Cerca Contatti Archivio
 
Leroy Merlin senza progetto e ancora senza autorizzazioni.

CHIESANUOVA. L’iter per l’approdo di Leroy Merlin all'ex foro boario di corso Australia è tutt'altro che concluso. Nonostante l’ottimismo del vicesindaco Arturo Lorenzoni, che avendo la delega all'urbanistica proverà a portare entro la fine dell’anno la discussione in consiglio comunale, la strada è ancora lunga.

Oltre a mancare il progetto esecutivo, che però i francesi hanno già “impacchettato” nel cassetto, il parlamentino di Palazzo Moroni deve ancora valutare le controdeduzioni alla variante al Piano degli Interventi e approvare il Pua (Piano urbanistico attuativo), dove sono comprese le demolizioni e le nuove costruzioni.

Non solo, non c’è al momento la valutazione ambientale strategica (Vas), che spetta alle commissioni regionali e provinciali, e soprattutto il parere delle Soprintendenza. In molti lo danno per scontato, visto che il bando vinto da Leroy Merlin è stato predisposto proprio in base alle indicazioni arrivate da via Aquileia, ma per ora quello definitivo è stato rinviato alla fase istruttoria delle autorizzazioni sulla compatibilità con il dispositivo di tutela. (l. p.)


http://mattinopadova.gelocal.it/

giovedì 23 novembre 2017


 
News

Pordenone, “prosciutti San Daniele dop contraffatti”: 103 indagati. Sequestrati 270mila salumi.
Sotto inchiesta anche responsabili e impiegati del macello di Aviano, allevatori, prosciuttifici, ispettori del Consorzio di tutela. Sedici posizioni segnalate ad altre procure. La Procura ipotizza anche truffe per ottenere un contributo previsto dal piano di sviluppo rurale della Comunità europea di 400mila euro, e per incassare ulteriori contributo per 520mila euro. >>



Latina, imprenditore agricolo non paga i braccianti e li travolge con la macchina, un ferito.
L'uomo avrebbe lasciato per due mesi un gruppo di lavoranti extracomunitari senza stipendio. Alle proteste degli uomini li avrebbe investiti: denunciato dalla polizia per lesioni dolose. >>



LE VARIANTI CONTESTATE. IL POLPO DI LEROY MERLIN INDIGESTO AI COMITATI “NON RIDUCE L’IMPATTO”
In tanti modi si può “cucinare” il polpo, ma lo svincolo tentacolare che smisterà il traffico verso il centro commerciale di Leroy Merlin, all’ex foro boario, resta sempre indigesto ai comitati della zona e agli ambientalisti del Comitato difesa alberi e territorio. Il problema di fondo è che quel progetto moltiplica il traffico e l’inquinamento, aumenta il consumo di suolo e strozza un pezzo di città, in cambio di un interesse pubblico che per i comitati è tutto da verificare. >>