Cerca Contatti Archivio
 
Presidio per Afrin

LUNEDì 12 MARZO alle ore 17.30, a Padova, di fonte a Palazzo Moroni in via VIII febbraio Coalizione Civica organizza: PRESIDIO PER AFRIN. I bombardamenti delle forze armate turche verso il popolo curdo siriano nel cantone di Afrin si sono intensificati e la situazione è ormai fuori controlllo. Dopo aver votato all'unanimità in assemblea (Coalizione Civica) una mozione di condanna al massacro che sta avvenendo convochiamo anche a Padova, come in molte altre città, un presidio di fronte a Palazzo Moroni, per Afrin e per agire per fermare il massacro.

Afrin è uno dei tre cantoni del Rojava, dove da anni ormai i curdi, assieme agli altri popoli che abitano la regione, stanno provando a costruire una società basata su alcuni punti fermi che vanno dalla liberazione e dal protagonismo delle donne alla convivenza pacifica di tutte le culture e religioni, passando per un rapporto ecologico con la terra e per una giusta redistribuzione delle ricchezze. Dopo la forte resistenza all’ISIS e la sua sconfitta in quelle zone, da quasi due mesi la stessa Turchia sta attaccando Afrin e il Rojava con tutta la propria forza, per impedire che un progetto democratico diventi stabile nella zona. Sono state uccise decine di persone e centinaia sono i feriti, di cui la maggior parte donne e bambini. Ora l’esercito turco è alle porte della città, nelle periferie sono già in corso ulteriori bombardamenti.

Chiediamo con forza alla comunità internazionale e all’Unione Europea di non girarsi ancora dall’altra parte, di far cessare subito l’invasione dell’esercito turco nei cantoni del Rojava, di imporre una no fly zone che fermi i bombardamenti aerei. Chiediamo alle nostre Istituzioni Locali di intervenire e far pressione sul governo per impedire che la politica di aggressione di Erdogan, contraria ad ogni norma internazionale, possa proseguire. Fermare subito la strage ed il genocidio del popolo curdo.


Coalizione Civica

domenica 11 marzo 2018


 
News

LE VARIANTI CONTESTATE. IL POLPO DI LEROY MERLIN INDIGESTO AI COMITATI “NON RIDUCE L’IMPATTO”
In tanti modi si può “cucinare” il polpo, ma lo svincolo tentacolare che smisterà il traffico verso il centro commerciale di Leroy Merlin, all’ex foro boario, resta sempre indigesto ai comitati della zona e agli ambientalisti del Comitato difesa alberi e territorio. Il problema di fondo è che quel progetto moltiplica il traffico e l’inquinamento, aumenta il consumo di suolo e strozza un pezzo di città, in cambio di un interesse pubblico che per i comitati è tutto da verificare. >>



Il Tribunale dell’Ue respinge i ricorsi (di Bayer e Syngenta)) contro le restrizioni ai pesticidi neonicotinoidi pericolosi per le api. Accolto in gran parte quello sul fipronil.
Le restrizioni all’uso di tre pesticidi neonicotinoidi – clothianidin, tiametoxam e imidacloprid – introdotte dalla Commissione europea nel 2013 erano scientificamente giustificate, perché basate sulla valutazione dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), che aveva accertato l’esistenza di effetti inaccettabili di queste sostanze attive sulle api. Lo ha stabilito il Tribunale dell’Ue respingendo integralmente i ricorsi presentati dalla Bayer, che produce e commercializza l’imidacloprid e il clothianidin all’interno dell’Unione, e dal gruppo Syngenta, produttore del tiametoxam, nonché di sementi conciate. Syngenta aveva anche chiesto un risarcimento di almeno a 367,9 milioni di euro. >>



L’allarme di Coldiretti: “I limoni siciliani stanno scomparendo”
L’allarme di Coldiretti: “I limoni siciliani stanno scomparendo” – Non si capisce perché ci fanno acquistare a 3 euro il prodotto che arriva dall’altra parte del mondo e non consumare quello della nostra terra !!! >>