Cerca Contatti Archivio
 
Prezzo del latte, gli industriali caseari dicono no a Soru

Ancora nulla di fatto per il prezzo del latte. La riunione di ieri tra il presidente della Regione Renato Soru, l'assessore dell'agricoltura Enrica Addis non ha portato novità. Gli industriali sono arroccati sulla loro posizione: non indicare la cifra, neppure con l'adozione del famoso documento, sottoscritto un mese fa alla presenza del governatore, che stabiliva la media ponderata del prezzo di tre tipi di formaggio, il diversificato, il pecorino romano per il mercato comunitario, quello per l'America.
I proprietari degli stabilimenti caseari hanno escluso anche il ricorso a una autorità super partes. Soru ha rimarcato questa indisponibilità al dialogo e ha ricordato come gli industriali non siano semplici trasformatori, ma imprese "con responsabilità sociale", perché in passato hanno goduto di agevolazioni e contributi da parte della Regione. «Quello che vige nella campagne tra produttori e industriali», ha detto il governatore, «è un rapporto medioevale, che deve essere rapidamente superato». Soru ha ricordato che i produttori chiedono certezze e contrattazioni trasparenti e ha invitato i responsabili dei caseifici a trovare, con l'assessore e i tecnici, un criterio che possa portare alla definizione della vertenza. Gli industriali hanno parlato invece di difficoltà nel trovare gli strumenti per promuovere una diversificazione del prodotto. Una chiusura su tutti i fronti e una rigidità che hanno infastidito Soru, che al termine della riunione (durata sette ore) è andato via piuttosto irritato. Un nuovo incontro è stato fissato per giovedì e a questo punto slitterà ancora il tavolo unitario ipotizzato per venerdì. Coldiretti - Intanto, la Coldiretti è pronta a scendere in piazza. Da mesi i lavoratori dei campi sono in attesa di risposte certe da parte della classe politica. Per questo l'associazione ha inviato una lettera a tutti i consiglieri regionali e all'intera giunta per sollecitare una risposta dal palazzo di via Roma. Sul tavolo molte questioni ancora irrisolte: l'annosa vertenza del prezzo del latte, ma anche gli indennizzi per i danni da vaccinazione per la lingua blu, la virosi del pomodoro, il recupero delle multe pagate dai produttori di latte vaccino nel 2003 (3,5 milioni di euro), il no agli ogm. Una serie di problemi che determineranno la protesta degli agricoltori. «Non abbiamo mai avuto risposte», sottolinea Aldo Mattia, direttore regionale di Coldiretti, «e da lunedì prossimo effettueremo manifestazioni in piazza prendendo di mira, pacificamente, i punti "sensibili". Abbiamo una settimana per radunare le forze e ascoltare la base. In questi eventi in piazza non so che cosa accadrà, la rabbia è molta: aspettiamo da luglio». Cia - Oggi alle 10 a Santa Giusta al ristorante "Il Tucano" la Cia ha convocato gli stati generali dell'associazione. Verrà decisa la strategia da adottare, anche perché il rischio paventato dalla Cia è che 2.100 allevatori quest'anno non riescano a vendere il latte. Alessandro Atzeri


martedì 7 dicembre 2004


News

Gates e Zuckerberg puntano sull'agricoltura: "Cibo vero solo per ricchi"
Altro che carne sintetica e dieta vegetale. I grandi imprenditori dei Big Data sembrano andare proprio nella direzione opposta. Mentre, infatti, la sostenibilità planetaria spinge le economie a orientarsi verso la produzione di cibo sintetico, loro investono su terreni agricoli e sulla produzione di carne tradizionale di altissima qualità. E naturalmente altissimi costi e ricavi. >>



FPP2 GRATIS, ANNUNCIO DI BIDEN, COSA ASPETTA DRAGHI?
Il presidente USA Biden, raccogliendo la richiesta che da tempo avanza Bernie Sanders, ha annunciato che gli Stati Uniti forniranno mascherine ffp2 gratis ai cittadini. >>



Pesticidi in Unione europea.
La European Food Safety Authority (EFSA) ha pubblicato un report sugli ortaggi e frutta più contaminati da pesticidi... studio pubblicato nel mese di febbraio 2021 che discute i dati del 2019. In tutta Europa, nell’anno 2019, sono stati analizzati 96.302 campioni e la frequenza media si attesta su 19 analisi per 100mila abitanti. I paesi più virtuosi sono la Lituania (125 analisi su 100mila abitanti), la Bulgaria (104 analisi) e il Lussemburgo (81 analisi). I meno virtuosi sono la Gran Bretagna (1,5 analisi), la Spagna (5 analisi) e la Polonia (7 analisi). L’Italia e la Francia si attestano sulla media europea di 19 analisi per 100mila abitanti, la Germania appena un po’ in più con 25 analisi. >>