Cerca Contatti Archivio
ALTRAGRICOLTURA NORD EST...

Notizie in primo piano
L’ALLARMANTE SISTEMA DI CREDITO SOCIALE CINESE E L’AUMENTO DEL CONTROLLO NEL MONDO.
Verso stati dittatoriali di sorveglianza. REPORTAGE Quanto vali? Socialmente oggi dipende molto da quanto denaro hai. Infatti la risposta legale, per assicurazioni, tribunali e via dicendo, potrebbe basarsi sulla quantità di soldi che guadagni, il tipo di lavoro che svolgi, il prezzo delle tue pertenenze o, emozionalmente, su quanto ti ama la tua famiglia. Ma nel prossimo futuro, potresti essere valutato in un modo diverso e il TUO COMPORTAMENTO ONLINE molto probabilmente sarà il fattore principale. In altre parole, il consueto criterio economico e finanziario delle ultime decadi – SOLDI – potrebbe smettere di essere il fattore principale. E la domanda ‘quanto vali?’ potrebbe diventare: sei un buon cittadino e quindi una buona persona? Perciò, se il denaro già oggi rappresenta una cattiva, ingiusta ed immorale misura che privilegia pochi, puoi essere sicuro che le cose possono peggiorare.
continua...
- giovedì 19 luglio 2018

QUALE SALTO OLTRE L’APOCALISSE
Questo mondo non ci piace. Neocolonialismo, nazismo tecnologizzato, collasso ecologico, razzismo precipitano in molte forme nella vita di ogni giorno. Secondo Bifo viviamo il tempo di una vera Apocalisse nella quale “solo una forza più grande e più adatta a sopravvivere potrà sconfiggere e rovesciare il nazismo tecnologizzato: e quella forza è la coscienza dell’intelletto generale…”. Insomma, “esiste la possibilità di una fuoriuscita dall’inferno in cui il neoliberismo prima e il social-nazionalismo adesso ci hanno proiettato. Sta nelle mani e nelle teste di alcuni milioni di lavoratori cognitivi che posseggono la potenza di bloccare, sabotare, smantellare gli automatismi tecnici che muovono la macchina globale… Ma quella possibilità non è affatto a portata di mano…” Sarà capace la generazione iperconnessa di produrre coscienza collettiva? Al di là del volontarismo etico e della resistenza: con Darwin e Marx, per la neuro-evoluzione che (forse) verrà. Non so quanto sia fondata la leggenda secondo cui Marx avrebbe voluto dedicare uno dei volumi del Capitale a Charles Darwin. Secondo Richard Carter, scrittore e fondatore del circolo degli amici di Darwin, «anche se Marx ammirava l’opera di Darwin, alcune delle sue tesi, in particolare il sostegno che Darwin diede alle teorie di Malthus, non lo convincevano. Per questo è molto improbabile che Marx abbia davvero considerato la possibilità di dedicare la sua opera a Darwin». Ciononostante è certo che Marx e Darwin furono in corrispondenza, e che Marx aveva per Darwin una grande considerazione intellettuale. Tutti sanno però che nel corso del XX secolo Darwin è stato preso in ostaggio dalla scuola neoliberale, fortemente anti-marxista. L’evoluzione sarebbe infatti una questione di forza: il più forte, che poi significa il più adatto a sopravvivere in uno specifico ambiente, vince. E questo vale sia nel mondo naturale che nel mondo economico e sociale.
continua...
- domenica 15 luglio 2018

Commercio Ue-Giappone: ecco Jefta, un altro tossico trattato.
Nuova finanza pubblica. Contraddizioni a 5 Stelle. Di Maio scettico sul Ceta. Ma firma il trattato Ue-Giappone Jefta, il cui negoziato verrà chiuso con una grande cerimonia a Tokyo il 17 luglio. Pare che al vicepresidente Di Maio sfugga il significato di «proprietà transitiva» e, ancor di più, quello di «sillogismo aristotelico». Solo così si spiegano la netta presa di posizione del nuovo governo contro la ratifica del Ceta (trattato di libero scambio Ue-Canada) e il contemporaneo via libera alla firma del Jefta (accordo di libero scambio Ue-Giappone), il cui negoziato verrà chiuso con una grande cerimonia a Tokyo il 17 luglio prossimo.
continua...
- sabato 14 luglio 2018

