Cerca Contatti Archivio
 
Latte Versato | Secondo incontro per il Distretto di Economia Solidale di Padova -AUDIO INCONTRO

Incontro con il biocaseificio Tomasoni A seguire proiezione del film The Milk System IL DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE di Corso Australia L’affidamento del complesso denominato Cattedrale Davanzo alla multinazionale Leroy Merlin associata con la ZED Entertainment World, è un regalo di un’intera area pubblica agli interessi privati, addirittura senza sostanziali contropartite. Da ciò nasce la necessità da parte di cittadine, cittadini, comitati... della realizzazione di un luogo dove proporre e praticare un’economia diversa, che costituisca una valida alternativa a quella dominante basata sulla massimizzazione del profitto, sulla competitività senza regole e sullo sfruttamento intensivo dell’ambiente e degli esseri umani, che mette ai margini della società un numero sempre maggiore di persone. Si arriva così alla proposta di un Distretto di Economia Solidale, da realizzare nell’edificio adiacente allo stabile della Protezione Civile, è un progetto non solo di forte valore simbolico ma rappresenta anche l’istituzione di un presidio d’interesse realmente pubblico sull’area, adatto a sviluppare nuova economia, cultura, socialità, relazioni. Si mira a ricostruire un’alleanza concreta tra movimenti urbani e rurali e tra singoli cittadini, che sappia riconnettere città e campagna, superare le categorie classiche di produttore e consumatore, che abbia la lungimiranza di riconvertire l’uso degli spazi urbani e rurali basandosi su criteri di autorganizzazione e solidarietà.

Per Distretto di Economia Solidale, intendiamo una rete di persone, singole ed organizzate, che si relazionano per il mutuo soddisfacimento dei loro bisogni primari, sulla base di criteri di solidarietà e cooperazione, prendendosi allo stesso tempo cura del territorio e della comunità umana. Nel tempo si è instaurato un percorso partecipato con l’Amministrazione, che ha prodotto: * due delibere (una di giunta e una di consiglio) in cui si sostiene che il D.E.S. sarà collocato nell’area dell’ex macello. * La partecipazione di una delle realtà che promuovono il Distretto, ad un bando europeo di cinque milioni di euro per la riqualificazione della zona preposta. A questo punto della trattativa tra Amministrazione, colosso francese ed i portatori d’interesse non si sono ancora raggiunti degli accordi definitivi e, anche se questa Amministrazione si era prefissata di proteggere la qualità dei suoli quali risorsa limitata e garantire un elevato livello di protezione dell’ambiente, in realtà non sembra sua intenzione promuovere uno sviluppo sostenibile e tener conto di alcune considerazioni ambientali di notevole importanza, come: Incremento del traffico. Consumo del suolo. Aumento dell’inquinamento. Fattori assai importanti viste le recenti catastrofi e l’aumento del PM10 in una città già altamente inquinata come Padova e non potranno che peggiorare con la realizzazione di un enorme centro commerciale ad appena 800 m dal centro storico!

La Cattedrale Davanzo viene concessa per ben 50 anni ai transalpini ad una cifra ridicola, per i cittadini e le cittadine la realizzazione del Distretto risponde ai bisogni della città e ripaga, anche se in minima parte, il “debito” verso la collettività che il privato contrae nel momento in cui s’impadronisce di un Bene Comune per portare a termine i propri interessi economici. Se c'è la volontà politica si può fare!

ECCO L'AUDIO DELLA SERATA "INCONTRO CON MASSIMO TOMASONI":
AltrAgricoltura Nord Est

lunedì 13 maggio 2019


 
News

Costa Rica. Ucciso il leader della comunità indigena e difensore dei diritti umani Bribri Sergio Rojas Ortiz
In Costa Rica è stato ucciso nei giorni scorsi il leader della comunità indigena Bribri, Sergio Rojas Ortiz. Nel paese centroamericano, come nel resto dell’America Latina, ci sono dei conflitti tra popolazioni indigene e proprietari terrieri. Le popolazioni autoctone nel mondo sono costituite da circa 370 milioni di persone, vale a dire più del 5% della popolazione mondiale e purtroppo sono inserite tra le popolazioni più svantaggiate e povere del mondo. >>



Rapporto Caritas. In 10 anni poveri quasi triplicati.
Dal 2007 i poveri aumentati del 182%, uno su due è giovane o minorenne. In crescita anche i senza dimora. In Italia c'è un "esercito di poveri" in attesa che "non sembra trovare risposte e le cui storie si connotano per un'allarmante ronicizzazione e multidimensionalità dei bisogni". Lo sottolinea Caritas nel Rapporto 2018 su povertà e politiche di contrasto. Il numero dei poveri assoluti - ricorda l'organizzazione rilanciando i dati Istat - "continua ad aumentare" e supera i 5 milioni. "Dagli anni pre-crisi ad oggi il numero dei poveri è aumentato del 182%, un dato che dà il senso dello stravolgimento" causato dalla crisi. "Esiste uno 'zoccolo durò di disagio che assume connotati molto simili a quelli esistenti prima della crisi economica del 2007-2008 con la sola differenza che oggi il fenomeno è sicuramente esteso a più soggetti". Tra gli individui in povertà assoluta i minorenni sono un milione 208mila (il 12,1% del totale) e i giovani nella fascia 18-34 anni 1 milione 112mila (il 10,4%): "Oggi quasi un povero su due è minore o giovane". >>



I colli del Prosecco si spopolano: “Troppi pesticidi, non si respira e ci si ammala”
Case in svendita tra i vigneti: l’abuso di fitofarmaci influenza il mercato immobiliare coneglianese. CONEGLIANO – Fuggono dai colli e cercano una casa in centro. Perché, lo smog cittadino, è preferibile ai pesticidi che, ogni primavera, rendono l’aria delle colline coneglianesi irrespirabile. L’utilizzo di fitofarmaci sui vigneti del Prosecco sta influenzando il mercato immobiliare. Da una parte si ha un centro città saturo, dove è difficilissimo trovare immobili in affitto, dall’altra un circondario collinare zeppo di abitazioni vuote, in vendita. Anzi: in svendita. >>