Cerca Contatti Archivio
 
Agricoltura: il pomodoro di Pachino rischia di rimanere fuori dal mercato

Il fenomeno della globalizzazione - Il pomodoro Pachino è coltivato principalmente nella regione Sicilia e nell’Italia meridionale in genere; questo tipo di pomodoro è caratterizzato da una polpa molto gustosa e consistente, una buccia lucente e da un elevato tempo di conservazione. Considerato l’oro rosso, perché è un tesoro conosciuto e apprezzato in tutto il mondo, per il suo gusto dolce che lo rende adatto soprattutto per preparare insalate ma anche condimenti per pasta ecc. Negli ultimi tempi però il pomodorino di Pachino ha subito un crollo economico, valutandolo molto poco tanto da rischiare di lasciarlo nelle serre.

Il prezzo di mercato è sceso vertiginosamente a causa delle massicce importazioni dai paesi esteri dovute alla globalizzazione del mercato. Infatti, gli agricoltori rinunciano a raccoglierlo perché non conviene, e lo lasciano attaccato sulle piante. Un imprenditore agricolo racconta, a “il fatto quotidiano”, che produrre un chilo di pomodoro costa un euro tra l’acquisto della piantina e i costi della plastica, dei gancetti, delle tasse, degli operai che devono raccoglierlo e poi trasportarlo, la concorrenza per il ciliegino lo vende a 50-60 centesimi al kg, a 30 il pomodoro da insalata. Quindi confrontando i prezzi che si trovano sul mercato, per gli agricoltori siciliani è una vera perdita tanto che non vale la pena raccoglierlo.

L’importazione dei prodotti esteri nel nostro paese sta causando una vera e propria rovina per i mercati locali, la distribuzione dovrebbe agevolare la vendita dei prodotti italiani, invece è proprio quella che li danneggia – secondo un altro agricoltore –, perché non si può assolutamente competere con quei prezzi. Il dito viene puntato contro i trattati siglati dall’Unione Europea con i paesi del Nord Africa, a partire da quello del 1996 con il Marocco, che prevedono “misure di liberalizzazione reciproche per i prodotti agricoli” e “per i prodotti agricoli trasformati”. I produttori stranieri hanno costi di produzione più bassi, e per i concorrenti siciliani è impossibile competere.

Quindi, se non si interviene in ambito europeo, i giovani e vecchi agricoltori potrebbero smettere di coltivare l’oro rosso di Sicilia causando una vera perdita di un prodotto che presenta, oltre a delle caratteristiche peculiari, anche molte proprietà utili al nostro organismo. Il pomodoro Pachino è molto ricco di vitamina C, sali minerali ed antiossidanti. Inoltre può proteggerci dall’insorgenza di malattie infettive e problemi alla pelle. (A cura di Roberta Cuzzucoli)
www.meteoweb.eu

lunedì 12 febbraio 2018


 
News

Ammazzarsi non è la soluzione.
Giovanni Viola, trentenne, si è impiccato nella sua azienda agricola. Giovanni era sposato, era padre di un bambino, era un produttore agricolo capace, era una brava persona che non accettava la situazione economica in cui era precipitato. Per tutto questo non ha retto. Le brave persone non fanno mai del male agli altri, non ci riescono, e per questo ieri dopo pranzo si è recato nella sua azienda e li ha compiuto l’ultimo atto - assurdo e per nulla condivisibile - della sua breve vita. Siamo alla resa dei conti, quello di ieri non è il gesto disperato di un singolo. NO! Vittoria sta vivendo la crisi economica e sociale più ampia della sua storia recente. Migliaia di titolari di aziende agricole, artigianali e commerciali si trovano nelle stesse condizioni economiche e psicologiche in cui si trovava Giovanni. Nessuno ha compreso quanto sia ampio il livello di disperazione di questa terra. Quella di ieri è solo una piccola frazione della punta dell’iceberg che ci sta venendo addosso. Il rischio, che va subito contrastato è l’emulazione. Togliersi la vita non è la soluzione. >>



SOLIDARIETA' AL POPOLO MAPUCHE!
“Operazione Uragano”. È il nome che i carabinieri cileni hanno scelto per un’azione repressiva contro 8 leader del popolo mapuche, il popolo “originario” che da secoli lotta per la sua terra. Gli 8 erano stati arrestati, in via preventiva, per associazione terroristica, accusati di aver prodotto attacchi incendiari. >>



Le Ong possono chiedere il riesame delle autorizzazioni agli OGM, perché ambiente e salute sono connessi. Il Tribunale dell’Ue dà torto alla Commissione.
Il Tribunale dell’Ue ha annullato la decisione con la quale la Commissione europea aveva respinto la richiesta di un’organizzazione non governativa, la TestBioTech, volta ad ottenere il riesame dell’autorizzazione all’immissione in commercio di prodotti contenenti soia geneticamente modificata. La richiesta dell’Ong era stata avanzata sulla base di un regolamento dell’Unione che consente alle organizzazioni non governative di partecipare ai processi decisionali in materia ambientale, il cosiddetto “regolamento di Aarhus”. La Commissione Ue aveva obiettato che gli aspetti legati alla valutazione sanitaria degli alimenti o dei mangimi OGM non potevano essere esaminati nel contesto del regolamento di Aarhus, dal momento che tali aspetti non riguardavano la valutazione dei rischi ambientali, bensì il settore della sanità. >>