Cerca Contatti Archivio
 
"Lingua blu", un esposto di Marcelli alla Procura

SULMONA - Nunzio Marcelli, presidente dell'Arpo, annuncia che, dopo tutti gl'inutili tentativi di vedere risarciti gli allevatori per le morti del bestiame e i danni che sarebbero stati provocati dalle vaccinazioni per la Blue Tongue, ha presentato un esp
«L'Arpo invita tutti gli altri allevatori - si legge nella lettera inviata agli associati - a fare altrettanto, mettendosi in contatto con l'Arpo stessa per fornire tutti gli elementi utili a poter inoltrare analogo esposto alla magistratura affinchè siano riconosciuti i danni patiti dagli allevatori e mai indennizzati».

Nella lettera è allegato l'art. 500, debitamente spiegato in tutte le sue parti, per far comprendere agli allevatori che l'iniziativa non è di quelle campate in aria, e un modello dell'esposto da presentare.

Nunzio Marcelli sostiene che il reato potrebbe sostanziarsi anche in una "omissione", infatti scrive: «La condotta può consistere sia in un'azione che in un'omissione, purché, in quest'ultimo caso, l'agente abbia l'obbligo giuridico di impedire l'evento». Insomma l'Arpo apre un "caso" giuridico. Sarà la Procura della Repubblica a dirimere la vicenda.
giovedì 29 gennaio 2004


News

LE VARIANTI CONTESTATE. IL POLPO DI LEROY MERLIN INDIGESTO AI COMITATI “NON RIDUCE L’IMPATTO”
In tanti modi si può “cucinare” il polpo, ma lo svincolo tentacolare che smisterà il traffico verso il centro commerciale di Leroy Merlin, all’ex foro boario, resta sempre indigesto ai comitati della zona e agli ambientalisti del Comitato difesa alberi e territorio. Il problema di fondo è che quel progetto moltiplica il traffico e l’inquinamento, aumenta il consumo di suolo e strozza un pezzo di città, in cambio di un interesse pubblico che per i comitati è tutto da verificare. >>



Il Tribunale dell’Ue respinge i ricorsi (di Bayer e Syngenta)) contro le restrizioni ai pesticidi neonicotinoidi pericolosi per le api. Accolto in gran parte quello sul fipronil.
Le restrizioni all’uso di tre pesticidi neonicotinoidi – clothianidin, tiametoxam e imidacloprid – introdotte dalla Commissione europea nel 2013 erano scientificamente giustificate, perché basate sulla valutazione dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), che aveva accertato l’esistenza di effetti inaccettabili di queste sostanze attive sulle api. Lo ha stabilito il Tribunale dell’Ue respingendo integralmente i ricorsi presentati dalla Bayer, che produce e commercializza l’imidacloprid e il clothianidin all’interno dell’Unione, e dal gruppo Syngenta, produttore del tiametoxam, nonché di sementi conciate. Syngenta aveva anche chiesto un risarcimento di almeno a 367,9 milioni di euro. >>



L’allarme di Coldiretti: “I limoni siciliani stanno scomparendo”
L’allarme di Coldiretti: “I limoni siciliani stanno scomparendo” – Non si capisce perché ci fanno acquistare a 3 euro il prodotto che arriva dall’altra parte del mondo e non consumare quello della nostra terra !!! >>