Cerca Contatti Archivio
 
Quote latte, protesta degli agricoltori. Hanno incontrato Provincia e prefetto, chiedono subito la riforma.

PAVIA. «Il varo immediato entro il 2002 della riforma della legge 468»: la richiesta viene dal consiglio direttivo della Federlombarda agricoltori, impegnata a ritmo serrato sulle quote latte. La richiesta è stata portata ieri mattina dalla delegazione pavese al presidente della Provincia Silvio Beretta ed al Prefetto Alberto Ardia. Un interessamento che Beretta ha garantito. «Abbiamo il dovere-diritto di interessarci - ha detto - e favorire approfondimenti». Le sollecitazioni della Federlombarda agricoltori in sostanza sono dirette a Regione, Parlamento e Governo.
Si chiedono «il varo immediato entro il 2002 della riforma della legge 468, ma nell'attesa l'osservanza di tale leggee ritiro della qualifica di primo acquirente a chi non la rispetta». E poi: «il recupero dell'intera quota "B" tagliata e compensazione prioritaria nell'attesa di tale recupero»; «la libera circolazione delle quote sull'intero territorio nazionale». Inoltre si chiede «la salvaguardia delle quote di montagna, oggi danneggiate anche dall'invenzione delle vendite dirette di pianura» e «un sistema sanzionatorio immediato e dissuasivo, già dalla campagna in corso, senza nessuna preclusione per una sanatoria sul passato». Tutto ciò, sempre secondo la Federlombarda agricoltori, «dovrebbe essere abbinato all'attesa sull'indagine in corso sul latte in nero, altra calamità del settore, pena il lento smantellamento del sistema zootecnico lombardo». Gli agricoltori quindi alzano la voce, considerato che la provincia di Pavia vanta la presenza di 200 stalle e la produzione di 1 milione di quintali di latte. Sul fronte del prezzo del latte si è mossa anche la Coldiretti lombarda che richiama Assolatte «al rispetto degli impegni assunti in materia di trattativa per il rinnovo del prezzo del latte alla stalla. Il presidente Nino Andena ha sottolineato come «Assolatte non possa esimersi dal rispondere a due quesiti di fondo, che sono: perchè non vuole rispettare i tempi dichiarati in Cabina di regia che prevedono l'avvio e la conclusione della trattativa entro la fine dell'anno; perchè si ostina a proporre ribassi ingiustificati del prezzo ai produttori, mentre da una parte il mercato reale del latte e dei principali prodotti lattiero-caseari è in tensione positiva e dall'altra lo stesso latte alimentare al consumo ha subìto in percentuale considerevoli aumenti». A tale proposito Andena ritiene che «non mantenere la parola data e provocare allarmismi ingiustificati tra i produttori è un esercizio inutile e addirittura controproducente».


martedì 24 dicembre 2002


News

Usa, perdita gigantesca dall'oleodotto Keystone: versati 795 mila litri di petrolio
Una perdita gigantesca, parti a 210 mila galloni di petrolio (circa 795mila litri), si è verificata dall'oleodotto Keystone in South Dakota. Lo ha confermato TransCanada, l'azienda che gestisce la struttura. La struttura è stato chiusa e i responsabili si sono attivati per risalire alla causa di quanto accaduto. Si tratta della più grande perdita mai registrata nello Stato. >>



Il Parlamento europeo mette al bando Monsanto. L’azienda produttrice del RoundUp ha rifiutato di partecipare a un’audizione sull’erbicida glifosato.
I rappresentanti di Monsanto non possono più entrare al Parlamento europeo, dopo che la multinazionale statunitense ha rifiutato di partecipare alle audizioni su “I Monsanto Papers e il glifosato”, organizzate dalle commissioni ambiente e agricoltura per l’11 ottobre, in merito alle accuse secondo cui Monsanto, produttrice del RoundUp, avrebbe indebitamente influenzato le decisioni delle autorità regolatorie sui rischi dell’erbicida glifosato. >>



Veneto, i veleni della fabbrica nel sangue dei residenti.
Miteni Spa a Trissino. La «guerra dei Pfas» tracima i confini e diventa istituzionale e politica. Botta e risposta tra il governatore Zaia e la ministra Lorenzin. In 79 Comuni nelle province di Verona, Vicenza e Padova, 250 mila contaminati. La “guerra dei Pfas” tracima oltre i confini del Veneto. E diventa istituzionale, politica, ma soprattutto sui risarcimenti. Le sostanze perfluoro alchiliche (Pfas) hanno già avvelenato il sangue di più di 250 mila residenti in 79 Comuni fra le province di Verona, Vicenza e Padova. E come certificato dalla relazione dei carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Treviso fin dal 1990 la Miteni Spa a Trissino inquinava il suolo nell’impianto e il vicino torrente Poscola. >>