Cerca Contatti Archivio
 
Glifosato, il Senato dice sì a tutto. Ma contro Cattaneo l'ira degli scienziati: "Folle posizione pro diserbanti".

Quattro mozioni, due a favore e due contro l'uso dei pesticidi, tutte approvate. Tra esse una della senatrice a vita. I testi in Aula e gli studi che provano i danni causati dall'uso degli erbicidi. Delle mozioni presentate in Senato, tutte approvate, due erano a favore e altrettante contro l'utilizzo del glifosato, il famigerato erbicida considerato causa di danni all'ambiente e alla salute delle persone. A scatenare le polemiche e le ire di parte della comunità scientifica e la preoccupazione di diverse associazioni è il testo firmato dalla scienziata e senatrice a vita, Elena Cattaneo, che di fatto disinnesca le mozioni che vincolano il governo a un'azione decisa contro l'uso del noto diserbante.

Il testo di Cattaneo - farmacologa e biologa dell'Università Statale di Milano - illustrato ieri in Aula dalla stessa senatrice (qui il resoconto stenografico della seduta in Senato con la presentazione delle mozioni ndr), seppur con qualche modifica sulla versione originale, sancisce l'impegno per il governo a una "revisione complessiva delle prove scientifiche disponibili" sulle sostanze usate soprattutto in agricoltura e, come detto, da molte parti considerate responsabili di inquinamento e danni alla salute delle persone. L'obiettivo di disinnescare la mozione presentata precedentemente da senatori di maggioranza e del gruppo misto (primo firmatario De Bonis) - che impegna l'esecutivo ad "adottare tutte le necessarie misure di precauzione sul territorio nazionale volte a proteggere la sanità pubblica nonché la salubrità dell’ambiente, con specifico riferimento alla tutela delle acque, della flora e della fauna" - sembra insomma raggiunto.

Bayer patteggia per 10 miliardi di dollari La guerra contro il glifosato, principio attivo di numerosi diserbanti tra cui il più diffuso nel mondo è il Roundup - prodotto da Monsanto oggi acquisito dalla tedesca Bayer - è diventata ormai annosa. Contro di esso sono scesi in campo cittadini, ambientalisti e medici in tutto il mondo che hanno intentato cause, scritto petizioni e presentato studi scientifici sulla dannosità, ma l'uso continua quasi indisturbato. Il giro d'affari intorno a questo diserbante è sconfinato e spiega gli investimenti per l'attività di lobby potente ed efficace messa su da Monsanto-Bayer. Gli stessi "Monsanto Papers" hanno rivelato la corruzione di scienziati e giornalisti per la realizzazione di studi negazionisti sui danni del glifosato. Evidenze che oggi portano la società farmaceutica tedesca a patteggiare pene per un valore complessivo di 10 miliardi di dollari per una parte delle 95mila cause intentate da cittadini e associazioni. La preoccupazione del mondo scientifico La mozione della scienziata-senatrice ha destato scalpore e sollevato proteste. In particolare contro la mozione, definita "inquietante", si sono scagliati gli scienziati dell'Isde (Istituto internazionale medici per l'ambiente). La firma sul documento diramato qualche giorno fa è di Fiorella Belpoggi, direttrice scientifica dell’Istituto Ramazzini di Bologna. "Ci chiediamo come sia possibile che - si legge nel testo -, mentre a livello internazionale, soprattutto in Europa, sempre più si va verso pratiche agronomiche in grado di conciliare salubrità dell’ambiente, qualità delle acque, fertilità del suolo, biodiversità con qualità del cibo e salute umana, ci sia ancora qualcuno che tenta di difendere il modello agricolo industriale basato sulla chimica, di cui proprio il glifosato è il tragico vessillo".

