Cerca Contatti Archivio
ALTRAGRICOLTURA NORD EST...

Notizie in primo piano
SALVIAMO LE API DAI PESTICIDI.
Le api sono in declino, minacciate da pesticidi, perdita di habitat, monocolture, parassiti, malattie e cambiamenti climatici. Se le api muoiono, a farne le spese sono l’ambiente, il nostro cibo e l’agricoltura. Le api, infatti, non producono solo miele: dalla loro opera di impollinazione dipende un terzo degli alimenti che consumiamo abitualmente – come mele, fragole, pomodori e mandorle – e la produttività del 75% delle nostre principali colture agricole. L’attuale sistema di agricoltura industriale basato sulla dipendenza dai pesticidi chimici, come i neonicotinoidi, non è più sostenibile!
continua...
- sabato 28 gennaio 2023

ACQUA: ORO BLU O BENE COMUNE?
Dal Comitato 2Sì Acqua Bene Comune Padova: Buongiorno, Nel quarto anniversario dell'approvazione della delibera comunale sull'acqua pubblica, abbiamo organizzato per tutta la cittadinanza un momento di confronto e approfondimento sull’acqua e i problemi che oggi la riguardano, dal titolo "Acqua: oro blu o bene comune? La situazione a livello locale e nazionale." L’appuntamento è per venerdì 27 gennaio, alle 18.30, in Sala Paladin (Palazzo Moroni). Sarà invitato ad essere presente anche il sindaco Sergio Giordani, affinché si renda conto di quanto sarebbe necessario che la sua giunta desse finalmente piena attuazione alla delibera che ancora rimane solo sulla carta. Al fine di favorire la più ampia partecipazione, inviamo in allegato la locandina e l'appello/documento dell'iniziativa, che invitiamo tutte e tutti (singole persone o realtà collettive) a sottoscrivere per far sentire la voce di chi ritiene che la gestione dell'acqua e di tutti i servizi pubblici locali debba rispondere al principio del bene comune anziché del profitto privato. Per info e adesioni, scrivere (possibilmente entro lunedì 23/01): ad acquabenecomune.pd@gmail.com o telefonare a 3276157887 Cordiali saluti,
continua...
- domenica 22 gennaio 2023

Hamburger: ecco perchè non conviene mangiarli al sangue.
A volte il vero rischio in cucina non è ciò che mangiamo, ma le scorrette procedure che attuiamo per prepararlo. Pubblichiamo di seguito una nota degli esperti dell’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie in cui si spiega perché consumare hamburger poco cotti può essere rischioso.
continua...
- sabato 21 gennaio 2023

SEMINARE IL FUTURO (Dialogo con Salvatore Ceccarelli)
"Seed Vicious" ha dialogato con Salvatore Ceccarelli. Una vita trascorsa tra i contadini del mondo, aiutandoli a tessere quelle conoscenze del seme che avevano smarrito con la nascita dell'agricoltura industriale. Convincere i contadini a diversificare in campo è ancora oggi l'ostacolo più grande. L'intervista racconta del suo ultimo libro in cui si evince che seminare i semi del futuro, è l'unico modo per avere il controllo del proprio seme e, quindi, del proprio cibo. Crediamo che un processo di informazione seria e attendibile, contribuisca a una sana coscienza politica. Il seme è bene comune che, come l'aria e l'acqua, è alla base della nostra vita. "Chi mette le mani sul seme, mette le mani sulla nostra salute". A Seed Vicious piace essere concreti, inseguire chi, con il proprio lavoro, cerca di cambiare il sistema.Nel film "Fortapàche" di Marco Risi, De Rienzo interpreta una delle scene più significative. È quando il suo caporedattore cinico e rassegnato allo stesso tempo gli dice: «Giancà, le notizie sono rotture di scatole, lo vuoi capire?». A noi piace raccontare cose scomode! Buona lettura
continua...
- venerdì 20 gennaio 2023

Diario della crisi | Appunti per una critica del diritto prossimo venturo – di Gianni Giovannelli.
In questo secondo appuntamento del Diario della crisi – rubrica nata dalla collaborazione tra Effimera, Machina e il periodico El Salto – Gianni Giovannelli analizza la crisi del diritto. L’autore sostiene che non si tratta di una generica stretta repressiva limitata al diritto penale, bensì di una trasformazione più complessiva delle norme ordinamentali, civili, amministrative, lavoristiche, marittime, militari, interstatuali. Soprattutto in una situazione di approfondimento della crisi, viene mostrato come le differenti forme di dissenso diventino immediatamente criminali. Perciò analizzare le trasformazioni del diritto è un importante angolo prospettico attraverso cui ripensare le armi della critica.
continua...
- lunedì 16 gennaio 2023

A Padova riprende l'iniziativa delle associazioni di base per avere un territorio comunale libero da OGM.

