Cerca Contatti Archivio
 
Commercio, la grande distribuzione non si ferma.

Con dodici nuove aperture, Padova sarà seconda nel Veneto. Eppure i consumi delle famiglie sono fermi da dieci anni. Non c’è più molto da aggiungere al carrello. E i portafogli non sono più ricchi di quanto non lo fossero dieci anni fa, anzi la crisi ne ha svuotato tanti. Eppure tra super e iper e grandi e local, l’avanzata inarrestabile della grande distribuzione a Padova e in provincia prosegue. Con 474 mila metri quadrati di superficie di vendita - 510 metri quadri ogni mille abitanti, contro una media nazionale di 384 - Padova è al quarto posto nel Veneto per presenza di centri commerciali. C’è mezzo metro quadro di spazio-vendita per ogni abitante, cioè ce n’è abbastanza perché tutti possiamo stare dentro un centro commerciale contemporaneamente. E con dodici strutture in rampa di lancio, altri 80 mila metri quadri si aggiungeranno al totale, proiettando la provincia al secondo posto regionale, appena dietro Verona.

Iper dappertutto In città ci sono 107 strutture della grande distribuzione (56 supermercati, 12 grandi magazzini, 23 minimercati, 55 iper, 51 specializzati). In provincia sono 269. E il totale fa 363. Gli addetti, al 31 dicembre dell’anno scorso, risultano essere 7.315 sui 38.281 di tutta la regione. La fotografia è scattata dall’osservatorio della Confesercenti che basandosi sui dati Istat ha costruito un dossier su un settore che da un lato produce reddito e lavoro, e va bene, ma che dall’altro continua ad avere un impatto devastante sulle piccole attività di vendita. Il Veneto, con 538 metri quadri ogni mille abitanti, è primo tra le grandi regioni, seguito da Lombardia (483,9), Piemonte (448) ed Emilia Romagna (426). E non è finita Entro i prossimi tre anni, se le previsioni si concretizzeranno, altre dodici strutture potrebbero aprire, tra Padova e provincia. La più grande è il centro commerciale di Due Carrare, ma ci sono anche il parco di via Ticino, c’è Leroy Merlin all’ex Foro Boario, c’è San Lazzaro, solo per citarne alcune. Ci sono almeno 80 mila metri quadrati di superficie di vendita pronti ad aggiungersi ai 474 già esistenti.

Ma per chi...? L’aspetto più sorprendente è che nuove strutture di vendita si aggiungeranno alle vecchie senza che ci sia un evidente aumento della domanda. Da dieci anni, la spesa delle famiglie - ha calcolato la Confesercenti - non solo non aumenta, ma in certi casi si riduce. Tra il 2007, ultimo anno prima della crisi che ha colpito tutto e tutti, e il 2016 sono cresciuti soltanto i consumi per i servizi. La crescita nel settore alimentare è al 15,1 per cento, appena sopra l’inflazione; il vestiario e le calzature crollano con un -18,6 per cento; per gli altri prodotti - nonostante gli incentivi, per esempio sugli elettrodomestici - gli acquisti sono stabili. A Padova, in tutto il Veneto e, con rare eccezioni, in tutta Italia dal 2006 i consumi di beni sono crollati e solo negli ultimi mesi del 2016 si è registrato qualche timido segnale di ripresa. In questo scenario si aggiunge un aumento dei costi degli affitti del 37,9 per cento, che rende assai più difficile il compito di far quadrare i conti in tante famiglie, non contribuendo a far immaginare una ripresa degli acquisti.

E i piccoli soffrono Complice l’esplosione dell’e-commerce e di altre forme di distribuzione, le vendite al dettaglio nel 2016 sono tornate quasi ai valori del 2007. Non c’è crescita, dunque, e tante piccole attività si sono arrese. Le deregolamentazione - soprattutto nelle aperture domenicali - non ha fatto aumentare i consumi. E dal 2013 in poi l’effetto è stato un ulteriore spostamento degli acquisti sulle grandi strutture, a scapito delle botteghe. Nel settore alimentare, in tre anni la grande distribuzione ha aumentato gli incassi di 160 milioni di euro, mentre le altre attività hanno incassato appena 2 milioni in più. Nel non-alimentare, la Gd è cresciuta di 41 milioni mentre le altre strutture ne hanno perso circa venti. In tre anni, insomma, quasi il 4 per cento delle vendite al dettaglio si sono spostate dai negozi tradizionali alla grande distribuzione. Sono 200 milioni di ricavi che sono stati tolti al territorio e “regalati” alle grandi strutture. Intanto i centri storici continuano a svuotarsi. (di Cristiano Cadoni)
http://mattinopadova.gelocal.it/

lunedì 30 ottobre 2017


 
News

Il Parlamento europeo mette al bando Monsanto. L’azienda produttrice del RoundUp ha rifiutato di partecipare a un’audizione sull’erbicida glifosato.
I rappresentanti di Monsanto non possono più entrare al Parlamento europeo, dopo che la multinazionale statunitense ha rifiutato di partecipare alle audizioni su “I Monsanto Papers e il glifosato”, organizzate dalle commissioni ambiente e agricoltura per l’11 ottobre, in merito alle accuse secondo cui Monsanto, produttrice del RoundUp, avrebbe indebitamente influenzato le decisioni delle autorità regolatorie sui rischi dell’erbicida glifosato. >>



Veneto, i veleni della fabbrica nel sangue dei residenti.
Miteni Spa a Trissino. La «guerra dei Pfas» tracima i confini e diventa istituzionale e politica. Botta e risposta tra il governatore Zaia e la ministra Lorenzin. In 79 Comuni nelle province di Verona, Vicenza e Padova, 250 mila contaminati. La “guerra dei Pfas” tracima oltre i confini del Veneto. E diventa istituzionale, politica, ma soprattutto sui risarcimenti. Le sostanze perfluoro alchiliche (Pfas) hanno già avvelenato il sangue di più di 250 mila residenti in 79 Comuni fra le province di Verona, Vicenza e Padova. E come certificato dalla relazione dei carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Treviso fin dal 1990 la Miteni Spa a Trissino inquinava il suolo nell’impianto e il vicino torrente Poscola. >>



Nuovo scandalo negli Usa: la guerra sporca di Monsanto al biologico.
Un piano ben orchestrato e finanziato per attaccare il biologico, screditarlo, istillare nei consumatori la sensazione che sia un bluff. È quello messo in atto nel 2014 dai dirigenti di Monsanto, il principale fornitore mondiale di pesticidi e di semi geneticamente modificati. Lo scandalo, emerso in questi giorni, descrive come – ancora una volta – le multinazionali abbiano messo le mani sulla scienza per i loro poco confessabili interessi. >>