Cerca Contatti Archivio
 
ZANOTELLI: LA CHIESA DICHIARI GLI OGM NON ACCETTABILI

Nuovo intervento del missionario comboniano sulla rivista ''Nigrizia''
(ASCA) - Verona, 8 gen - La Chiesa deve prendere coraggio e restare coerente con la sua morale per dichiarare inaccettabili gli OGM. Lo chiede padre Alex Zanotelli sull'ultimo umero della rivista ''Nigrizia''. Zanotelli teme che il Vaticano possa cedere alle pressioni americane in questa materia e chiede ai teologi, ai missionari, agli episcopati del Terzo Mondo di farsi sentire con decisione sull'argomento per evitare che la chiesa usi due pesi e due misure nella morale che riguarda la manipolazione della vita. ''Gia' la scorsa estate - scrive padre Alex - sono rimasto di stucco nel leggere sulla Stampa l'intervista del card. Renato Martino, presidente del Pontificio consiglio per la giustizia e la pace, sulla possibilita' di usare cibi geneticamente modificati per risolvere il problema della fame. In molti hanno reagito all'intervista - ordini religiosi e istituti missionari soprattutto. Anche per questo, credo, il cardinale ha convocato, il 10-11 novembre scorso, 67 esperti per avere piu' pareri sugli organismi geneticamente modificati (ogm). Il fatto e' che gli esperti scelti erano quasi tutti favorevoli agli ogm. Non a caso uno dei convocati, Dorine Stabinsky, americana, ha parlato di «squilibrio». Dello stesso parere due gesuiti che operano in Zambia, Peter Henriot e Roland Lesseps, i quali hanno rimarcato: «Gli omg non possono trovare riscontro nell'insegnamento della dottrina sociale della chiesa, perche' non rispettano ne' diritti umani ne' l'ordine della creazione». Netta anche la reazione dei missionari italiani. La Conferenza degli istituti missionari d'Italia (Cimi) ha affermato: «L'introduzione degli ogm nel sud del mondo arricchira' a dismisura le multinazionali che hanno acquisito il diritto di proprieta' sulla materia vivente: il contadino non trarra' piu' la semente dal suo raccolto, ma sara' costretto ogni anno ad acquistarla da loro. L'alimentazione tipica di ogni gruppo umano rischia di cedere il passo a prodotti omologati in mano ai grandi padroni del cibo. E che ne sara' dei mercati locali dove il prodotto del campo si trovera' a competere con gli ogm? Ben altro respiro chiedevano a Cancún (Messico, conferenza dell'Organizzazione mondiale del commercio) i paesi del Sud, affossati nelle esportazioni dalle barriere doganali e dalle sovvenzioni all'agricoltura del Nord. La questione non e' solo ne' innanzi tutto economica e sociale: diversi scienziati affermano che gli studi sugli effetti sull'uso di cibi ogm sono ancora insufficienti, e temono anche per la biodiversita'». Si noti che alla conferenza in Vaticano non c'era nessun rappresentante degli episcopati del sud del mondo. Mentre sappiamo che gli episcopati sudafricano, brasiliano, filippino e zambiano si sono espressi negativamente sugli ogm. I vescovi sudafricani hanno chiesto al loro governo una moratoria di cinque anni sugli ogm, cioe' il tempo per verificarne gli effetti sulla salute dell'uomo. Si noti ancora che sul tema c'e' un contenzioso tra Usa e Europa; che le grandi multinazionali agroalimentari (Monsanto in testa) stanno montando una grossa campagna per influenzare l'opinione pubblica; e che Collin Powel, nel corso della sua recente visita a Giovanni Paolo II, ha parlato anche degli ogm.

