Cerca Contatti Archivio
 
INDIA: "POTREBBE CONTENERE PESTICIDI"

"Attenti, questa bevanda potrebbe contenere pesticidi". Reciterà più o meno così l'etichetta che la Corte suprema indiana ha imposto a Coca Cola e Pepsi. Continueranno a berle, gli indiani? Sulle etichette delle confezioni di Coca Cola e Pepsi vendute in India dovrà comparire d'ora in poi un'etichetta che avvisano della possibile presenza di pesticidi all'interno delle bevande. Ne dà notizia il quotidiano americano Usa Today.
La decisione arriva dalla Corte suprema indiana in seguito alla scoperta, l'agosto scorso, di residui di pesticidi in 12 campioni di Pepsi e Coca Cola. A segnalare il pericolo era stata l'associazione ambientalista Center for Science and Environment. Sarà la Corte statale del Rajasthan (la regione in cui sono state scoperte le lattine incriminate) a decidere il messaggio esatto che dovrà apparire sulle confezioni. Coca Cola, secondo UsaToday, ha sostenuto la bontà dei suoi prodotti, mentre Pepsi si è riservata di rivedere la decisione della corte prima di prendere iniziative.


giovedì 9 dicembre 2004


News

Nuovo scandalo negli Usa: la guerra sporca di Monsanto al biologico.
Un piano ben orchestrato e finanziato per attaccare il biologico, screditarlo, istillare nei consumatori la sensazione che sia un bluff. È quello messo in atto nel 2014 dai dirigenti di Monsanto, il principale fornitore mondiale di pesticidi e di semi geneticamente modificati. Lo scandalo, emerso in questi giorni, descrive come – ancora una volta – le multinazionali abbiano messo le mani sulla scienza per i loro poco confessabili interessi. >>



Battaglia Terme (PD): NO AI NUOVI MOSTRI!
Battaglia Terme - 10 luglio - serata organizzata dal Coordinamento delle Associazioni ambientaliste. Oltre 150 presenze, più di una decina di interventi, 3 ore di dibattito, contributi introduttivi di Christianne Bergamin e Gianni Sandon e poi tra gli altri il sindaco di Battaglia T. Massimo Momolo il sindaco di Due Carrare Davide Moro, il rappresentante di Confesercenti Padova Maurizio Francescon . >>



Aumenta la temperatura media globale: è allarme siccità.
La temperatura media globale continua ad aumentare: la primavera 2017 è la terza più asciutta dal 1800 ad oggi, con un'anomalia di +1,9 gradi. Lo rende noto l'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima (Isac) del Cnr. E il clima impazzito di questi primi mesi dell'anno ha già provocato danni stimati dalla Coldiretti in quasi un miliardo di euro. >>