Cerca Contatti Archivio
 
LA TERRA DEI FUOCHI ORA È AL NORD

L'inchiesta della Procura di Brescia solleva il velo su un sistema di smaltimento illegale diffuso con affari per milioni di euro. È la nuova Gomorra. Il sistema dello smaltimento dei rifiuti “nordista” non ha bisogno nemmeno di ‘ndrangheta e camorra: l’ imprenditore illegale “lavora in proprio”. Innumerevoli cave, roghi che sprigionano diossina nella notte come colonne di fumo nero, montagne di rifiuti, camion che escono carichi di ghiaia e rientrano col telo a copertura del cassone, con due strati che racchiudono come un sandwich rifiuti tossici. Benvenuti nella Terra dei fuochi, che però non è in Campania ma nel profondo Nord, nel triangolo tra Bergamo, Brescia e la Brianza, la nuova Gomorra settentrionale.

E’ lo scenario che emerge dall’ audizione del procuratore aggiunto di Brescia e collaboratore della Dda Sandro Raimondi nell’ audizione alla Commissione parlamentare di inchiesta sul ciclo dei rifiuti. “Meno lo tocchi, il rifiuto, e più ci guadagni”, dice uno degli imprenditori arrestati al telefono. Centinaia di tonnellate di rifiuti urbani (frazione secca e frazione umida) smaltiti illecitamente anziché essere trattati, vale a dire recuperati. In realtà vengono recuperati solo sulla carta, perché saranno “tombati”, seppelliti subito, senza essere trattati, in discariche già sature, oppure bruciati illegalmente, con tutte le conseguenze del caso sul piano ambientale: terreni contaminati, falde inquinate, terreni agricoli che producono frutti avvelenati.

La frazione umida – quella che i cittadini raccolgono nei sacchetti biodegradabili della differenziata - andrebbe sottoposta a un processo di “biostabilizzazione” di 21 giorni, ovvero a tre settimane di stoccaggio e invece il sistema criminale procedeva alla loro eliminazione immediata. Il tutto con l’ aiuto di documenti falsi, giri di bolle dichiarati ma inesistenti, operatori della pubblica amministrazione compiacenti (un’ auto da 30 mila euro come dono in cambio di consulenze mai avvenute), certificati truccati di chi doveva far valere le norme e invece chiudeva uno o tutti e due gli occhi.

Un aspetto paradossale è che per fare tutto ciò il sistema dello smaltimento dei rifiuti “nordista” (con profitti enormi, 10 milioni di euro ogni 100 mila tonnellate) non ha bisogno nemmeno di ‘ndrangheta e camorra, che pure esistono in Settentrione, come hanno dimostrato recenti inchieste sfociate in decine di arresti. L’ imprenditore illegale “lavora in proprio”, ha imparato a fare da sé. “Questo”, conclude Raimondi nell’ audizione, “è molto importante perché si mettono in essere una serie di attività che consentono un'indipendenza, un'autonomia, che non ha confini e non ha paragoni nell'ambito di altri soggetti imprenditoriali”. Benvenuti al Nord, la nuova terra dei fuochi. (di Francesco Anfossi)
http://m.famigliacristiana.it

mercoledì 4 ottobre 2017


 
News

Pordenone, “prosciutti San Daniele dop contraffatti”: 103 indagati. Sequestrati 270mila salumi.
Sotto inchiesta anche responsabili e impiegati del macello di Aviano, allevatori, prosciuttifici, ispettori del Consorzio di tutela. Sedici posizioni segnalate ad altre procure. La Procura ipotizza anche truffe per ottenere un contributo previsto dal piano di sviluppo rurale della Comunità europea di 400mila euro, e per incassare ulteriori contributo per 520mila euro. >>



Latina, imprenditore agricolo non paga i braccianti e li travolge con la macchina, un ferito.
L'uomo avrebbe lasciato per due mesi un gruppo di lavoranti extracomunitari senza stipendio. Alle proteste degli uomini li avrebbe investiti: denunciato dalla polizia per lesioni dolose. >>



LE VARIANTI CONTESTATE. IL POLPO DI LEROY MERLIN INDIGESTO AI COMITATI “NON RIDUCE L’IMPATTO”
In tanti modi si può “cucinare” il polpo, ma lo svincolo tentacolare che smisterà il traffico verso il centro commerciale di Leroy Merlin, all’ex foro boario, resta sempre indigesto ai comitati della zona e agli ambientalisti del Comitato difesa alberi e territorio. Il problema di fondo è che quel progetto moltiplica il traffico e l’inquinamento, aumenta il consumo di suolo e strozza un pezzo di città, in cambio di un interesse pubblico che per i comitati è tutto da verificare. >>