Sono convito che si debba aprire una riflessione profonda. Chiediamoci: perche' il Vaticano va da una parte mentre i missionari e importanti episcopati del sud del mondo dall'altra? Per me, sono tre i nodi da sciogliere. 1) E' molto, ma molto discutibile affermare che gli ogm possono risolvere il problema della fame. Perche' non c'e' bisogno di piu' cibo, ma di cibo prodotto localmente dai contadini del sud del mondo. Se oggi si produce molto piu' cibo del necessario e c'e' gente affamata, vuol dire che questa gente non ha un lavoro, un pezzo di terra, gli strumenti per lavorare la terra o credito per comprare o produrre cibo. 2) La chiesa ha sempre assunto posizioni molto nette in questioni di ''interferenza'' nella struttura stessa della vita umana, (vedi anticoncezionali e procreazione assistita). Perche' ora questo tentennamento su interferenze in altre forme di vita? 3) C'e' il rischio concreto che le multinazionali s'impadroniscano dell'agricoltura. Lo scorso anno, qui da noi, molti si sono scandalizzati, quando il governo zambiano ha rifiutato il cibo ogm per combattere la fame. Lo Zambia - ha spiegato Susan George - avrebbe accettato il grano se fosse stato macinato. La paura era che i contadini seminassero quel grano. E sarebbe sorto un problema: il paese esporta mais in Europa e l'Europa non avrebbe mai accettato granaglie ogm. Tutti noi, in prima linea i teologi moralisti, siamo chiamati a riflettere in profondita' su questo problema. E dobbiamo, se necessario, farci sentire. Non si possono avere due pesi e due misure nei giudizi morali. Mi auguro che la chiesa pubblichi un documento in cui dichiara che gli ogm sono moralmente non accettabili''.
Asca, 8 gennaio 2004
domenica 11 gennaio 2004


News

Il Parlamento di Cipro boccia il CETA, Trattato Ue-Canada,
Il Parlamento di Cipro boccia il CETA, Trattato Ue-Canada, già in vigore provvisorio dal 21 settembre 2017, un piccolo Stato che blocca l'iter di ratifica di un accordo dalle conseguenze devastanti per l'agroalimentare, decisione esplosiva che speriamo sia ripresa da altri Stati europei, Italia innanzitutto. Con 37 voti contrari e solo 18 favorevoli (partito di Sinistra Akel e socialisti contrari, destra favorevole), il 31 luglio il Parlamento della piccola Cipro ha detto NO al trattato di libero scambio fra UE e Canada. Tutti i partiti, ad eccezione della destra, hanno votato contro il CETA, opponendo diverse motivazioni: dai rischi del tribunale ICS, costruito su misura per le multinazionali che vogliono fare causa agli stati, alla mancata protezione dei prodotti tipici, tra cui ricordiamo il formaggio di capra Halloum, esposti alla pirateria alimentare d'oltreoceano. E poi i pericoli dell’uso troppo disinvolto di pesticidi come il glifosato, che in Canada viene utilizzato per seccare il grano prima della raccolta, e la paura di accrescere ulteriormente il potere delle grandi imprese. >>



Covid e biologico: il 73% delle aziende in crisi a causa della pandemia.
Per oltre due aziende su tre del settore biologico la possibilità di reggere alla crisi economica sopraggiunta a causa dell’emergenza sanitaria è di massimo tre mesi. È questo uno dei primi dati dell’analisi voluta e sviluppata dalle tre maggiori organizzazioni del comparto, Aiab, FederBio e Assobiodinamica, a partire da una proposta della Fondazione italiana per la ricerca in agricoltura biologica e biodinamica (FIRAB), per rilevare l’impatto della pandemia da Covid19 sul biologico. >>



Coronavirus, 5,7 mln di litri di latte al giorno dall’estero
Ogni giorno 5,7 milioni di litri di latte straniero attraversano le frontiere e invadono l’Italia con cisterna o cagliate congelate low cost di dubbia qualità in piena emergenza coronavirus, proprio mentre alcune aziende di trasformazione cercano di tagliare i compensi riconosciuti agli allevatori italiani, con la scusa della sovrapproduzione. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati del Ministero della salute relativi ai primi quindici giorni del mese di marzo 2020 sui flussi commerciali dall’estero in latte equivalente. Bisogna fermare qualsiasi tentativo di speculazione sui generi alimentari di prima necessità come il latte che – sottolinea la Coldiretti – nell’ultima settimana di rilevazione sui consumi ha registrato un balzo del 47% degli acquisti da parte delle famiglie, sulla base dei dati IRI che evidenziano anche l’aumento degli acquisti di formaggi, dalla mozzarella (+35%) al Grana Padano e Parmigiano Reggiano (+38%). >>