Nel documento, la mozione Cattaneo è contestata punto per punto e le sue argomentazioni sono definite "banali e sconcertanti" per concludere che "il nostro Paese non ha bisogno di alcuna rivisitazione circa l’utilizzo del glifosato". Tanto più che recenti studi realizzati proprio dall'Istituto Ramazzini, laboratorio scientifico riconosciuto in tutto il mondo per le ricerche all’avanguardia sugli impatti dei fitofarmaci sulla salute umana, "che non vengono neppure nominati nella mozione", "hanno messo in evidenza che il glifosato e il suo formulato Roundup, a dosi equivalenti alla ADI degli Stati Uniti, procurano formazione di micronuclei (genotossicità), effetto androgenico e aumento del testosterone nel sangue sia nei maschi che nelle femmine (interferenza endocrina), alterazione del microbiota intestinale durante le prime fasi della vita". E davanti a queste evidenze appare folle sostenere ancora la bontà dell'uso di questo tipo di pesticidi. Sostiene Belpoggi, che la cosa "preoccupa, ma non ci meraviglia visto che si avvicina la scadenza per il rinnovo dell’autorizzazione del glifosato in Europa". (di Antonella Loi . Tiscali Ambiente)
https://ambiente.tiscali.it/

mercoledì 22 luglio 2020


 
News

Eni e la politica estera dell’Unione europea: il consigliere a rischio “conflitto di interessi”
Nathalie Tocci, nel cda della multinazionale degli idrocarburi da metà maggio 2020, è stata nominata consigliere speciale dell’Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell’Unione europea, Joseph Borrell. Quest’ultimo ammette le incongruenze e promette “mitigazioni” per evitare sovrapposizioni. Ma per Re:Common le misure adottate sono “insufficienti”. Consigliere di amministrazione di Eni e ora anche consigliere speciale dell’Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell’Unione europea. È la storia di Nathalie Tocci, nominata lo scorso 13 maggio amministratore non esecutivo del cda della multinazionale degli idrocarburi partecipata dallo Stato italiano al 30%. Quasi due mesi dopo, Tocci ha ricevuto dalla Commissione europea l’incarico di “fornire consulenza sull’elaborazione della strategia globale dell’Ue” accanto allo spagnolo Josep Borrell. >>



Il Parlamento di Cipro boccia il CETA, Trattato Ue-Canada,
Il Parlamento di Cipro boccia il CETA, Trattato Ue-Canada, già in vigore provvisorio dal 21 settembre 2017, un piccolo Stato che blocca l'iter di ratifica di un accordo dalle conseguenze devastanti per l'agroalimentare, decisione esplosiva che speriamo sia ripresa da altri Stati europei, Italia innanzitutto. Con 37 voti contrari e solo 18 favorevoli (partito di Sinistra Akel e socialisti contrari, destra favorevole), il 31 luglio il Parlamento della piccola Cipro ha detto NO al trattato di libero scambio fra UE e Canada. Tutti i partiti, ad eccezione della destra, hanno votato contro il CETA, opponendo diverse motivazioni: dai rischi del tribunale ICS, costruito su misura per le multinazionali che vogliono fare causa agli stati, alla mancata protezione dei prodotti tipici, tra cui ricordiamo il formaggio di capra Halloum, esposti alla pirateria alimentare d'oltreoceano. E poi i pericoli dell’uso troppo disinvolto di pesticidi come il glifosato, che in Canada viene utilizzato per seccare il grano prima della raccolta, e la paura di accrescere ulteriormente il potere delle grandi imprese. >>



Covid e biologico: il 73% delle aziende in crisi a causa della pandemia.
Per oltre due aziende su tre del settore biologico la possibilità di reggere alla crisi economica sopraggiunta a causa dell’emergenza sanitaria è di massimo tre mesi. È questo uno dei primi dati dell’analisi voluta e sviluppata dalle tre maggiori organizzazioni del comparto, Aiab, FederBio e Assobiodinamica, a partire da una proposta della Fondazione italiana per la ricerca in agricoltura biologica e biodinamica (FIRAB), per rilevare l’impatto della pandemia da Covid19 sul biologico. >>