Cerca Contatti Archivio
 
"PRODOTTI TIPICI? LA GDO VUOLE SOLO FOLKLORE"

Difficile rapporto con la grande distribuzione. «Negli scaffali merce da Spagna, Grecia, Marocco, Egitto e Turchia. I nostri prodotti relegati nell'angolo». Bronte. Un giro più o meno veloce tra pianura e montagna, tra Piana e Etna. Un giro che basta a farsi più che un'idea del perché puoi produrre tutto il buono del mondo e non lo troverai che raramente sui banconi dei supermercati.
giovedì 2 dicembre 2004
Leggi l'articolo...


OGM: IUCN CHIEDE LA MORATORIA MONDIALE

Al congresso dell'Unione internazionale per la conservazione della natura maggioranza assoluta alla mozione per l'alt al biotech Lo IUCN (Unione internazionale per la conservazione della natura, che ha lo status di osservatore alle Nazioni Unite) è un'
venerdì 26 novembre 2004
Leggi l'articolo...


Grido d'allarme dell'Organizzazione mondiale della Salute. Virus dei polli, si rischia la pandemia.

Continua incessante il grido di allarme, dell'Organizzazione Mondiale della Salute, su una possibile pandemia originata dal virus dei polli H5N1. Ma nessuna istituzione che ha come responsabilità e campo d'azione la salute pubblica dice chiaramente che
venerdì 26 novembre 2004
Leggi l'articolo...


Prima pag. Indietro Avanti Ultima pag.
News

Pordenone, “prosciutti San Daniele dop contraffatti”: 103 indagati. Sequestrati 270mila salumi.
Sotto inchiesta anche responsabili e impiegati del macello di Aviano, allevatori, prosciuttifici, ispettori del Consorzio di tutela. Sedici posizioni segnalate ad altre procure. La Procura ipotizza anche truffe per ottenere un contributo previsto dal piano di sviluppo rurale della Comunità europea di 400mila euro, e per incassare ulteriori contributo per 520mila euro. >>



Latina, imprenditore agricolo non paga i braccianti e li travolge con la macchina, un ferito.
L'uomo avrebbe lasciato per due mesi un gruppo di lavoranti extracomunitari senza stipendio. Alle proteste degli uomini li avrebbe investiti: denunciato dalla polizia per lesioni dolose. >>



LE VARIANTI CONTESTATE. IL POLPO DI LEROY MERLIN INDIGESTO AI COMITATI “NON RIDUCE L’IMPATTO”
In tanti modi si può “cucinare” il polpo, ma lo svincolo tentacolare che smisterà il traffico verso il centro commerciale di Leroy Merlin, all’ex foro boario, resta sempre indigesto ai comitati della zona e agli ambientalisti del Comitato difesa alberi e territorio. Il problema di fondo è che quel progetto moltiplica il traffico e l’inquinamento, aumenta il consumo di suolo e strozza un pezzo di città, in cambio di un interesse pubblico che per i comitati è tutto da verificare. >>