Cerca Contatti Archivio
 
Carrefour ristruttura in Francia: taglio di 2.400 posti, più vendite online, negozi di vicinato e sviluppo dei prodotti biologici.

Per anticipare i nuovi modelli di consumo, la catena francese della grande distribuzione Carrefour ha annunciato un piano-chock di ristrutturazione, che prevede: 2.400 dimissioni volontarie su 10.500 dipendenti delle sedi francesi; riduzione dei costi di due miliardi di euro l’anno entro il 2020 e due miliardi di investimenti annui entro il 2018; riduzione del 5%, entro il 2020, della superficie complessiva dei suoi 247 ipermercati, nessuno dei quali, però, sarà chiuso. Al contrario rispetto a questa posizione, Carrefour ha annunciato che chiuderà 273 discount dell’ex catena Dia, se non troverà un acquirente.

La catena di supermercati vuole diventare “l’omnicanale di riferimento”, consentendo ai clienti di acquistare attraverso diversi modi (fisici e digitali) in relazione alle preferenze dei consumatori. Da una parte il piano prevede massicci investimenti nel digitale, fino a 2,8 miliardi di euro entro il 2022 e il lancio nel 2018 di un’unica piattaforma e-commerce in Francia. Dall’altra, Carrefour prevede l’apertura di almeno 2.000 negozi di prossimità nei prossimi cinque anni nelle grandi metropoli.

L’intento è di puntare sulla qualità alimentare e l’accessibilità a un prezzo ragionevole. L’obiettivo, entro il 2022, è di attrarre un milione di nuovi consumatori in Francia, con una crescita delle vendite dei prodotti freschi tradizionali tre volte superiore rispetto al settore del largo consumo. L’obiettivo è raggiungere i cinque miliardi di euro di fatturato nel biologico, un terzo del quale attraverso i prodotti a marchio Carrefour.

La compagnia conta attraverso l’e-commerce di guadagnare posizioni nel mercato cinese. A riprova di ciò va detto che il colosso di internet Tencent e la catena di supermercati Yonghui si stanno preparando a entrare nel capitale della filiale cinese di Carrefour.
http://www.ilfattoalimentare.it/

martedì 13 febbraio 2018


 
News

Pordenone, “prosciutti San Daniele dop contraffatti”: 103 indagati. Sequestrati 270mila salumi.
Sotto inchiesta anche responsabili e impiegati del macello di Aviano, allevatori, prosciuttifici, ispettori del Consorzio di tutela. Sedici posizioni segnalate ad altre procure. La Procura ipotizza anche truffe per ottenere un contributo previsto dal piano di sviluppo rurale della Comunità europea di 400mila euro, e per incassare ulteriori contributo per 520mila euro. >>



Latina, imprenditore agricolo non paga i braccianti e li travolge con la macchina, un ferito.
L'uomo avrebbe lasciato per due mesi un gruppo di lavoranti extracomunitari senza stipendio. Alle proteste degli uomini li avrebbe investiti: denunciato dalla polizia per lesioni dolose. >>



LE VARIANTI CONTESTATE. IL POLPO DI LEROY MERLIN INDIGESTO AI COMITATI “NON RIDUCE L’IMPATTO”
In tanti modi si può “cucinare” il polpo, ma lo svincolo tentacolare che smisterà il traffico verso il centro commerciale di Leroy Merlin, all’ex foro boario, resta sempre indigesto ai comitati della zona e agli ambientalisti del Comitato difesa alberi e territorio. Il problema di fondo è che quel progetto moltiplica il traffico e l’inquinamento, aumenta il consumo di suolo e strozza un pezzo di città, in cambio di un interesse pubblico che per i comitati è tutto da verificare. >>