Cerca Contatti Archivio
 
Pesticidi in Unione europea.

La European Food Safety Authority (EFSA) ha pubblicato un report sugli ortaggi e frutta più contaminati da pesticidi... studio pubblicato nel mese di febbraio 2021 che discute i dati del 2019. In tutta Europa, nell’anno 2019, sono stati analizzati 96.302 campioni e la frequenza media si attesta su 19 analisi per 100mila abitanti. I paesi più virtuosi sono la Lituania (125 analisi su 100mila abitanti), la Bulgaria (104 analisi) e il Lussemburgo (81 analisi). I meno virtuosi sono la Gran Bretagna (1,5 analisi), la Spagna (5 analisi) e la Polonia (7 analisi). L’Italia e la Francia si attestano sulla media europea di 19 analisi per 100mila abitanti, la Germania appena un po’ in più con 25 analisi.

I dati sui residui di pesticidi in ortaggi e frutta, il caso degli alimenti per la prima infanzia I dati sono allarmanti. Nel 43,9% dei campioni analizzati si trovano residui di pesticidi. Il caso più inquietante riguarda i cibi per i bambini più piccoli. La normativa europea prevede che gli alimenti destinati alla prima infanzia non debbano presentare alcun residuo riscontrabile nelle analisi. Stando ai dati diffusi dalla EFSA circa il 40% degli alimenti non sarebbe dovuta essere usata per la pappa dei più piccoli. Ma non è tutto. Circa il 4% dei campioni analizzati supera i limiti di legge che sono stati fissati per gli adulti. Si tratta di alimenti che non solo non erano idonei per i più piccoli ma che addirittura non potevano essere messi in commercio. Un altro dato è particolarmente inquietante. Nel 27% dei campioni analizzati sono stati riscontrati residui di più pesticidi utilizzati contemporaneamente. Il record è di un lotto di uvetta che presentava residui di ben 28 tipologie di pesticidi differenti.

La lista nera 1. sedano (77,1% con residui, il 14,6% oltre i limiti di legge). 2. spinaci (57,7%, l’8.9% oltre i limiti). 3. rucola (78,8%, l’8.2% oltre i limiti). 4. prezzemolo (68,2%, l’8,3% oltre i limiti). 5. peperoni (64%, il 5.6% oltre i limiti). Ecco la ‘classifica’ della frutta più contaminata da pesticidi: ciliegie (83,9% con residui, il 4.8% oltre i limiti di legge), pompelmi (81%, il 4% oltre i limiti), limoni (79.5% con residui, il 6% oltre i limiti), fragole (77% con residui) ananas (77% con residui).

A questi dati si aggiunge anche il riso che presenta residui nel 30% di campioni analizzati e il 25% risulta essere oltre i limiti di legge. Ricordiamo che i pesticidi fanno male soprattutto ai bambini, ma anche a noi adulti e in generale alla biodiversità....per fortuna che molti agricoltori stanno scegliendo l’agricoltura biologica e stanno rinunciando all’utilizzazione dei pesticidi tossici. (testo pubblicato da investireoggi)
Comitato Stop TTIP Udine

mercoledì 11 agosto 2021


 
News

Gates e Zuckerberg puntano sull'agricoltura: "Cibo vero solo per ricchi"
Altro che carne sintetica e dieta vegetale. I grandi imprenditori dei Big Data sembrano andare proprio nella direzione opposta. Mentre, infatti, la sostenibilità planetaria spinge le economie a orientarsi verso la produzione di cibo sintetico, loro investono su terreni agricoli e sulla produzione di carne tradizionale di altissima qualità. E naturalmente altissimi costi e ricavi. >>



FPP2 GRATIS, ANNUNCIO DI BIDEN, COSA ASPETTA DRAGHI?
Il presidente USA Biden, raccogliendo la richiesta che da tempo avanza Bernie Sanders, ha annunciato che gli Stati Uniti forniranno mascherine ffp2 gratis ai cittadini. >>



Pesticidi in Unione europea.
La European Food Safety Authority (EFSA) ha pubblicato un report sugli ortaggi e frutta più contaminati da pesticidi... studio pubblicato nel mese di febbraio 2021 che discute i dati del 2019. In tutta Europa, nell’anno 2019, sono stati analizzati 96.302 campioni e la frequenza media si attesta su 19 analisi per 100mila abitanti. I paesi più virtuosi sono la Lituania (125 analisi su 100mila abitanti), la Bulgaria (104 analisi) e il Lussemburgo (81 analisi). I meno virtuosi sono la Gran Bretagna (1,5 analisi), la Spagna (5 analisi) e la Polonia (7 analisi). L’Italia e la Francia si attestano sulla media europea di 19 analisi per 100mila abitanti, la Germania appena un po’ in più con 25 analisi. >>