Cerca Contatti Archivio
 
Invito a partecipare alla serata: IL CIBO NON E' MERCE, la sovranità alimentare nell'esperienza del MST in Brasile

Tre giovani padovani raccontano la loro esperienza nell'incontro della realtà dei Sem Terra in Brasile. Mercoledì 25 ottobre 2006 - ore 21.00 presso l’associazione AltrAgricoltura Nord Est - Corso Australia , 61 (Ex Coyote Ugly). Relatori: Debora Da Pos, Lucia Prendin, Alessandro Balzan

Sono passati 10 anni dal primo Summit Mondiale sull’Alimentazione promosso dalla FAO nel corso del quale si fissò l’obiettivo di dimezzare il numero di affamati entro il 2015. In questi giorni ne ricorre l’anniversario e tragicamente l’obiettivo resta lontano. Oggi, a metà strada dalla scadenza del 2015, continuano a diminuire gli aiuti esteri a favore di agricoltura e sviluppo rurale (da oltre 9 miliardi di dollari l’anno all’inizio degli anni ’80, a meno di 5 miliardi alla fine degli anni ’90) e constatiamo che il numero di persone che nel mondo soffrono la fame non ha mutato dimensioni e drammaticità considerando che il numero attuale è di 852 milioni, 18 milioni di persone in più rispetto al 1996. Se è vero che gli investimenti infrastrutturali nelle zone rurali, specialmente per quanto riguarda acqua,strade, energia e comunicazioni, hanno un ruolo fondamentale nel promuovere la crescita in agricoltura, è altrettanto vero che soltanto pianificando un nuovo modello di sviluppo agricolo si può davvero parlare di “sicurezza alimentare”. Ridiscutere l’attuale modello di agricoltura globalizzata che con la privatizzazione delle risorse comuni (acqua, biodiversità, foreste…) sta distruggendo le economie della natura e della sussistenza che alimentano la stragrande maggioranza della popolazione mondiale diventa prioritario per rimettere la tutela della vita avanti alla speculazione finanziaria.

In questa ottica prende senso la serata che racconta dei Sem Terra, uno tra i tanti movimenti contadini che nei paesi del sud del mondo non solo resistono e fermano la privatizzazione delle terre pubbliche ed il dislocamento di intere popolazioni contadine ed indigene dalle proprie terre natie in aree marginali lontane dove l’ambiente non sostiene la sopravvivenza e lo sviluppo economico e sociale, ma costruiscono modelli di vita sociale che pur con poveri mezzi a disposizione garantiscono a tutte le comunità la fruizione di beni comuni quali l’istruzione, la sanità, l’alimentazione, un tetto. L’MST, Movimento dei Lavoratori Rurali Senza Terra del Brasile, lotta per la riforma agraria (mai avvenuta in Brasile), sostiene gli agricoltori nella riappropriazione della terra e nella ricerca della sovranità alimentare, ossia del diritto delle comunità e dei popoli di scegliere il proprio modello di produzione, distribuzione e alimentazione contro un modello che vede il Brasile unicamente come grande esportatore di prodotti agricoli. Un tema rivoluzionario perché "incide sui fondamenti stessi del modello economico neoliberista"; se questo infatti si fonda "su una fortissima divisione del lavoro a livello internazionale e sull'aumento continuo e inesorabile delle esportazioni come condizione per la crescita economica", la sovranità alimentare implica, al contrario, lo sviluppo del mercato interno, puntando non sulla crescita delle esportazioni, ma sulla produzione locale di alimenti sani, a prezzi economici e nel rispetto dell'ambiente. In contrapposizione alla logica neoliberista viene data preferenza, non solo nel Sud ma anche nel Nord del mondo, al ciclo corto di produzione, che elimina la molteplicità dei passaggi dalla produzione al consumatore e rende possibile l'esistenza dell'azienda contadina e la valorizzazione del territorio e del lavoro agricolo. AltrAgricoltura Nord Est cso Australia , 61 35100 Padova Tel. 049.7380554 - fax 049.8736516 Cell. 348.8810257 www.altragricolturanordest.it e-mail: infogas@altragricolturanordest.it e-mail: altragricoltura@altragricolturanordest.it


AltrAgricoltura Nord est

sabato 21 ottobre 2006


 
News

Ammazzarsi non è la soluzione.
Giovanni Viola, trentenne, si è impiccato nella sua azienda agricola. Giovanni era sposato, era padre di un bambino, era un produttore agricolo capace, era una brava persona che non accettava la situazione economica in cui era precipitato. Per tutto questo non ha retto. Le brave persone non fanno mai del male agli altri, non ci riescono, e per questo ieri dopo pranzo si è recato nella sua azienda e li ha compiuto l’ultimo atto - assurdo e per nulla condivisibile - della sua breve vita. Siamo alla resa dei conti, quello di ieri non è il gesto disperato di un singolo. NO! Vittoria sta vivendo la crisi economica e sociale più ampia della sua storia recente. Migliaia di titolari di aziende agricole, artigianali e commerciali si trovano nelle stesse condizioni economiche e psicologiche in cui si trovava Giovanni. Nessuno ha compreso quanto sia ampio il livello di disperazione di questa terra. Quella di ieri è solo una piccola frazione della punta dell’iceberg che ci sta venendo addosso. Il rischio, che va subito contrastato è l’emulazione. Togliersi la vita non è la soluzione. >>



SOLIDARIETA' AL POPOLO MAPUCHE!
“Operazione Uragano”. È il nome che i carabinieri cileni hanno scelto per un’azione repressiva contro 8 leader del popolo mapuche, il popolo “originario” che da secoli lotta per la sua terra. Gli 8 erano stati arrestati, in via preventiva, per associazione terroristica, accusati di aver prodotto attacchi incendiari. >>



Le Ong possono chiedere il riesame delle autorizzazioni agli OGM, perché ambiente e salute sono connessi. Il Tribunale dell’Ue dà torto alla Commissione.
Il Tribunale dell’Ue ha annullato la decisione con la quale la Commissione europea aveva respinto la richiesta di un’organizzazione non governativa, la TestBioTech, volta ad ottenere il riesame dell’autorizzazione all’immissione in commercio di prodotti contenenti soia geneticamente modificata. La richiesta dell’Ong era stata avanzata sulla base di un regolamento dell’Unione che consente alle organizzazioni non governative di partecipare ai processi decisionali in materia ambientale, il cosiddetto “regolamento di Aarhus”. La Commissione Ue aveva obiettato che gli aspetti legati alla valutazione sanitaria degli alimenti o dei mangimi OGM non potevano essere esaminati nel contesto del regolamento di Aarhus, dal momento che tali aspetti non riguardavano la valutazione dei rischi ambientali, bensì il settore della sanità. >>