Cerca Contatti Archivio
 
BRESCIA, LA CENTRALE DEL LATTE SI DA' AL MINESTRONE

Una delle poche centrali del latte ancora controllate da un comune (in questo caso quello di Brescia) e la differenza con quelle svendute, negli anni, dagli altri comuni si vede. Bastasse solo il fatto che la centrale raccoglie e lavora per lo più latte prodotto nel bresciano e quindi incentiva la permanenza di un sistema agricolo in territorio comunale e provinciale. La Centrale di Brescia da tempo è esempio di ricerca e sviluppo nel settore alimentare applicando il criterio della massima qualità e naturalezza del prodotto finito. Una dimostrazione di buona gestione, od almeno diversa e utile alle necessità della cittadinanza, che non si fonda sul latte importato da un migliaio di chilometri di distanza o sulla magica rigenerazione del latte in polvere (modello tanzi/Parmalat). Tante Centrali comunali sono invece state svendute ai privati (Verona, Vicenza...) perchè considerate un costo, senza capire che così si distruggeva una grande risorsa collettiva, si privava il territorio della necessaria permanenza e sviluppo dei sistemi agricoli e la cittadinanza veniva impoverita nel valore nutritivo della sua alimentazione. Fare altrimenti era possibile e lo è ancora. a cura di AltrAgricoltura Nord Est
BRESCIA, LA CENTRALE DEL LATTE SI DA' AL MINESTRONE Niente conservanti, olio extra vergine. È «Tradizione pronta», zuppa e minestrone fresco pronto all'uso, basta riscaldare. Zuppe e minestroni freschi, cucinati secondo la «ricetta della nonna», pronti per l’uso. È la novità firmata Centrale del Latte, che ieri ha presentato la linea di prodotti «Tradizione pronta». Due, per ora, le varianti, Minestrone e Zuppa isolana, resa più sostanziosa da vari legumi. Segni particolari: solo verdure fresche da coltivazioni senza Ogm, lavorate con i crismi dell’ecosostenibilità. Ma soprattutto - hanno spiegato da via Lamarmora - nessun ingrediente surgelato, liofilizzato o precotto. I legumi, infatti, dopo l’ammollo di una notte come comanda la tradizione, vengono fatti cuocere per più di un’ora a temperatura costante. Senza dimenticare il soffritto con olio extravergine, aglio e cipolla, poi tolti. Risultato: le minestre, confezionate a caldo in ciotole, in 12 ore sono nei punti vendita. «E l’assenza di conservanti è garantita - dice il direttore commerciale Andrea Bartolozzi - anche se ciò implica un consumo entro una decina di giorni». La novità, del resto, è tutta qui: «Sul mercato non c’è nulla di simile: i surgelati necessitano di lunghe cotture - continua Bertolazzi - i liofilizzati o i vasetti da tenere in frigo sono soggetti a ricotture o pastorizzazioni che ne allungano la vita a discapito di sapore e proprietà nutritive». I minestroni della Centrale, invece, cui presto se passeranno «l’esame» dei consumatori si aggiugnerà la Zuppa Toscana, vanno solo scaldati un paio di minuti nel forno a micro-onde o sui fornelli. «La confezione da 400 grammi, poi, è una monodose ideale, al contrario dei 600 grammi delle zuppe in commercio; abbondanti per una persona, pochi per due». Non solo. «Tradizione Pronta», per la gioia dei vegetariani, non usa grassi animali. Una nuova sfida, insomma, «pur in una stagione di sofferenza dei consumi. Ma la Centrale non è mai stata ferma né intende starci» anticipa il direttore Franco Dusina, che riconferma la sede in via Lamarmora. «In otto anni, infatti, abbiamo lanciato oltre 100 prodotti, culminati a settembre nell’anteprima mondiale del latte a lunga conservazione nella bottiglia pet. L’anno che verrà? Peggio del 2004. Ma non rinunceremo alle sorprese».


sabato 22 gennaio 2005


News

Eni e la politica estera dell’Unione europea: il consigliere a rischio “conflitto di interessi”
Nathalie Tocci, nel cda della multinazionale degli idrocarburi da metà maggio 2020, è stata nominata consigliere speciale dell’Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell’Unione europea, Joseph Borrell. Quest’ultimo ammette le incongruenze e promette “mitigazioni” per evitare sovrapposizioni. Ma per Re:Common le misure adottate sono “insufficienti”. Consigliere di amministrazione di Eni e ora anche consigliere speciale dell’Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell’Unione europea. È la storia di Nathalie Tocci, nominata lo scorso 13 maggio amministratore non esecutivo del cda della multinazionale degli idrocarburi partecipata dallo Stato italiano al 30%. Quasi due mesi dopo, Tocci ha ricevuto dalla Commissione europea l’incarico di “fornire consulenza sull’elaborazione della strategia globale dell’Ue” accanto allo spagnolo Josep Borrell. >>



Il Parlamento di Cipro boccia il CETA, Trattato Ue-Canada,
Il Parlamento di Cipro boccia il CETA, Trattato Ue-Canada, già in vigore provvisorio dal 21 settembre 2017, un piccolo Stato che blocca l'iter di ratifica di un accordo dalle conseguenze devastanti per l'agroalimentare, decisione esplosiva che speriamo sia ripresa da altri Stati europei, Italia innanzitutto. Con 37 voti contrari e solo 18 favorevoli (partito di Sinistra Akel e socialisti contrari, destra favorevole), il 31 luglio il Parlamento della piccola Cipro ha detto NO al trattato di libero scambio fra UE e Canada. Tutti i partiti, ad eccezione della destra, hanno votato contro il CETA, opponendo diverse motivazioni: dai rischi del tribunale ICS, costruito su misura per le multinazionali che vogliono fare causa agli stati, alla mancata protezione dei prodotti tipici, tra cui ricordiamo il formaggio di capra Halloum, esposti alla pirateria alimentare d'oltreoceano. E poi i pericoli dell’uso troppo disinvolto di pesticidi come il glifosato, che in Canada viene utilizzato per seccare il grano prima della raccolta, e la paura di accrescere ulteriormente il potere delle grandi imprese. >>



Covid e biologico: il 73% delle aziende in crisi a causa della pandemia.
Per oltre due aziende su tre del settore biologico la possibilità di reggere alla crisi economica sopraggiunta a causa dell’emergenza sanitaria è di massimo tre mesi. È questo uno dei primi dati dell’analisi voluta e sviluppata dalle tre maggiori organizzazioni del comparto, Aiab, FederBio e Assobiodinamica, a partire da una proposta della Fondazione italiana per la ricerca in agricoltura biologica e biodinamica (FIRAB), per rilevare l’impatto della pandemia da Covid19 sul biologico. >>