Cerca Contatti Archivio
 
Riforestazione perfetta? Basta seguire 10 regole

Piantare nuovi alberi non basta: per ottimizzare il sequestro del carbonio e favorire la biodiversità, la riforestazione deve seguire particolari criteri. Una ricercatrice italiana dei Royal Botanic Gardens di Richmond li ha riuniti in un decalogo. La riforestazione è considerata generalmente come una pratica assai utile per la salute dell’ambiente e del suolo. Ma se condotta in modo sregolato, rischia di risultare inutile o addirittura dannosa generando, ad esempio, un insospettabile eppure conclamato aumento delle emissioni di CO2. Lo sostiene un gruppo di ricercatori guidato da Alice di Sacco del Royal Botanic Gardens di Richmond, Regno Unito, in un’analisi pubblicata sulla rivista Global Change Biology. Lo studio evidenzia le problematiche esistenti e propone “dieci regole d’oro” per garantire il raggiungimento degli obiettivi.

La riforestazione è considerata generalmente come una pratica assai utile per la salute dell’ambiente e del suolo. Ma se condotta in modo sregolato, rischia di risultare inutile o addirittura dannosa generando, ad esempio, un insospettabile eppure conclamato aumento delle emissioni di CO2. Lo sostiene un gruppo di ricercatori guidato da Alice di Sacco del Royal Botanic Gardens di Richmond, Regno Unito, in un’analisi pubblicata sulla rivista Global Change Biology. Lo studio evidenzia le problematiche esistenti e propone “dieci regole d’oro” per garantire il raggiungimento degli obiettivi. Quando la riforestazione è dannosa Alcune operazioni di ripristino, precisa la ricerca, hanno prodotto danni collaterali come l’alterazione della biodiversità originaria, l’aumento delle specie invasive, la riduzione dei servizi di impollinazione e la crescita delle emissioni di CO2 favorito da un calo della ritenzione del carbonio nel suolo. “Questi risultati negativi – si legge nella ricerca – sono per lo più associati all’uso estensivo di piantagioni esotiche a monocoltura”. Secondo alcune stime, precisano gli autori, si ritiene che “solo un terzo degli impegni nell’ambito della Bonn Challenge miri a ripristinare le foreste naturali” originarie.

Dieci regole d’oro Proprio per questo, sottolineano ancora i ricercatori, la prima regola di una buona riforestazione consiste nella “protezione della foresta nativa esistente”. Il progetto di rigenerazione del bioma ancestrale nel territorio brasiliano della Vale do Rio Doce promosso dall’Instituto Terra di Sebastião Salgado e Lélia Deluiz Wanick, verrebbe da aggiungere, è un ottimo esempio in tal senso. Non altrettanto l’iniziativa lanciata dalle autorità del Madagascar che hanno cercato di rigenerare le pianure degradate della parte orientale del Paese con alcune specie non native, ricorda la ricerca, in contrasto con la biodiversità originaria. Ed è proprio la tutela dell’esistente ad ispirare la prima delle dieci regole d’oro elaborate dai ricercatori. Ecco quali sono: 1. Proteggere prima le foreste esistenti Prima di pianificare il rimboschimento occorre cercare sempre il modo di proteggere le foreste esistenti, sia quelle vecchie sia quelle secondarie o quelle piantate. 2. Lavorare insieme Coinvolgere tutte le parti interessate, vale a dire rendere la popolazione locale parte integrante del progetto. 3. Massimizzare il recupero della biodiversità per soddisfare molteplici obiettivi Il ripristino della biodiversità faciliterà altri obiettivi, ovvero il sequestro del carbonio, la tutela dei servizi ecosistemici e quella dei benefici socioeconomici. 4. Selezionare aree appropriate per la riforestazione Evitare di operare in terreni precedentemente non boschivi, collegare o espandere le foreste esistenti ed essere consapevoli della necessità di spostare altrove le attività che causano la deforestazione 5. Usare la rigenerazione naturale dove possibile La rigenerazione naturale può essere più economica e più efficace dell’impianto di alberi quando le condizioni del sito sono adatte.

