Cerca Contatti Archivio
 
Contributo all'ospedale Shifa di Gaza.

Gaza 3 Maggio 2018. Stamattina la dott.sa Fadya Malhas responsabile del Dipartimento Maternità e Laila Mohammed Elmasharfa responsabile ostetricia, hanno comunicato che i due 2 cardiotocografi, CTG, sono arrivati allo Shifa Hospital. L‘acquisto delle due attrezzature è stato possibile grazie al contributo di tanti donatori che avevano risposto all’appello del dottor Medhat Abbas Direttore Generale dell’ospedale pubblico Shifa di Gaza City, per un aiuto economico finalizzato all’acquisto di medicinali e dispositivi/ attrezzature. L’utilizzo dei CTG riguarda le attività di misurazione della frequenza cardiaca fetale, dei movimenti fetali e la misurazione delle contrazioni uterine. Il progetto ambizioso della Responsabile del Dipartimento Maternità dello Shifa Hospital è quello di collegare ad un server con monitor i CTG per permettere un monitoraggio dei casi, continuo e a distanza.

Le attrezzature erano state ordinate lo scorso mese di marzo, ma a causa dell’assedio che attanaglia la striscia di Gaza i materiali, da Ramallah, sono arrivati oggi. Al contributo dei donatori di Gazzella si è aggiunto quello dei familiari di Lidia, amica e compagna, che lo scorso mese di gennaio ci ha lasciato. Per lei hanno donato un carrello quale supporto di un CTG. In allegato le foto inviate da Fadya e Laila Un profondo ringraziamento, Giuditta.

Destinare a Gazzella Onlus il 5 per mille ci permette di continuare le attività nella Striscia di Gaza a sostegno dei bambini feriti o con disabilità. E' per noi una priorità continuare a raggiungere le famiglie e portare solidarietà concreta, per questo vi chiediamo di sostenerci ad essere presenti in Palestina. Il nostro codice fiscale: 97256870581 Per contributi Iban: IT 54 D 05018 03200 0000 110 5 specificare Contributo a favore Shifa hospital.


Gazzella Onlus

lunedì 7 maggio 2018


 
News

Pordenone, “prosciutti San Daniele dop contraffatti”: 103 indagati. Sequestrati 270mila salumi.
Sotto inchiesta anche responsabili e impiegati del macello di Aviano, allevatori, prosciuttifici, ispettori del Consorzio di tutela. Sedici posizioni segnalate ad altre procure. La Procura ipotizza anche truffe per ottenere un contributo previsto dal piano di sviluppo rurale della Comunità europea di 400mila euro, e per incassare ulteriori contributo per 520mila euro. >>



Latina, imprenditore agricolo non paga i braccianti e li travolge con la macchina, un ferito.
L'uomo avrebbe lasciato per due mesi un gruppo di lavoranti extracomunitari senza stipendio. Alle proteste degli uomini li avrebbe investiti: denunciato dalla polizia per lesioni dolose. >>



LE VARIANTI CONTESTATE. IL POLPO DI LEROY MERLIN INDIGESTO AI COMITATI “NON RIDUCE L’IMPATTO”
In tanti modi si può “cucinare” il polpo, ma lo svincolo tentacolare che smisterà il traffico verso il centro commerciale di Leroy Merlin, all’ex foro boario, resta sempre indigesto ai comitati della zona e agli ambientalisti del Comitato difesa alberi e territorio. Il problema di fondo è che quel progetto moltiplica il traffico e l’inquinamento, aumenta il consumo di suolo e strozza un pezzo di città, in cambio di un interesse pubblico che per i comitati è tutto da verificare. >>