Cerca Contatti Archivio
 
Cosa ci racconta la mappatura mondiale del lievito madre? Uno studio ha analizzato circa 500 campioni da 4 continenti.

Il lievito madre è stato uno dei grandi protagonisti della prima ondata della pandemia e dei primi lockdown, soprattutto in Italia. La voglia, la necessità, la curiosità di preparare il pane (e altri prodotti simili da forno) in casa ha conquistato tanti italiani. Ma in realtà di lieviti madre non ne esiste uno solo: si può dire che ciascuno abbia il suo. Questo, almeno, è quanto emerge da una delle più grandi e curiose mappature mai effettuate, pubblicata su ELife dai ricercatori dell’Università del North Carolina, dal quale emerge appunto che quasi ogni campione ha una composizione diversa, e in certi casi si tratta di differenze sostanziali.

Gli autori hanno raccolto circa 500 campioni provenienti da 4 continenti: Europa e Stati Uniti, soprattutto, ma anche Asia (con la Tailandia), Australia e Nuova Zelanda, e hanno effettuato un sequenziamento del DNA di tutti e 500. Quindi ne hanno scelti 40, considerati i più rappresentativi, e hanno proceduto ad altri test, articolati su tre tipologie principali. In primo luogo hanno catalogato le madri in base all’aroma, con l’aiuto di professionisti (i cosiddetti supersniffer). Poi hanno analizzato le sostanze volatili emesse da ciascun campione, indicative delle specie presenti. Infine hanno misurato la velocità con la quale le madri aumentavano di volume. A quel punto hanno incrociato i dati chimico-fisici e organolettici con quelli geografici, e hanno smentito un’idea radicata: che il lievito dipenda dal luogo in cui si vive.

In realtà, verificando moltissime variabili, hanno dimostrato che non ce n’è una sola predominante, ma che ne entrano in gioco moltissime, e che ognuna apporta la sua piccola parte di influenza sulla composizione della madre, a prescindere dall’area geografica. Contano molto l’età, così come il luogo e le condizioni di conservazione, e diverse altre caratteristiche, ma non c’è un legame con il paese o l’area geografica. Analizzando poi la tipologia delle specie microbiche presenti, gli autori hanno visto che quasi una madre su tre contiene batteri che producono acido acetico. Questo elemento influenza in modo molto significativo l’aroma (che assume appunto sfumature acetiche) e la velocità di crescita, rallentandola. Un’altra sorpresa ha riguardato una specie di lieviti che si pensa sia ubiquitaria, nelle madri, il Saccharomyces cerevisiae. In realtà, più di una su tre non li contiene. In generale, ogni lievito madre ha soprattutto un tipo di lievito ( nei 500 campioni analizzati le specie dominanti erano almeno una settantina). La complessità e la varietà vanno dunque ben oltre il Saccharomyces cerevisiae.

Come hanno fatto notare i ricercatori, questo sforzo è solo una prima mappatura e non dimostra alcun nesso di causa ed effetto, per esempio tra tipo di lievito dominante e il pane ottenuto. Tuttavia costituisce un punto di partenza per l’enorme lavoro che si dovrà fare nei prossimi anni, se si vuole avere una visione più chiara e capire se e come eventualmente intervenire per avere madri con caratteristiche specifiche. Il lievito madre è un vero e proprio ecosistema, e iniziare a conoscere le specie presenti e le loro proprietà permette di capire le reciproche relazioni tra le specie presenti in questo specialissimo microbioma, cioè iniziare a conoscerlo davvero. (Agnese Codignola - 28 Gennaio 2021)
https://ilfattoalimentare.it/

giovedì 18 febbraio 2021


 
News

Eni e la politica estera dell’Unione europea: il consigliere a rischio “conflitto di interessi”
Nathalie Tocci, nel cda della multinazionale degli idrocarburi da metà maggio 2020, è stata nominata consigliere speciale dell’Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell’Unione europea, Joseph Borrell. Quest’ultimo ammette le incongruenze e promette “mitigazioni” per evitare sovrapposizioni. Ma per Re:Common le misure adottate sono “insufficienti”. Consigliere di amministrazione di Eni e ora anche consigliere speciale dell’Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell’Unione europea. È la storia di Nathalie Tocci, nominata lo scorso 13 maggio amministratore non esecutivo del cda della multinazionale degli idrocarburi partecipata dallo Stato italiano al 30%. Quasi due mesi dopo, Tocci ha ricevuto dalla Commissione europea l’incarico di “fornire consulenza sull’elaborazione della strategia globale dell’Ue” accanto allo spagnolo Josep Borrell. >>



Il Parlamento di Cipro boccia il CETA, Trattato Ue-Canada,
Il Parlamento di Cipro boccia il CETA, Trattato Ue-Canada, già in vigore provvisorio dal 21 settembre 2017, un piccolo Stato che blocca l'iter di ratifica di un accordo dalle conseguenze devastanti per l'agroalimentare, decisione esplosiva che speriamo sia ripresa da altri Stati europei, Italia innanzitutto. Con 37 voti contrari e solo 18 favorevoli (partito di Sinistra Akel e socialisti contrari, destra favorevole), il 31 luglio il Parlamento della piccola Cipro ha detto NO al trattato di libero scambio fra UE e Canada. Tutti i partiti, ad eccezione della destra, hanno votato contro il CETA, opponendo diverse motivazioni: dai rischi del tribunale ICS, costruito su misura per le multinazionali che vogliono fare causa agli stati, alla mancata protezione dei prodotti tipici, tra cui ricordiamo il formaggio di capra Halloum, esposti alla pirateria alimentare d'oltreoceano. E poi i pericoli dell’uso troppo disinvolto di pesticidi come il glifosato, che in Canada viene utilizzato per seccare il grano prima della raccolta, e la paura di accrescere ulteriormente il potere delle grandi imprese. >>



Covid e biologico: il 73% delle aziende in crisi a causa della pandemia.
Per oltre due aziende su tre del settore biologico la possibilità di reggere alla crisi economica sopraggiunta a causa dell’emergenza sanitaria è di massimo tre mesi. È questo uno dei primi dati dell’analisi voluta e sviluppata dalle tre maggiori organizzazioni del comparto, Aiab, FederBio e Assobiodinamica, a partire da una proposta della Fondazione italiana per la ricerca in agricoltura biologica e biodinamica (FIRAB), per rilevare l’impatto della pandemia da Covid19 sul biologico. >>