Cerca Contatti Archivio
 
BRESCIA, LA CENTRALE DEL LATTE SI DA' AL MINESTRONE

Una delle poche centrali del latte ancora controllate da un comune (in questo caso quello di Brescia) e la differenza con quelle svendute, negli anni, dagli altri comuni si vede. Bastasse solo il fatto che la centrale raccoglie e lavora per lo più latte prodotto nel bresciano e quindi incentiva la permanenza di un sistema agricolo in territorio comunale e provinciale. La Centrale di Brescia da tempo è esempio di ricerca e sviluppo nel settore alimentare applicando il criterio della massima qualità e naturalezza del prodotto finito. Una dimostrazione di buona gestione, od almeno diversa e utile alle necessità della cittadinanza, che non si fonda sul latte importato da un migliaio di chilometri di distanza o sulla magica rigenerazione del latte in polvere (modello tanzi/Parmalat). Tante Centrali comunali sono invece state svendute ai privati (Verona, Vicenza...) perchè considerate un costo, senza capire che così si distruggeva una grande risorsa collettiva, si privava il territorio della necessaria permanenza e sviluppo dei sistemi agricoli e la cittadinanza veniva impoverita nel valore nutritivo della sua alimentazione. Fare altrimenti era possibile e lo è ancora. a cura di AltrAgricoltura Nord Est
BRESCIA, LA CENTRALE DEL LATTE SI DA' AL MINESTRONE Niente conservanti, olio extra vergine. È «Tradizione pronta», zuppa e minestrone fresco pronto all'uso, basta riscaldare. Zuppe e minestroni freschi, cucinati secondo la «ricetta della nonna», pronti per l’uso. È la novità firmata Centrale del Latte, che ieri ha presentato la linea di prodotti «Tradizione pronta». Due, per ora, le varianti, Minestrone e Zuppa isolana, resa più sostanziosa da vari legumi. Segni particolari: solo verdure fresche da coltivazioni senza Ogm, lavorate con i crismi dell’ecosostenibilità. Ma soprattutto - hanno spiegato da via Lamarmora - nessun ingrediente surgelato, liofilizzato o precotto. I legumi, infatti, dopo l’ammollo di una notte come comanda la tradizione, vengono fatti cuocere per più di un’ora a temperatura costante. Senza dimenticare il soffritto con olio extravergine, aglio e cipolla, poi tolti. Risultato: le minestre, confezionate a caldo in ciotole, in 12 ore sono nei punti vendita. «E l’assenza di conservanti è garantita - dice il direttore commerciale Andrea Bartolozzi - anche se ciò implica un consumo entro una decina di giorni». La novità, del resto, è tutta qui: «Sul mercato non c’è nulla di simile: i surgelati necessitano di lunghe cotture - continua Bertolazzi - i liofilizzati o i vasetti da tenere in frigo sono soggetti a ricotture o pastorizzazioni che ne allungano la vita a discapito di sapore e proprietà nutritive». I minestroni della Centrale, invece, cui presto se passeranno «l’esame» dei consumatori si aggiugnerà la Zuppa Toscana, vanno solo scaldati un paio di minuti nel forno a micro-onde o sui fornelli. «La confezione da 400 grammi, poi, è una monodose ideale, al contrario dei 600 grammi delle zuppe in commercio; abbondanti per una persona, pochi per due». Non solo. «Tradizione Pronta», per la gioia dei vegetariani, non usa grassi animali. Una nuova sfida, insomma, «pur in una stagione di sofferenza dei consumi. Ma la Centrale non è mai stata ferma né intende starci» anticipa il direttore Franco Dusina, che riconferma la sede in via Lamarmora. «In otto anni, infatti, abbiamo lanciato oltre 100 prodotti, culminati a settembre nell’anteprima mondiale del latte a lunga conservazione nella bottiglia pet. L’anno che verrà? Peggio del 2004. Ma non rinunceremo alle sorprese».


sabato 22 gennaio 2005


News

Covid e biologico: il 73% delle aziende in crisi a causa della pandemia.
Per oltre due aziende su tre del settore biologico la possibilità di reggere alla crisi economica sopraggiunta a causa dell’emergenza sanitaria è di massimo tre mesi. È questo uno dei primi dati dell’analisi voluta e sviluppata dalle tre maggiori organizzazioni del comparto, Aiab, FederBio e Assobiodinamica, a partire da una proposta della Fondazione italiana per la ricerca in agricoltura biologica e biodinamica (FIRAB), per rilevare l’impatto della pandemia da Covid19 sul biologico. >>



Coronavirus, 5,7 mln di litri di latte al giorno dall’estero
Ogni giorno 5,7 milioni di litri di latte straniero attraversano le frontiere e invadono l’Italia con cisterna o cagliate congelate low cost di dubbia qualità in piena emergenza coronavirus, proprio mentre alcune aziende di trasformazione cercano di tagliare i compensi riconosciuti agli allevatori italiani, con la scusa della sovrapproduzione. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati del Ministero della salute relativi ai primi quindici giorni del mese di marzo 2020 sui flussi commerciali dall’estero in latte equivalente. Bisogna fermare qualsiasi tentativo di speculazione sui generi alimentari di prima necessità come il latte che – sottolinea la Coldiretti – nell’ultima settimana di rilevazione sui consumi ha registrato un balzo del 47% degli acquisti da parte delle famiglie, sulla base dei dati IRI che evidenziano anche l’aumento degli acquisti di formaggi, dalla mozzarella (+35%) al Grana Padano e Parmigiano Reggiano (+38%). >>



Accordo con Gottardo blocca la «marcia dei 100» di Tigotà
Guerra tra Poveri. Padova e Broni (Pavia), vittoria dei lavoratori della logistica. Gli addetti - spinti dalla proprietà - avevano protestato contro il picchetto Cobas dei facchini Qualcuno aveva addirittura scomodato il paragone con la marcia dei 40mila a Mirafiori. La lotta dei lavoratori della logistica Gottardo di Padova e Broni era stata messa in secondo piano dalla contro manifestazione di un centinaio di lavoratori dei Tigotà catena di negozi di cosmetici e per la casa che protestavano contro i blocchi che impedivano lapprovvigionamento dei punti vendita della stessa proprietà per la movimentazione merci. Per fortuna tutto si è concluso ieri con l’accordo siglato alla prefettura di Pavia con cui i sindacati Adl e Si Cobas portano a casa gran parte delle loro richieste che hanno fatto partire la mobilitazione dei facchini e da lunedì riporterà alla normalità il lavoro dei negozi Tigotà. E si spera zittisca anche la spirale mediatica che aveva alimentato lo scontro fra poveri. >>