Cerca Contatti Archivio
ALTRAGRICOLTURA NORD EST...

Notizie in primo piano
Uova inquinate in Polonia, Olanda e Germania.
Un duplice nuovo spauracchio si aggira da alcuni giorni per l'Europa. Da una parte, uova prodotte e vendute in Polonia contaminate dal Lasalocid, potente antibiotico che causerebbe danni sia alla salute umana che a quella animale. Dall'altra, uova prodotte in Olanda e vendute in Germania inquinate dal Fipronil, altro insetticida tossico che torna a spaventare. L'anno scorso, proprio di questi tempi, scoppiò lo scandalo delle uova al Fipronil in mezza Europa.
continua...
- giovedì 21 giugno 2018

CATTEDRALE DAVANZO IL POLIPO SI è MANGIATO IL BENE COMUNE
Il consiglio comunale di lunedi 11 giugno 2018 ha approvato tre progetti destinati a cambiare l’assetto della città di Padova da oggi ai prossimi vent’anni. La questione che come Comitato Cattedrale Davanzo c’interessa più di tutte riguarda la nuova viabilità: un cavalcavia soprannominato il “polipo” sarà costruito tra Corso Australia, nell’area di rispetto del cimitero monumentale e il parcheggio interno alla Cattedrale, ad uso esclusivo di Leroy Merlin!
continua...
- martedì 12 giugno 2018

Presidio SABATO 9 GIUGNO ORE 11:30 - Palazzo Moroni (Padova) - Per dire NO al VIADOTTO ad esclusivo uso di LeroyMerlin!
Care e cari, come molti sapranno esiste un progetto che intende trasformare l’ex Foro Boario di Corso Australia in un immenso “parco commerciale” a conduzione Leroy Merlin (società del Gruppo Adeo/Bricoman della Holding AFM). Da tempo esiste un gruppo di comitati e associazioni denominato CATTEDRALE DAVANZO che si batte per: - difendere un importante bene comune dalla speculazione: un’area circa 200ˈ000mq di superficie complessiva che verrebbe ceduta ad uso esclusivo di società private per 50 anni; - tutelare il complesso architettonico monumentale di Giuseppe Davanzo, sottoposto a vincolo dalla Soprintendenza alle Belle Arti; - evitare ogni ulteriore cementificazione nell’area, preservando le poche aree verdi rimaste, ma al contrario integrandole ed ampliandole; - salvaguardare la qualità di vita dei residenti e la salute pubblica di tutti i Padovani dall’aumento di traffico (previsto un incremento di 2.5 milioni di auto in più all'anno) e smog (2 milioni di grammi di particolato emesso in più all'anno, tossico a concentrazioni di milionesimi di grammo) che il centro commerciale porterà con sé, specie nel settore occidentale del Comune. In aggiunta il Gran Teatro Geox, che ha un ruolo fondamentale nell’operazione speculativa che NOI CONTRASTIAMO, triplicando il numero dei propri spettacoli, triplicherà anche i flussi auto associati, il tutto mentre l’amministrazione promette lotta al traffico; - difendere il commercio di prossimità, la socialità e i luoghi di aggregazione nei quartieri, ormai ridotti ai minimi termini; - pretendere la dovuta trasparenza nella pubblicità di tutta la documentazione relativa all’iter di assegnazione del bando, pubblicato durante il periodo di commissariamento della città; - evidenziare la mancanza di convenienza economica per il Comune di Padova, che incasserà appena 50ˈ000 €l’anno da Leroy Merlin per l’affitto della Cattedrale Davanzo, mentre gli 8ˈ252ˈ430 € per il devastante nuovo viadotto e le opere stradali interne all’ex Foro Boario saranno a carico dei Padovani; - sottolineare la assoluta mancanza di pubblica utilità dell’intera operazione Leroy Merlin.
continua...
- venerdì 8 giugno 2018

