Cerca Contatti Archivio
 
ALLE PIANTE OGM SERVONO PIU' PESTICIDI

Nelle piantagioni di mais OGM nel periodo 2002-2003 utilizzato il 29% di pesticidi in piu' rispetto alle piantagioni di mais convenzionali
Nel 2002 la superficie globale delle colture GM era pari a 58,7 milioni di ettari distribuiti tra sedici paesi. Secondo uno studio Statunitense sui livelli di pesticidi nelle piantagioni Geneticamente Modificate di mais, soia e cotone, l'applicazione di pesticidi in quelle varieta' e' risultata maggiore che nelle varieta' convenzionali. Nei primi tre anni dall'introduzione della tecnologia le piantagioni GM avevano ridotto l'uso di prodotti chimici del 25%. Ma nel 2001, e' stato dosato il 5% in piu' di pesticidi rispetto alle piantagioni non GM; nel 2002 il 7.9% in piu'; e nel 2003 l'11.5% in piu'. Nelle sole piantagioni di mais durante il periodo 2002-2003, sono stati applicati il 29% di pesticidi in piu' rispetto alle piantagioni di mais non GM. Molti coltivatori hanno bisogno di incrementare le dosi di erbicidi sulle piantagioni GM al fine di mettere sotto controllo le specie di infestanti piu' forti che starebbero sviluppando la resistenza genetica. 9 Gennaio 2004 - Secondo uno studio Statunitense sui livelli di pesticidi nelle piantagioni Geneticamente Modificate di mais, soia e cotone, l'applicazione di pesticidi in quelle varieta' e' risultata maggiore che nelle varieta' convenzionali. Mentre l'uso delle varieta' transgeniche BT (che producono la tossina del Bacillus thutingiensis) ha ridotto le quantita' di pesticidi di circa 8,900 tonnellate negli ultimi 8 anni, le piantagioni tolleranti agli erbicidi invece sono state responsabili dell'applicazione di 31,800 tonnellate in piu' di pesticidi.
In totale, il rapporto conclude che le piantagioni GM hanno causato un aumento di 22,900 tonnellate di pesticidi nell'agricoltura degli USA. Lo studio del Northwest Science and Environmental Policy Center commissionato dalla Iowa State University esamina i dati ufficiali del Dipartimento Americano dell'Agricoltura (USDA) sull'uso di pesticidi in base ai vari tipi di coltivazioni per calcolare le differenze tra le quantita' di pesticidi applicate su 223 ettari di piantagioni GM e quelle applicate alle piantagioni convenzionali dello stesso tipo. I risultati contraddicono apertamente le affermazioni dell'industria biotech sulle presunte riduzioni di pesticidi usati nelle piantagioni transgeniche.
Dal 1996 al 1998, durante i loro primi 3 anni di commercializzazione, le piantagioni GM sembrano avere ridotto le applicazioni di pesticidi di 11,500 tonnellate. Ma negli ultimi e anni, oltre 33,000 tonnellate in piu' di pesticidi sono state applicate agli ettari coltivati col transgenico. Gran parte degli aumenti si sono verificati nelle piantagioni tolleranti agli erbicidi, in particolare nella soia. In termini percentuali, nei primi tre anni dall'introduzione della tecnologia le piantagioni GM avevano ridotto l'uso di prodotti chimici del 25%. Ma nel 2001, e' stato dosato il 5% in piu' di pesticidi rispetto alle piantagioni non GM; nel 2002 il 7.9% in piu'; e nel 2003 l'11.5% in piu'. Nelle sole piantagioni di mais durante il periodo 2002-2003, sono stati applicati il 29% di pesticidi in piu' rispetto alle piantagioni di mais non GM. Le varieta' tolleranti agli erbicidi permettono ai coltivatori di spruzzare erbicidi sulle piante, controllando le piante infestanti e lasciando le piantagioni GM non danneggiate. Nonostante l'aumento dei prezzi dei semi GM, le piantagioni transgeniche sono diventate meno costose quando i prezzi degli erbicidi contenenti il glifosato si sono dimezzati a seguito della scadenza del brevetto sul pesticida, detenuto dalla Monsanto. Nel 1996 i costi ammontavano a 12 $ per acro, oggi sono scesi a meno di 6 $. L'aumento delle applicazioni di pesticidi puo' essere dovuto anche a questo, dato che i prezzi dimezzati possono aver incoraggiato i coltivatori ad applicarne in maggiori quantita'. Il rapporto tuttavia evidenzia che molti coltivatori hanno bisogno di incrementare le dosi di erbicidi sulle piantagioni GM al fine di mettere sotto controllo le specie di infestanti piu' forti che starebbero sviluppando la resistenza genetica. "Per anni gli scienziati hanno avvertito sul pericolo che la pesante dipendenza sulle coltivazioni tolleranti agli erbicidi avrebbe comportato cambiamenti ecologici nei campi che avrebbero eroso l'efficacia della tecnologia," ha detto il Dott. Charles Benbrook, autore del rapporto. L'altra categoria di piantagioni GM, cioe' mais e cotone modificati per produrre la tossina insetticida naturale del batterio Bacillus thuringiensis (BT) nelle cellule vegetali, ha ridotto i dosaggi di insetticidi di 1,100 tonnellate annualmente. Questa riduzione rappresenta il 7% dell'uso totale degli insetticidi negli USA su queste 2 piantagioni. Il rapporto nota che l'aumento nel dosaggio nelle piantagioni tolleranti agli erbicidi di gran lunga supera le riduzioni verificatesi nelle piantagioni BT a partire dal 2001.

