessario dare un ruolo centrale e investire di responsabilità il singolo produttore, la singola azienda, i quali devono loro rispondere dell'onestà e qualità dei loro prodotti. Si deve smetterla col giustificare mascheramenti collettivi sbagliati dietro sigle o etichette che troppo spesso risultano ingannevoli e menzognere per il consumatore. Laddove è possibile bisogna operare un accorciamento drastico della filiera, realizzando la condizione per cui il consumatore possa direttamente acquistare dal produttore. E' questa una condizione che da sola può permettere un innalzamento di reddito dei contadini e un risparmio dei consumatori. Vanno chieste alle associazioni di consumatori collaborazioni autentiche per campagne di informazione che incentivino al consumo di prodotti stagionali, dei prodotti del territorio, degli alimenti coltivati in modo coerente con la salute e la qualità ambientale. E' necessario finirla con le pianificazioni economiche di vecchio stampo che costringono tutti a piantare un certo vitigno o determinate colture di mais o di soia solo in funzione di assistenzialistici contributi pubblici. Bisogna smetterla col favorire l'edificazione di camuffate strutture di supporto agricolo che cementificano esasperatamente il nostro territorio, guastandolo irrimediabilmente. Dobbiamo incentivare la cura dei boschi, l'ordinato mantenimento delle aree prative, l'allevamento animale all'aperto, le colture di territorio, perché questo non è solo agricoltura ma è ambiente, ma è qualità del territorio. Il territorio, e ne è testimonianza quel che accade sui colli Euganei, non si salva con l'istituzione di enti che dissipano risorse e frenano lo sviluppo, ma con la creazione di una nuova cultura di lavoro, di vita, dei suoi abitanti. In un territorio bello, centrale, come quello dei colli, ricco di storia, facile alle comunicazioni, va ricreato rapidamente un equilibrio tra turismo e attività agricole, va fatta un'opera urgente di riqualificazione delle strutture ricettive e agrituristiche al fine di dissipare la pessima fama che questo territorio si è costruito in materia di qualità del cibo, del vino, di accessibilità. Le amministrazioni comunali, gli ispettorati agrari, hanno il compito di controllare il rispetto delle norme, non dalle documentazioni cartacee che provengono dagli uffici, ma con visite dirette nei luoghi di svolgimento delle attività perché solo in questo modo si può aiutare la gente a capire che il rispetto di talune regole è basilare non per un indeterminato interesse degli altri ma per il loro interesse e per sostenere lo sviluppo.I vini, gli oli, la selvaggina, le paste, le erbe, le vedute, le acque, il mondo costruito dalla natura e dall'uomo, dei colli Euganei sono una risorsa importante spendibile per il turismo individuale, degli anziani, di massa dei nuovi paesi emergenti, per i consumatori che vogliono bere e mangiare qualcosa della loro terra o di questa terra. Ripensiamo oltre a ciò che ha fatto la Camera di Commercio, ai consorzi e alle associazioni, a tornare protagonisti, a rivendicare la dignità e la centralità del nostro ruolo di contadini per una prospettiva di sviluppo di questo nostro Paese. (Davidino Il Contadino)


mercoledì 26 gennaio 2005


News

Il Parlamento europeo mette al bando Monsanto. L’azienda produttrice del RoundUp ha rifiutato di partecipare a un’audizione sull’erbicida glifosato.
I rappresentanti di Monsanto non possono più entrare al Parlamento europeo, dopo che la multinazionale statunitense ha rifiutato di partecipare alle audizioni su “I Monsanto Papers e il glifosato”, organizzate dalle commissioni ambiente e agricoltura per l’11 ottobre, in merito alle accuse secondo cui Monsanto, produttrice del RoundUp, avrebbe indebitamente influenzato le decisioni delle autorità regolatorie sui rischi dell’erbicida glifosato. >>



Veneto, i veleni della fabbrica nel sangue dei residenti.
Miteni Spa a Trissino. La «guerra dei Pfas» tracima i confini e diventa istituzionale e politica. Botta e risposta tra il governatore Zaia e la ministra Lorenzin. In 79 Comuni nelle province di Verona, Vicenza e Padova, 250 mila contaminati. La “guerra dei Pfas” tracima oltre i confini del Veneto. E diventa istituzionale, politica, ma soprattutto sui risarcimenti. Le sostanze perfluoro alchiliche (Pfas) hanno già avvelenato il sangue di più di 250 mila residenti in 79 Comuni fra le province di Verona, Vicenza e Padova. E come certificato dalla relazione dei carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Treviso fin dal 1990 la Miteni Spa a Trissino inquinava il suolo nell’impianto e il vicino torrente Poscola. >>



Nuovo scandalo negli Usa: la guerra sporca di Monsanto al biologico.
Un piano ben orchestrato e finanziato per attaccare il biologico, screditarlo, istillare nei consumatori la sensazione che sia un bluff. È quello messo in atto nel 2014 dai dirigenti di Monsanto, il principale fornitore mondiale di pesticidi e di semi geneticamente modificati. Lo scandalo, emerso in questi giorni, descrive come – ancora una volta – le multinazionali abbiano messo le mani sulla scienza per i loro poco confessabili interessi. >>