Il biologico nei supermercati o nei negozi specializzati? Un’analisi sui diversi canali di acquisto.
Bio Bank è la banca dati del biologico italiano che dal 1993 aggiorna, anno dopo anno. l’evoluzione del settore e pubblica l’annuario Tutto Bio. Nel 2017 è uscito per la prima volta “Focus Bio Bank – Supermercati & Specializzati”, un’accurata analisi di mercato che esamina i vari canali distributivi, quello storico dei negozi bio e quello emergente dei supermercati. Si tratta di 78 pagine ricche di dati, statistiche e infografiche realizzate a partire da accurati censimenti annuali.
continua...
- giovedì 7 giugno 2018

Comunicato Stampa di ECVC e ARI sull'uccisione di Sacko Soumaila
Bruxelles 04 06 2018 - È con grande tristezza e indignazione che ECVC e la sua associazione membro in Italia ARI hanno appreso la notizia dell’assassinio di Soumaila Sacko, attivista del sindacato USB (Unione Sindacale di Base) e lavoratore stagionale agricolo nella piana di Gioia Tauro.
continua...
- mercoledì 6 giugno 2018

A Padova riprende l'iniziativa delle associazioni di base per avere un territorio comunale libero da OGM.

La COALIZIONE "PADOVA OGM FREE" invita i cittadini a esplicitare al sindaco la propria contrarietà agli OGM.

Entra in azione..., compila il form alla pagina web , ed invia una email al Sindaco, al Vice-Sindaco di Padova e ai Capigruppo in seno al Consiglio Comunale per dire "NO agli OGM", anche nel comune di Padova."





News

Il Tribunale dell’Ue respinge i ricorsi (di Bayer e Syngenta)) contro le restrizioni ai pesticidi neonicotinoidi pericolosi per le api. Accolto in gran parte quello sul fipronil.
Le restrizioni all’uso di tre pesticidi neonicotinoidi – clothianidin, tiametoxam e imidacloprid – introdotte dalla Commissione europea nel 2013 erano scientificamente giustificate, perché basate sulla valutazione dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), che aveva accertato l’esistenza di effetti inaccettabili di queste sostanze attive sulle api. Lo ha stabilito il Tribunale dell’Ue respingendo integralmente i ricorsi presentati dalla Bayer, che produce e commercializza l’imidacloprid e il clothianidin all’interno dell’Unione, e dal gruppo Syngenta, produttore del tiametoxam, nonché di sementi conciate. Syngenta aveva anche chiesto un risarcimento di almeno a 367,9 milioni di euro. >>



L’allarme di Coldiretti: “I limoni siciliani stanno scomparendo”
L’allarme di Coldiretti: “I limoni siciliani stanno scomparendo” – Non si capisce perché ci fanno acquistare a 3 euro il prodotto che arriva dall’altra parte del mondo e non consumare quello della nostra terra !!! >>



Ammazzarsi non è la soluzione.
Giovanni Viola, trentenne, si è impiccato nella sua azienda agricola. Giovanni era sposato, era padre di un bambino, era un produttore agricolo capace, era una brava persona che non accettava la situazione economica in cui era precipitato. Per tutto questo non ha retto. Le brave persone non fanno mai del male agli altri, non ci riescono, e per questo ieri dopo pranzo si è recato nella sua azienda e li ha compiuto l’ultimo atto - assurdo e per nulla condivisibile - della sua breve vita. Siamo alla resa dei conti, quello di ieri non è il gesto disperato di un singolo. NO! Vittoria sta vivendo la crisi economica e sociale più ampia della sua storia recente. Migliaia di titolari di aziende agricole, artigianali e commerciali si trovano nelle stesse condizioni economiche e psicologiche in cui si trovava Giovanni. Nessuno ha compreso quanto sia ampio il livello di disperazione di questa terra. Quella di ieri è solo una piccola frazione della punta dell’iceberg che ci sta venendo addosso. Il rischio, che va subito contrastato è l’emulazione. Togliersi la vita non è la soluzione. >>