6. Selezionare le specie per massimizzare la biodiversità Piantare un mix di specie dando la priorità a quelle native, favorire le interazioni mutualistiche ed escludere le specie invasive. 7. Usare materiale vegetale resiliente Ottenere semi o piantine con variabilità genetica e provenienza appropriate per massimizzare la resilienza della popolazione vegetale. Per assicurare la sopravvivenza e la resilienza di una foresta piantata, dunque, è vitale usare materiale con livelli adeguati di diversità genetica coerente con la variabilità locale o regionale. 8. Pianificare in anticipo le infrastrutture, la capacità e la fornitura di semi Dalla raccolta dei semi all’impianto degli alberi, occorre sviluppare le infrastrutture necessarie, la capacità e il sistema di fornitura dei semi con largo anticipo, se non sono disponibili esternamente, e seguire sempre gli standard di qualità delle sementi. 9. Imparare con la pratica Basare gli interventi di ripristino sulle migliori evidenze ecologiche. Eseguire prove prima di applicare le tecniche su larga scala. Monitorare gli indicatori di successo appropriati e usare i risultati per la gestione adattiva. 10. Far fruttare l’operazione Sviluppare flussi di reddito diversi e sostenibili per diversi stakeholder, compresi i crediti di carbonio, i prodotti forestali non legnosi, l’ecoturismo e i servizi che possono essere venduti sul mercato. (di di Matteo Cavallito)
https://resoilfoundation.org/

giovedì 8 aprile 2021


 
News

Pesticidi, in 10 anni raddoppiato l’impatto tossico su api e impollinatori.
L’impatto tossico dei pesticidi sulle api e altri impollinatori è raddoppiato in un decennio nonostante la quantità di quelli utilizzati sia diminuita perché “la tossicità totale applicata agli invertebrati è notevolmente aumentata dal 2005”. A denunciarlo è uno studio condotto dal professor Ralf Schulz, dell’Università di Coblenza e Landau in Germania, pubblicato dalla rivista Science e riportato nei giorni scorsi dal ‘Guardian’. I risultati hanno di fatto smentito l’ipotesi che il calo della quantità di pesticidi utilizzati stia riducendo il loro impatto ambientale così come l’idea che le colture OGM porterebbero a ridurne l’uso. >>



Acqua Bene Comune
Recentemente è comparso sui giornali locali un comunicato stampa del Comune di Padova sulla delibera di Giunta relativa all’aggiornamento del protocollo di intesa tra Comune ed AcegasApsAmga, perla “Agevolazione nella fornitura di acqua ai clienti svantaggiati”. E’sicuramente positivo “Operare congiuntamente per il sostegno dei cittadini in condizioni di grave disagio economico, condividendo le finalità di prevenire ed evitare il distacco delle utenze”, ma vogliamo ricordare che il 28 gennaio 2019 il Consiglio Comunale ha approvato una Delibera di Iniziativa Popolare sull’Acqua, secondo la quale il gestore non può mai sospendere la fornitura ma solamente limitare il flusso e la riduzione di flusso può avvenire solo dopo sentenza di un ente terzo, se tutti i tentativi di conciliazione non hanno avuto buon esito(punto 1 della delibera citata). >>



Eni e la politica estera dell’Unione europea: il consigliere a rischio “conflitto di interessi”
Nathalie Tocci, nel cda della multinazionale degli idrocarburi da metà maggio 2020, è stata nominata consigliere speciale dell’Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell’Unione europea, Joseph Borrell. Quest’ultimo ammette le incongruenze e promette “mitigazioni” per evitare sovrapposizioni. Ma per Re:Common le misure adottate sono “insufficienti”. Consigliere di amministrazione di Eni e ora anche consigliere speciale dell’Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell’Unione europea. È la storia di Nathalie Tocci, nominata lo scorso 13 maggio amministratore non esecutivo del cda della multinazionale degli idrocarburi partecipata dallo Stato italiano al 30%. Quasi due mesi dopo, Tocci ha ricevuto dalla Commissione europea l’incarico di “fornire consulenza sull’elaborazione della strategia globale dell’Ue” accanto allo spagnolo Josep Borrell. >>