Cerca Contatti Archivio
 
BRESCIA, LA CENTRALE DEL LATTE SI DA' AL MINESTRONE

Una delle poche centrali del latte ancora controllate da un comune (in questo caso quello di Brescia) e la differenza con quelle svendute, negli anni, dagli altri comuni si vede. Bastasse solo il fatto che la centrale raccoglie e lavora per lo più latte prodotto nel bresciano e quindi incentiva la permanenza di un sistema agricolo in territorio comunale e provinciale. La Centrale di Brescia da tempo è esempio di ricerca e sviluppo nel settore alimentare applicando il criterio della massima qualità e naturalezza del prodotto finito. Una dimostrazione di buona gestione, od almeno diversa e utile alle necessità della cittadinanza, che non si fonda sul latte importato da un migliaio di chilometri di distanza o sulla magica rigenerazione del latte in polvere (modello tanzi/Parmalat). Tante Centrali comunali sono invece state svendute ai privati (Verona, Vicenza...) perchè considerate un costo, senza capire che così si distruggeva una grande risorsa collettiva, si privava il territorio della necessaria permanenza e sviluppo dei sistemi agricoli e la cittadinanza veniva impoverita nel valore nutritivo della sua alimentazione. Fare altrimenti era possibile e lo è ancora. a cura di AltrAgricoltura Nord Est
BRESCIA, LA CENTRALE DEL LATTE SI DA' AL MINESTRONE Niente conservanti, olio extra vergine. È «Tradizione pronta», zuppa e minestrone fresco pronto all'uso, basta riscaldare. Zuppe e minestroni freschi, cucinati secondo la «ricetta della nonna», pronti per l’uso. È la novità firmata Centrale del Latte, che ieri ha presentato la linea di prodotti «Tradizione pronta». Due, per ora, le varianti, Minestrone e Zuppa isolana, resa più sostanziosa da vari legumi. Segni particolari: solo verdure fresche da coltivazioni senza Ogm, lavorate con i crismi dell’ecosostenibilità. Ma soprattutto - hanno spiegato da via Lamarmora - nessun ingrediente surgelato, liofilizzato o precotto. I legumi, infatti, dopo l’ammollo di una notte come comanda la tradizione, vengono fatti cuocere per più di un’ora a temperatura costante. Senza dimenticare il soffritto con olio extravergine, aglio e cipolla, poi tolti. Risultato: le minestre, confezionate a caldo in ciotole, in 12 ore sono nei punti vendita. «E l’assenza di conservanti è garantita - dice il direttore commerciale Andrea Bartolozzi - anche se ciò implica un consumo entro una decina di giorni». La novità, del resto, è tutta qui: «Sul mercato non c’è nulla di simile: i surgelati necessitano di lunghe cotture - continua Bertolazzi - i liofilizzati o i vasetti da tenere in frigo sono soggetti a ricotture o pastorizzazioni che ne allungano la vita a discapito di sapore e proprietà nutritive». I minestroni della Centrale, invece, cui presto se passeranno «l’esame» dei consumatori si aggiugnerà la Zuppa Toscana, vanno solo scaldati un paio di minuti nel forno a micro-onde o sui fornelli. «La confezione da 400 grammi, poi, è una monodose ideale, al contrario dei 600 grammi delle zuppe in commercio; abbondanti per una persona, pochi per due». Non solo. «Tradizione Pronta», per la gioia dei vegetariani, non usa grassi animali. Una nuova sfida, insomma, «pur in una stagione di sofferenza dei consumi. Ma la Centrale non è mai stata ferma né intende starci» anticipa il direttore Franco Dusina, che riconferma la sede in via Lamarmora. «In otto anni, infatti, abbiamo lanciato oltre 100 prodotti, culminati a settembre nell’anteprima mondiale del latte a lunga conservazione nella bottiglia pet. L’anno che verrà? Peggio del 2004. Ma non rinunceremo alle sorprese».


sabato 22 gennaio 2005


News

Ammazzarsi non è la soluzione.
Giovanni Viola, trentenne, si è impiccato nella sua azienda agricola. Giovanni era sposato, era padre di un bambino, era un produttore agricolo capace, era una brava persona che non accettava la situazione economica in cui era precipitato. Per tutto questo non ha retto. Le brave persone non fanno mai del male agli altri, non ci riescono, e per questo ieri dopo pranzo si è recato nella sua azienda e li ha compiuto l’ultimo atto - assurdo e per nulla condivisibile - della sua breve vita. Siamo alla resa dei conti, quello di ieri non è il gesto disperato di un singolo. NO! Vittoria sta vivendo la crisi economica e sociale più ampia della sua storia recente. Migliaia di titolari di aziende agricole, artigianali e commerciali si trovano nelle stesse condizioni economiche e psicologiche in cui si trovava Giovanni. Nessuno ha compreso quanto sia ampio il livello di disperazione di questa terra. Quella di ieri è solo una piccola frazione della punta dell’iceberg che ci sta venendo addosso. Il rischio, che va subito contrastato è l’emulazione. Togliersi la vita non è la soluzione. >>



SOLIDARIETA' AL POPOLO MAPUCHE!
“Operazione Uragano”. È il nome che i carabinieri cileni hanno scelto per un’azione repressiva contro 8 leader del popolo mapuche, il popolo “originario” che da secoli lotta per la sua terra. Gli 8 erano stati arrestati, in via preventiva, per associazione terroristica, accusati di aver prodotto attacchi incendiari. >>



Le Ong possono chiedere il riesame delle autorizzazioni agli OGM, perché ambiente e salute sono connessi. Il Tribunale dell’Ue dà torto alla Commissione.
Il Tribunale dell’Ue ha annullato la decisione con la quale la Commissione europea aveva respinto la richiesta di un’organizzazione non governativa, la TestBioTech, volta ad ottenere il riesame dell’autorizzazione all’immissione in commercio di prodotti contenenti soia geneticamente modificata. La richiesta dell’Ong era stata avanzata sulla base di un regolamento dell’Unione che consente alle organizzazioni non governative di partecipare ai processi decisionali in materia ambientale, il cosiddetto “regolamento di Aarhus”. La Commissione Ue aveva obiettato che gli aspetti legati alla valutazione sanitaria degli alimenti o dei mangimi OGM non potevano essere esaminati nel contesto del regolamento di Aarhus, dal momento che tali aspetti non riguardavano la valutazione dei rischi ambientali, bensì il settore della sanità. >>