Cerca Contatti Archivio
 
Galbani, porte aperte al pubblico

di Giovanni Scarpa
CORTEOLONA. Galbani svela i suoi segreti al pubblico. Da ieri, sono iniziate le visite guidate al cuore pulsante dello stabilimento di Corteolona da dove nascono i prodotti più conosciuti, mozzarella in testa. L'iniziativa si inquadra nella manifestazione «Apertamente: l'industria alimentare apre le porte al pubblico», organizzata da Federalimentare su tutto il territorio nazionale. Un'operazione-trasparenza voluta per avvicinare il consumatore ai prodotti e rafforzarne la fiducia. Un invito a nozze per la multinazionale (presente in provincia con gli stabilimenti di Corteolona e Certosa), che sulla fiducia - come da anni martella il celeberrimo spot pubblicitario - ha basato il suo successo nel mondo. Ma la società, se possibile, ha fatto ancora di più. Permetterà infatti ai visitatori un giro al centro ricerche, un vero e proprio laboratorio all'avanguardia nel settore alimentare. Qui si studiano e si mettono a punto i nuovi prodotti destinati a conquistare il mercato. In pratica, il punto nevralgico di tutta la produzione. Che è suddiviso in due: il centro pilota, dedicato allo sviluppo di nuovi prodotti lattiero-caseari e alla messa a punto di processi industriali innovativi, e il laboratorio di ricerca e sviluppo. A sua volta suddiviso in altri tre settori: microbiologica, chimica e analisi sensoriale. Nella prima si effettuano le determinazioni dei microrganismi che possono essere presenti nel latte e nei prodotti, comprese le specie contaminanti e patogene. La sezione, inoltre, è specializzata nello studio dei fermenti lattici. La seconda, analizza la composizione di materie prime in ingresso, di prodotti intermedi semilavorati e finiti. Ma il vero fiore all'occhiello è la sezione di analisi sensoriale. Qui operano assaggiatori addestrati e selezionati dalla stessa Galbani per l'analisi delle caratteristiche organolettiche effettuata sui nuovi prodotti fabbricati negli impianti pilota. Una sorta di sommelier del formaggio, altamente specializzati nella periodica verifica dei prodotti già sul mercato oppure di quelli nuovi pronti al lancio. Inutile sottolineare la delicatezza del ruolo, dal momento che anche dalle papille gustative di questi signori dipende buona parte del successo del marchio Galbani. Il centro pilota, invece, è l'unità operativa sperimentale che traduce e applica su scala industriale i progetti della ricerca e dello sviluppo. Qui ci sono i macchinari che simulano impianti innovativi che consentono di effettuare esplorazioni su tecnologie non ancora disponibili a livello industriale. Quest'area può riprodurre tutta la gamma di formaggi, compresa la salatura e la stagionatura. Il visitatore, forse, potrebbe restare un po' deluso: ti aspetti uno stabilimento dove si fa formaggio, ti ritrovi in una specie di base spaziale. Ma la delusione, se c'è, dura poco. Alla fine la degustazione di tutti i prodotti si offre anche alle papille gustative di chi normalmente non ne fa uso per professione. Non prima, però, che vengano spiegati anche come nasce la qualità Galbani, dai controlli sul materiale alle certificazioni.


mercoledì 13 novembre 2002


News

Semine di mais OGM Mon810 in Friuli Venezia Giulia: comunicato ufficiale del "Coordinamento Zero OGM"
Il Coordinamento Zero OGM comunica che, a seguito delle semine illegali di mais OGM MON 810, avvenute il 21 aprile 2018 da parte del Signor Giorgio Fidenato nei campi di Colloredo di Monte Albano ( UD ) e in data imprecisata a Vivaro ( PN ), lunedì 09 luglio 2018 gli agenti del Corpo Forestale del Friuli Venezia Giulia hanno provveduto all’estirpazione del mais ed al ripristino della legalità. Nella stessa giornata sono stati abbattuti complessivamente, su disposizione del Ministero delle Politiche Agricole, 6.000 mq. di mais geneticamente modificato, prima nei campi di Colloredo di Monte Albano, poi in quelli di Vivaro. >>



Pordenone, “prosciutti San Daniele dop contraffatti”: 103 indagati. Sequestrati 270mila salumi.
Sotto inchiesta anche responsabili e impiegati del macello di Aviano, allevatori, prosciuttifici, ispettori del Consorzio di tutela. Sedici posizioni segnalate ad altre procure. La Procura ipotizza anche truffe per ottenere un contributo previsto dal piano di sviluppo rurale della Comunità europea di 400mila euro, e per incassare ulteriori contributo per 520mila euro. >>



Latina, imprenditore agricolo non paga i braccianti e li travolge con la macchina, un ferito.
L'uomo avrebbe lasciato per due mesi un gruppo di lavoranti extracomunitari senza stipendio. Alle proteste degli uomini li avrebbe investiti: denunciato dalla polizia per lesioni dolose. >>