Cerca Contatti Archivio
 
In mare crescono le "zone morte"


Con l'estate, puntuale, nel Golfo del Messico torna la "zona morta". E' da una trentina d'anni ormai che succede. "Zona morta", in un mare, è una zona in cui l'ossigeno disciolto nell'acqua è pochissimo, troppo poco perché sopravvivano plankton, alghe, e ogni altro organismo vivente: un mare inabitabile. Quest'anno la "zona morta" nel Golfo del Messico è stata misurata attorno ai 15 mila chilometri quadrati e come dimensioni non è il record, perché a volte è arrivata a 21 mila; questa volta però è molto più vicina del solito alla terra ferma, si estende dalla foce del Mississippi (Louisiana sud-orientale) fino al Texas 400 chilometri più a ovest. "I pesci e i granchi in grado di nuotare scappano, tutto il resto muore", spiegava il 3 agosto all'agenzia reuter Nancy Rabalais, capo-scienziata di una task force dell'Università della Louisiana per la ricerca su questo fenomeno, chiamato ipoxia (mancanza di ossigeno). E quella del Golfo del Messico è solo una di numerose "zone morte" sparse nei mari del pianeta: un dispaccio del Earth Policy Institute (l'istituto di politica ambientale fondato da Lester Brown) in giugno ne segnalava ben 146, per lo più stagionali ma alcune ormai perenni. Dagli anni `60, il numero di zone morte marine è raddoppiato a ogni decennio.Le cause di questo disastro sono varie: una catena che parte di solito dai fertilizzanti chimici (a base di azoto) usati a man bassa in agricoltura: i reflui azotati vanno a finire nei corsi d'acqua e da qui nel mare. Azoto e fosforo "fertilizzano" il mare, facendo proliferare micro organismi vegetali (fitoplankton). Questi prima si espandono, poi muoiono e vanno a depositarsi sui fondali, dove sono "digeriti" da altri microorganismi: ed è questo processo che consuma ossigeno. Così il mare poco a poco muore, asfissiato.Gli scarichi dell'agricoltura intensiva sono dunque la prima causa, ma ce ne sono altre: i depositi di particelle di azoto e altre sostanze chimiche derivate dalla combustione di fossili (centrali termiche e industria), o dagli scarichi umani portati dalle fognature. La più grande "zona morta" nota al mondo, quella del Mar Baltico, è dovuta proprio a una combinazione di scarichi agricoli, industriali e umani. Quella dell'Adriatico settentrionale (ricordate le "mucillagini"?) è creata dagli scarichi agricoli e degli allevamenti di maiali dell'intera pianura padana. Gran parte delle "zone morte" sono in acque temperate: la cartina pubblicata dall'Earth Policy Institute le mostra lungo la costa orientale degli Stati uniti, nei mari europei, lungo le coste giapponesi - un fenomeno da paesi ricchi, agricoltura intensiva, al grande uso di fertilizzanti. Zone morte sono comparse ormai anche nel Mar Giallo e nel Golfo di Thailandia.La signora Rabalais diceva alla reuter: quasi nulla viene fatto per fermare l'afflusso di azoto nel Mississippi, dunque la "zona morta" ricomparirà ogni anno. Già perché il Mississippi raccoglie i reflui di un gigantesco bacino, il 41 percento della massa emersa statunitense - anche se l'azoto e il fosforo che porta vengono tutti dalla cosiddetta corn belt, "fascia del granturco", nel midwest meridionale: ogni anno qualcosa come 1,6 milioni di tonnellate di azoto arrivano nel Golfo del Messico portati dal Mississippi, più del triplo della media tra il 1955 e il 1970. In tutto il mondo l'uso di fertilizzanti chimici è aumentato di circa dieci volte negli ultimi cinquant'anni. Allo stesso tempo sono andate declinando le "zone umide" lungo i fiumi e sulle coste - stagni e acquitrini hanno una funzione importante di filtro - e così è diminuita la capacità naturale dei fiumi di "ripulirsi". Gli stati agricoli del midwest hanno perso l'80% delle loro zone umide; la parte bassa del corso del Mississippi ne ha persa la metà. Tutto questo concorre a fare le "zone morte".E però l'ipoxia si può curare. Bisogna diminuire l'inquinamento da azoto e altri elementi "nutrienti", ripristinare le zone umide, restituire agli ecosistemi le loro funzioni. E aspettare, perché il ciclo della vita marina riprenderà lentamente.

TERRATERRA PAOLA DESAI
domenica 29 agosto 2004


News

Ammazzarsi non è la soluzione.
Giovanni Viola, trentenne, si è impiccato nella sua azienda agricola. Giovanni era sposato, era padre di un bambino, era un produttore agricolo capace, era una brava persona che non accettava la situazione economica in cui era precipitato. Per tutto questo non ha retto. Le brave persone non fanno mai del male agli altri, non ci riescono, e per questo ieri dopo pranzo si è recato nella sua azienda e li ha compiuto l’ultimo atto - assurdo e per nulla condivisibile - della sua breve vita. Siamo alla resa dei conti, quello di ieri non è il gesto disperato di un singolo. NO! Vittoria sta vivendo la crisi economica e sociale più ampia della sua storia recente. Migliaia di titolari di aziende agricole, artigianali e commerciali si trovano nelle stesse condizioni economiche e psicologiche in cui si trovava Giovanni. Nessuno ha compreso quanto sia ampio il livello di disperazione di questa terra. Quella di ieri è solo una piccola frazione della punta dell’iceberg che ci sta venendo addosso. Il rischio, che va subito contrastato è l’emulazione. Togliersi la vita non è la soluzione. >>



SOLIDARIETA' AL POPOLO MAPUCHE!
“Operazione Uragano”. È il nome che i carabinieri cileni hanno scelto per un’azione repressiva contro 8 leader del popolo mapuche, il popolo “originario” che da secoli lotta per la sua terra. Gli 8 erano stati arrestati, in via preventiva, per associazione terroristica, accusati di aver prodotto attacchi incendiari. >>



Le Ong possono chiedere il riesame delle autorizzazioni agli OGM, perché ambiente e salute sono connessi. Il Tribunale dell’Ue dà torto alla Commissione.
Il Tribunale dell’Ue ha annullato la decisione con la quale la Commissione europea aveva respinto la richiesta di un’organizzazione non governativa, la TestBioTech, volta ad ottenere il riesame dell’autorizzazione all’immissione in commercio di prodotti contenenti soia geneticamente modificata. La richiesta dell’Ong era stata avanzata sulla base di un regolamento dell’Unione che consente alle organizzazioni non governative di partecipare ai processi decisionali in materia ambientale, il cosiddetto “regolamento di Aarhus”. La Commissione Ue aveva obiettato che gli aspetti legati alla valutazione sanitaria degli alimenti o dei mangimi OGM non potevano essere esaminati nel contesto del regolamento di Aarhus, dal momento che tali aspetti non riguardavano la valutazione dei rischi ambientali, bensì il settore della sanità. >>