Cerca Contatti Archivio
 
«Oggi ho venduto le vacche»

UN ALLEVATORE ENTUSIASTA CHE SI E’ ARRESO BRESCIA - «Questa mattina le mie vacche sono state caricate sui camion e sono andate in una stalla di Mairano. Vive: sono frutto di 20 anni di selezione. La quota latte è già venduta a Walter Giacomelli (in presidente della Cobreca n.d.r.). Ero pronto a raddoppiare la stalla, invece rinuncio. Mi dedicherò alla coltivazione biologica, sono interessato a diventare una fattoria didattica, sto facendo un pensierino alla coltivazione di piccoli frutti». Giambattista Goffi, perito agrario di Prevalle, consigliere della cooperativa Gardalatte, un entusiasta che dice «non mi sentivo bene se ogni anno non facevo un investimento», racconta così la decisione forse più sofferta della sua vita. Ora è sereno, ma non deve essere stato facile.
Del resto Sergio Visini aveva detto poco prima al presidente della Provincia che «si litiga in famiglia su cosa fare della stalla da latte, se comprare quote, se venderle tutte, se crescere o abbandonare». L’abbandono di Giambattista Goffi è un segnale di quelli forti. Non è la piccola stalla che si accorge di essere fuori mercato. Chiude una signora azienda. «Ero pronto a raddoppiare la stalla investendo molto in quote latte e strutture. mi hanno convinto a mollare tutto». «Non si può alzarsi la mattina prima dell’alba e chiedersi se mungere è una cosa giusta o sbagliata». Goffi conduce a Prevalle la cascina Caselle che avevano 120 capi di cui 60 in Ero pronto ad indebitarmi per un miliardo di vecchie lire. La confusione che domina il settore e il calo dei prezzi lattazione. Tra proprietà e affitto Goffi ha 60 piò di terra. Dimensioni ottimali per la zona. Con successivi acquisti Goffi aveva portato la sua quota latte da 1.300 quintali a 5.500 quintali. Malgrado questo, per l’impossibilità di stipulare affitti in corso d’anno e ancor meno soccide, ha anche lui il suo fardello di 130 mila euro di multe. «Ho cominciato nell’82 con 5 manze per passione», racconta Goffi. Passione che si è trasmessa al secondogenito che studia al Pastori. Troppo tardi? (g.m.p)


venerdì 27 dicembre 2002


News

Stato di polizia in Salento. Manganellate sui notap e 52 fermi di polizia.
 Stato di polizia in Salento. Manganellate sui notap e 52 fermi di polizia 09 Dicembre 2017 | in NO TAV&BENI COMUNI. Stampa |||||||  Chiuso per dignità. A Melendugno sciopero contro il TAP. Stato di polizia in Salento. Manganellate sui notap e 52 fermi di polizia Stato di polizia in Salento. Manganellate sui notap e 52 fermi di polizia Altra giornata di repressione a Melendugno, dove un gruppo di oltre una cinquantina di manifestanti è stato fermato all'interno della zona rossa. L'episodio è avvenuto durante una delle consuete passeggiate pomeridiane in zona San Basilio con cui gli attivisti continuano a manifestare la contrarietà all'ennesima grande opera inutile. Un centinaio di attivisti si sono ritrovati nel primo pomeriggio di oggi a ridosso della zona rossa, e una parte di loro è riuscita ad aggirare il primo blocco. Subito dopo sono stati accerchiati, ammanettati e portati in questura a Lecce, tra loro ci sarebbero anche alcuni minorenni. Ci sarebbero dei feriti tra cui una ragazza appena ventenne. >>



Usa, perdita gigantesca dall'oleodotto Keystone: versati 795 mila litri di petrolio
Una perdita gigantesca, parti a 210 mila galloni di petrolio (circa 795mila litri), si è verificata dall'oleodotto Keystone in South Dakota. Lo ha confermato TransCanada, l'azienda che gestisce la struttura. La struttura è stato chiusa e i responsabili si sono attivati per risalire alla causa di quanto accaduto. Si tratta della più grande perdita mai registrata nello Stato. >>



EUROGENDFOR: la super polizia con diritto di vita o di morte, il nuovo nazismo europeo, avanza.
E’ pubblicato sul sito dell’U.N.A.C oltre che sulla Gazzetta Ufficiale. L’Arma verso lo scioglimento. L’Unione Europea impone la smilitarizzazione della quarta Forza Armata e l’accorpamento dei carabinieri alla Polizia di Stato. L’Arma dei carabinieri in un futuro più o meno prossimo, ma certamente non remoto, è destinata ad un inevitabile scioglimento“. Poco più di tre anni fa la Camera dei Deputati ratificava ad unanimità l’accordo europeo per la costituzione di una forza armata speciale, chiamata EGF. >>