La COALIZIONE "PADOVA OGM FREE" invita i cittadini a esplicitare al sindaco la propria contrarietà agli OGM.

Entra in azione..., compila il form alla pagina web , ed invia una email al Sindaco, al Vice-Sindaco di Padova e ai Capigruppo in seno al Consiglio Comunale per dire "NO agli OGM", anche nel comune di Padova."





News

FPP2 GRATIS, ANNUNCIO DI BIDEN, COSA ASPETTA DRAGHI?
Il presidente USA Biden, raccogliendo la richiesta che da tempo avanza Bernie Sanders, ha annunciato che gli Stati Uniti forniranno mascherine ffp2 gratis ai cittadini. >>



Pesticidi in Unione europea.
La European Food Safety Authority (EFSA) ha pubblicato un report sugli ortaggi e frutta più contaminati da pesticidi... studio pubblicato nel mese di febbraio 2021 che discute i dati del 2019. In tutta Europa, nell’anno 2019, sono stati analizzati 96.302 campioni e la frequenza media si attesta su 19 analisi per 100mila abitanti. I paesi più virtuosi sono la Lituania (125 analisi su 100mila abitanti), la Bulgaria (104 analisi) e il Lussemburgo (81 analisi). I meno virtuosi sono la Gran Bretagna (1,5 analisi), la Spagna (5 analisi) e la Polonia (7 analisi). L’Italia e la Francia si attestano sulla media europea di 19 analisi per 100mila abitanti, la Germania appena un po’ in più con 25 analisi. >>



Sesto Rapporto IPCC - Working Group I su nuove conoscenze e cambiamenti climatici.
In occasione della presentazione del rapporto del Working Group I dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (Ipcc) che delinea le nuove conoscenze scientifiche in merito ai cambiamenti climatici, ai loro effetti e agli scenari futuri, di seguito sono proposti i dati del VI rapporto Ipcc riassunti e forniti dall’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Isac) di Bologna. Sesto Rapporto IPCC – Working Group I Annalisa Cherchi, Susanna Corti, Sandro Fuzzi Lead Authors IPCC WG I Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima Consiglio Nazionale delle Ricerche Bologna INTRODUZIONE SU IPCC Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), creato dalle Agenzie delle Nazioni Unite UNEP (UN Environmental Program e WMO (World Meteorological Organisation) nel 1988, ha il compito di redigere a scadenza regolare rapporti di valutazione sulle conoscenze scientifiche relative al cambiamento climatico, ai suoi impatti, ai rischi connessi, e alle opzioni per la mitigazione e l’adattamento. È attualmente in corso di finalizzazione il 6° Rapporto IPCC (AR6). Ogni Rapporto IPCC si compone di tre parti, ognuna redatta a cura di un apposito Working Group (WG). Working Group I: valuta le nuove conoscenze scientifiche emerse rispetto al rapporto precedente. Working Group II: valuta gli impatti del cambiamento climatico sull’ambiente e la società e le azioni di adattamento necessarie. Working Group III: valuta le azioni di mitigazione del cambiamento climatico. Ogni WG redige un rapporto mediamente dell’ordine di 2-3000 pagine, accompagnato da un Riassunto tecnico che mette in evidenza i punti salienti del rapporto e un breve Summary for Policy Makers ad uso dei responsabili politici dei paesi associati all’ONU, nei quali sono condensate per punti essenziali tutte le informazioni analizzate nel dettaglio nei singoli rapporti. Ogni WG si compone mediamente di 200-250 scienziati (Lead Authors) scelti su proposta dei singoli governi dal Bureau IPCC. La partecipazione dei singoli scienziati è volontaria e non retribuita. È bene ricordare che i risultati dei Rapporti IPCC sono basati esclusivamente sull’esame critico di diverse migliaia di lavori scientifici pubblicati (14.000 solo per quanto riguarda il WG I). I Rapporti IPCC, la cui stesura impegna gli scienziati per circa tre anni, sono soggetti prima della stesura finale a due fasi di revisione da parte di diverse centinaia di altri scienziati esperti del settore e da parte di esperti dei singoli governi. Il giorno 9 agosto 2021 verrà presentato ufficialmente il Rapporto del Working Group I dedicato allo stato dell’arte delle basi scientifiche del cambiamento climatico e degli avanzamenti rispetto all’ultimo rapporto AR5. Gli altri due Rapporti di cui si compone AR6 sono tuttora in corso di elaborazione e verranno presentati nei primi mesi del 2022. Per quanto riguarda il Working Group I, sui 234 Lead Authors provenienti da 66 Paesi, tre sono gli scienziati appartenenti a un’istituzione di ricerca italiana, tutti ricercatori dell’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima del Consiglio Nazionale delle Ricerche. >>