Cerca Contatti Archivio
 
Montagnana, Pfas nel sangue degli adolescenti: l'esito degli esami dai carabinieri.

Primi risultati preoccupanti del monitoraggio regionale, riscontrati in un quindicenne valori superiori 35 volte ai limiti: 6 famiglie si rivolgono al Noe. 0 LinkedIn 0 Pinterest MONTAGNANA. Gli esami del sangue degli adolescenti di Montagnana finiscono sul tavolo dei carabinieri del Noe (Nucleo operativo ecologico). Una delegazione di genitori della città murata - che hanno dato vita al Comitato Zero Pfas Montagnana - si è recata a Treviso, nella sede del Noe, per consegnare la documentazione relativa allo stato di salute dei loro figli, in riferimento all’inquinamento da Pfas delle acque nostrane.

Il monitoraggio. La Regione, nei mesi scorsi, ha redatto il “Piano di sorveglianza sulla popolazione esposta ai Pfas”. Tra le operazioni indicate c’è anche una campagna di esami del sangue, finalizzate a quantificare la concentrazione di Pfas nel sangue, per i cittadini dai 14 ai 65 anni residenti in uno dei dodici Comuni della cosiddetta “Area Rossa A”, realizzata sulla base di parametri di contaminazione delle acque superficiali e profonde. Montagnana è uno di questi Comuni. I primi ad essere chiamati sono i quattordicenni, che a Montagnana sono 76. Per alcuni di questi gli esami sono già stati effettuati all’ospedale di Noventa Vicentina e gli esiti consegnati.

Gli esami. Gli esiti sono già arrivati alle famiglie. I dati relativi alla concentrazione di Pfas «verranno valutati al termine delle rilevazioni in quanto non esistono ad oggi, in letteratura, parametri di confronto», spiega la Regione nella lettera che accompagna l’esito dell’esame firmata dal dottor Rinaldo Zolin, responsabile del Centro Unico Screening dell’Usl 8 Berica. Alcune voci, in realtà, hanno un range di riferimento (è il caso dei Pfoa e dei Pfos, due componenti della più generale famiglia dei Pfas), anche se la Regione sottolinea che è «puramente indicativo, ottenuto da un precedente studio del 2010». Questa rassicurazione evidentemente non basta di fronte a dati che fanno sicuramente impressione. Un ragazzino del 2002, ad esempio, ha numerosi voci nulle, ha 7,7 nanogrammi di Pfos per millilitro di sangue (sotto il limite dei 14,79) ma vanta 294,7 nanogrammi per i Pfoa. Il limite indicato nella lettera sta invece tra 1,15 e 8 (valore dunque superiore di oltre 35 volte il limite). «Non tutte le rilevazioni effettuate rientrano nella normalità» recita ancora la lettera della Regione «inoltre è presente un’alterazione del livello ematico dei Pfas, pertanto sarà contattata da un nostro operatore per fissare un appuntamento con uno specialista in un ambulatorio dedicato, in regime di gratuità». Della serie: il numero fa paura, probabilmente è meno grave di quanto possa sembrare, ma intanto facciamo una visita. Massima fiducia all’autorità sanitaria, ma 13 genitori montagnanesi, assieme a “colleghi” vicentini, hanno fatto tappa al Noe di Treviso per consegnare questi esami.

L’Usl. «Esiste un protocollo che viene diffuso proprio in questi giorni, nel quale vengono illustrate le strategie di intervento a seconda dei valori registrati dagli esami. Ogni caso sarà valutato da uno specialista. Non c’è da allarmarsi e va posta fiducia nell’intervento che le istituzioni stanno mettendo in atto» sottolinea Ivana Simoncello, direttore del coordinamento dei dipartimenti di prevenzione dell’Usl 6 Euganea. «È bene peraltro ricordare che la contaminazione prolungata da Pfas aumenta sì il rischio di patologie cardiovascolari o del diabete, ma così come succede per uno stile di vita scorretto (!!!). Non banalizzo: i Pfas sono un fenomeno degno di monitoraggio, ma possono pesare tanto quanto alcol, eccesso di zuccheri e scarsa attività fisica nella vita di un bambino». Nello screening a cui sono sottoposti gli adolescenti, non a caso, c’è anche una disamina dello stile di vita del paziente.
Il Mattino di Padova

giovedì 13 luglio 2017


 
News

Ammazzarsi non è la soluzione.
Giovanni Viola, trentenne, si è impiccato nella sua azienda agricola. Giovanni era sposato, era padre di un bambino, era un produttore agricolo capace, era una brava persona che non accettava la situazione economica in cui era precipitato. Per tutto questo non ha retto. Le brave persone non fanno mai del male agli altri, non ci riescono, e per questo ieri dopo pranzo si è recato nella sua azienda e li ha compiuto l’ultimo atto - assurdo e per nulla condivisibile - della sua breve vita. Siamo alla resa dei conti, quello di ieri non è il gesto disperato di un singolo. NO! Vittoria sta vivendo la crisi economica e sociale più ampia della sua storia recente. Migliaia di titolari di aziende agricole, artigianali e commerciali si trovano nelle stesse condizioni economiche e psicologiche in cui si trovava Giovanni. Nessuno ha compreso quanto sia ampio il livello di disperazione di questa terra. Quella di ieri è solo una piccola frazione della punta dell’iceberg che ci sta venendo addosso. Il rischio, che va subito contrastato è l’emulazione. Togliersi la vita non è la soluzione. >>



SOLIDARIETA' AL POPOLO MAPUCHE!
“Operazione Uragano”. È il nome che i carabinieri cileni hanno scelto per un’azione repressiva contro 8 leader del popolo mapuche, il popolo “originario” che da secoli lotta per la sua terra. Gli 8 erano stati arrestati, in via preventiva, per associazione terroristica, accusati di aver prodotto attacchi incendiari. >>



Le Ong possono chiedere il riesame delle autorizzazioni agli OGM, perché ambiente e salute sono connessi. Il Tribunale dell’Ue dà torto alla Commissione.
Il Tribunale dell’Ue ha annullato la decisione con la quale la Commissione europea aveva respinto la richiesta di un’organizzazione non governativa, la TestBioTech, volta ad ottenere il riesame dell’autorizzazione all’immissione in commercio di prodotti contenenti soia geneticamente modificata. La richiesta dell’Ong era stata avanzata sulla base di un regolamento dell’Unione che consente alle organizzazioni non governative di partecipare ai processi decisionali in materia ambientale, il cosiddetto “regolamento di Aarhus”. La Commissione Ue aveva obiettato che gli aspetti legati alla valutazione sanitaria degli alimenti o dei mangimi OGM non potevano essere esaminati nel contesto del regolamento di Aarhus, dal momento che tali aspetti non riguardavano la valutazione dei rischi ambientali, bensì il settore della sanità. >>