ESPOSTO DENUNCIA
Ecc.mo Procuratore della Repubblica Presso il Tribunale di UDINE Ufficio Ricezione Atti via Lovaria n. 8, 33100 - Udine tel. 0432/517766 fax 0432/517700 notiziereato.procura.udine@giustizia.it Ecc.mo Procuratore della Repubblica Presso il Tribunale di PORDENONE Piazza Giustiniano n. 7, 33170 – tel. 0434/501111 – tribunale.pordenone@giustizia.it Acli · Adiconsum · Adusbef · Aiab · Amica · Associazione per l’Agricoltura Biodinamica · As. Se. Me. · Associazione Rurale Italiana · Campagna Amica · Città del Vino · Cgil · Cna Alimentare · Codacons · Coldiretti · Consorzi agrari d’Italia · Crocevia · Federbio · Federconsumatori · Federparchi · Firab · Focsiv · Fondazione Univerde · Greenaccord · Greenpeace · Isscon · Legambiente · Lipu · Movimento consumatori · Movimento difesa del cittadino · Slow Food Italia · Symbola · Uecoop · Unaapi · Vas · Wwf · Wwoof ESPOSTO DENUNCIA - TASK FORCE PER UN’ITALIA LIBERA DA OGM, in persona del Coordinatore Pro Tempore prof. STEFANO MASINI (C.F. MSN SFN 64B 09H 501 E) con sede presso CONFEDERAZIONE NAZIONALE COLDIRETTI (C.F. 80051710582), via XXIV Maggio, n. 43, 00187, Roma, composta da: Acli, Adiconsum, Adusbef, Aiab, Amica, Apab, As.se.me., Associazione Rurale Italiana, Campagna Amica, Città del Vino, Cgil, Cna Alimentare, Codacons, Coldiretti, Consorzi Agrari d’Italia, Crocevia, Federbio, Federconsumatori, Federparchi, Firab, Focsiv, Fondazione Univerde, Greenaccord, Greenpeace, Isscon, Legambiente, Lipu, Movimento Consumatori, Movimento difesa del cittadino, Slow Food Italia, Symbola, Uecoop, Una.api, Vas, Wwf, Wwoof, PREMESSO CHE - La TASK FORCE PER UN’ITALIA LIBERA DA OGM è una coalizione composta da organizzazioni del mondo del lavoro, agricolo, ambientalista, cooperativo e consumeristico che promuove e sostiene azioni per salvaguardare i caratteri identitari del nostro prezioso patrimonio agroalimentare dalla deriva omologante degli organismi geneticamente modificati (OGM) che riducono gli spazi della biodiversità, della tipicità e della distintività in agricoltura, nella convinzione che comportamenti virtuosi e responsabili, condotti nel rispetto della legalità, possano contribuire ad uno sviluppo equilibrato basato su un uso razionale dell’acqua, del suolo e del territorio, attraverso il coinvolgimento attivo dei consumatori nelle politiche ambientali e sociali. Il modello di agricoltura attualmente perseguito dall’Italia è, infatti, basato sulla valorizzazione delle distintività locali e costituisce il tratto tipico di un’economia che fa registrare risultati positivi al made in Italy in tutto il mondo. La Task Force, pertanto, agisce a sostegno di una politica agricola responsabile, che consenta di rafforzare il legame degli agricoltori con il territorio e che sia in grado di rispondere alle richieste dei consumatori di una maggiore tracciabilità ed evidenza in etichetta degli elementi che compongono gli alimenti. La Task Force, infine, è concretamente attiva nel vigilare sul rispetto delle disposizioni nazionali ed europee in materia; tali controlli hanno condotto in più occasioni alla denuncia, presso le Autorità competenti, di coltivazioni condotte illegalmente attraverso l’impiego di sementi geneticamente modificate, e all’adozione di provvedimenti diretti ad impedire la contaminazione dei campi limitrofi.
continua...
- giovedì 5 luglio 2018

violazione del D.lgs.n. 227/2016 in materia di semina di Organismi Geneticamente Modificati da parte del sig. Fidenato Giorgio
Alla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Udine e, per quanto di competenza: Alla Questura di Udine. Al Comando Provinciale dei Carabinieri di Udine. Al Corpo Forestale Regionale del Friuli Venezia Giulia E p.c.: All' Assessore alle risorse agricole e forestali della Regione Friuli Venezia Giulia. Al Comune di Colloredo di Monte Albano (UD). A tutti i mezzi di Stampa, pubblica e privata. Oggetto: violazione del D.lgs.n. 227/2016 in materia di semina di Organismi Geneticamente Modificati da parte del sig. Fidenato Giorgio.
continua...
- giovedì 5 luglio 2018

A Padova riprende l'iniziativa delle associazioni di base per avere un territorio comunale libero da OGM.

La COALIZIONE "PADOVA OGM FREE" invita i cittadini a esplicitare al sindaco la propria contrarietà agli OGM.

Entra in azione..., compila il form alla pagina web , ed invia una email al Sindaco, al Vice-Sindaco di Padova e ai Capigruppo in seno al Consiglio Comunale per dire "NO agli OGM", anche nel comune di Padova."





News

LE VARIANTI CONTESTATE. IL POLPO DI LEROY MERLIN INDIGESTO AI COMITATI “NON RIDUCE L’IMPATTO”
In tanti modi si può “cucinare” il polpo, ma lo svincolo tentacolare che smisterà il traffico verso il centro commerciale di Leroy Merlin, all’ex foro boario, resta sempre indigesto ai comitati della zona e agli ambientalisti del Comitato difesa alberi e territorio. Il problema di fondo è che quel progetto moltiplica il traffico e l’inquinamento, aumenta il consumo di suolo e strozza un pezzo di città, in cambio di un interesse pubblico che per i comitati è tutto da verificare. >>



Il Tribunale dell’Ue respinge i ricorsi (di Bayer e Syngenta)) contro le restrizioni ai pesticidi neonicotinoidi pericolosi per le api. Accolto in gran parte quello sul fipronil.
Le restrizioni all’uso di tre pesticidi neonicotinoidi – clothianidin, tiametoxam e imidacloprid – introdotte dalla Commissione europea nel 2013 erano scientificamente giustificate, perché basate sulla valutazione dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), che aveva accertato l’esistenza di effetti inaccettabili di queste sostanze attive sulle api. Lo ha stabilito il Tribunale dell’Ue respingendo integralmente i ricorsi presentati dalla Bayer, che produce e commercializza l’imidacloprid e il clothianidin all’interno dell’Unione, e dal gruppo Syngenta, produttore del tiametoxam, nonché di sementi conciate. Syngenta aveva anche chiesto un risarcimento di almeno a 367,9 milioni di euro. >>



L’allarme di Coldiretti: “I limoni siciliani stanno scomparendo”
L’allarme di Coldiretti: “I limoni siciliani stanno scomparendo” – Non si capisce perché ci fanno acquistare a 3 euro il prodotto che arriva dall’altra parte del mondo e non consumare quello della nostra terra !!! >>