Secondo il rapporto annuale dell'ISAAA sulle coltivazioni transgeniche, Nel 2002 la superficie globale delle colture GM era pari a 58,7 milioni di ettari distribuiti tra sedici paesi e 6 milioni di agricoltori. Rispetto all'anno precedente, la superficie coltivata con OGM e' cresciuta di 6.1 mln di ettari, un rallentamento rispetto al 2001 quando era cresciuta di 8.4 mln di ettari. Gli Stati Uniti sono stati i principali produttori di colture GM (68%), seguiti da Argentina (23%), Canada (6%) e Cina (4%). La quota rimanente è stata coltivata dagli altri 12 paesi. Tre paesi - India, Colombia e Honduras - hanno avviato per la prima volta colture GM nel 2002. Nel 2001 le colture GM rappresentavano circa il 13% del mercato globale delle sementi commerciali, del valore di 30 miliardi di dollari. Le principali colture GM sono ancora soia, mais, cotone e colza. A livello globale, il 51% dei 72 milioni di ettari coltivati a soia erano GM, così come il 20% dei 34 milioni di ettari coltivati a cotone, il 9% dei 140 milioni di ettari coltivati a mais e il 12% dei 25 milioni di ettari coltivati a colza. La tolleranza ai diserbanti era ancora la caratteristica dominante e nel 2002 riguardava il 75% della superficie GM globale, seguita dalla resistenza agli insetti (17%) e dalla combinazione tra geni di tolleranza ai diserbanti e di resistenza agli insetti, pari all'8%. Nei primi sette anni di commercializzazione delle colture GM, dal 1996 al 2002, sono stati piantati in totale più di 235 milioni di ettari di colture GM. Fonte: PANNA; The Guardian; ISAAA
Traduzione a cura di Fabio Quattrocchi
domenica 11 gennaio 2004


News

Il Parlamento di Cipro boccia il CETA, Trattato Ue-Canada,
Il Parlamento di Cipro boccia il CETA, Trattato Ue-Canada, già in vigore provvisorio dal 21 settembre 2017, un piccolo Stato che blocca l'iter di ratifica di un accordo dalle conseguenze devastanti per l'agroalimentare, decisione esplosiva che speriamo sia ripresa da altri Stati europei, Italia innanzitutto. Con 37 voti contrari e solo 18 favorevoli (partito di Sinistra Akel e socialisti contrari, destra favorevole), il 31 luglio il Parlamento della piccola Cipro ha detto NO al trattato di libero scambio fra UE e Canada. Tutti i partiti, ad eccezione della destra, hanno votato contro il CETA, opponendo diverse motivazioni: dai rischi del tribunale ICS, costruito su misura per le multinazionali che vogliono fare causa agli stati, alla mancata protezione dei prodotti tipici, tra cui ricordiamo il formaggio di capra Halloum, esposti alla pirateria alimentare d'oltreoceano. E poi i pericoli dell’uso troppo disinvolto di pesticidi come il glifosato, che in Canada viene utilizzato per seccare il grano prima della raccolta, e la paura di accrescere ulteriormente il potere delle grandi imprese. >>



Covid e biologico: il 73% delle aziende in crisi a causa della pandemia.
Per oltre due aziende su tre del settore biologico la possibilità di reggere alla crisi economica sopraggiunta a causa dell’emergenza sanitaria è di massimo tre mesi. È questo uno dei primi dati dell’analisi voluta e sviluppata dalle tre maggiori organizzazioni del comparto, Aiab, FederBio e Assobiodinamica, a partire da una proposta della Fondazione italiana per la ricerca in agricoltura biologica e biodinamica (FIRAB), per rilevare l’impatto della pandemia da Covid19 sul biologico. >>



Coronavirus, 5,7 mln di litri di latte al giorno dall’estero
Ogni giorno 5,7 milioni di litri di latte straniero attraversano le frontiere e invadono l’Italia con cisterna o cagliate congelate low cost di dubbia qualità in piena emergenza coronavirus, proprio mentre alcune aziende di trasformazione cercano di tagliare i compensi riconosciuti agli allevatori italiani, con la scusa della sovrapproduzione. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati del Ministero della salute relativi ai primi quindici giorni del mese di marzo 2020 sui flussi commerciali dall’estero in latte equivalente. Bisogna fermare qualsiasi tentativo di speculazione sui generi alimentari di prima necessità come il latte che – sottolinea la Coldiretti – nell’ultima settimana di rilevazione sui consumi ha registrato un balzo del 47% degli acquisti da parte delle famiglie, sulla base dei dati IRI che evidenziano anche l’aumento degli acquisti di formaggi, dalla mozzarella (+35%) al Grana Padano e Parmigiano Reggiano (+38%). >>