Cerca Contatti Archivio
 
Mobilitazione contro l’ipermercato previsto nel comune di Due Carrare (PD)

Il coordinamento ambientalista dichiara guerra al centro commerciale di Due Carrare. Tre gruppi subito al lavoro. BATTAGLIA TERME. Non esistono battaglie impossibili. Non lo è neppure quella contro il centro commerciale di Due Carrare, che minaccia di incastrarsi - con la sua “scatola” di 65 mila metri quadrati e una spianata di 44 mila metri quadri di parcheggi - fra il castello del Catajo e la villa cinquecentesca La Mincana, ai piedi dei Colli.

Le previsioni sono nefaste, perché la Deda srl ha tutte le carte in regola per costruire. Ma sulla spinta del Coordinamento delle associazioni ambientaliste e delle associazioni di categoria del commercio, un’onda di protesta sta montando rapidamente. Duecento persone si sono ritrovate lunedì sera nella sala Bachelet di Battaglia - trenta gradi abbondanti, sudore e ventagli - e per tre ore hanno ascoltato e poi discusso, incuranti del caldo, di cosa si può fare per fermare i tre grandi mostri di cemento che incombono sul territorio compreso fra Due Carrare e Monselice: la terza corsia dell’A13 (ieri una mozione per costruirla è stata votata in consiglio regionale, ne riferiamo in un’altra pagina), il polo Agrologic e, appunto, il centro commerciale di Due Carrare. Del quale si parla da un quarto di secolo ma che ora, con la disponibilità economica illimitata del fondo Orion, sembra vicinissimo alla realizzazione.

«Questa è una riunione d’emergenza», ha detto Francesco Miazzi, portavoce del fronte No Css di Monselice, aprendo la serata. «Ci hanno praticamente costretto a riunirci a metà luglio, perché a dispetto di ogni annuncio sulla riduzione del consumo del suolo, qui si continua a costruire». Christianne Bergamin ha illustrato in dieci minuti l’impatto - e la discutibile utilità che la terza corsia dell’A13 - potrebbe avere nel tratto fra Padova sud e Monselice e i dubbi che l’operazione Agrologic si porta appresso (tanto cemento, pochi nuovi posti di lavoro, uno stravolgimento generale di un’area agricola). Poi è stato Gianni Sandon a ripercorrere la storia del centro commerciale, dal 18 aprile del 1994 - quando il consiglio comunale di Carrara San Giorgio approva la variante che trasforma l’area in D4, fino a oggi. In mezzo ci sono ricorsi, fusioni di comuni, varianti urbanistiche, piani regolatori scritti e corretti più volte. Se ne ricava la convinzione che nessuno abbia mai davvero “benedetto” quel centro commerciale, che più autorità abbiano riconosciuto lo sfregio ambientale che rappresenta in un territorio così pregiato, e che però alla fine abbiano prevalso sempre questioni legali e diritti fatti valere con forza. Emblematiche le parole del sindaco di Due Carrare, Davide Moro, che si è detto incapace di fermare un progetto avviato e neppure ha voluto dirsi apertamente contrario, mentre ha assicurato che si batterà per ridurre l’impatto dell’opera. Più netta la posizione del sindaco di Battaglia Momolo, che promette di battersi con l’Ascom e con le associazioni in tutti i modi possibili.

E battaglia sarà, dunque. Da subito. Lunedì il fronte si ricompatta intorno ai commercianti per una conferenza. Poi via al lavoro: un gruppo seguirà l’iter del progetto per studiare ogni carta; un gruppo organizzerà un grosso convegno per settembre; un altro gruppo preparerà una manifestazione che dovrebbe portare migliaia di persone in strada, come per le battaglie in difesa del Parco Colli, come quelle contro il Css. L’intervento di Francesco Jori ha dato forza a molti: ricordando il precedente di Asolo (un iper stoppato in corsa), il giornalista ha invitato alla mobilitazione totale: «Sono poteri forti quelli con cui abbiamo a che fare, che hanno grosse mani in pasta a Padova, ma non per questo la battaglia è persa». Anzi, deve ancora cominciare. (di Cristiano Cadoni)
Il Mattino di Padova

giovedì 13 luglio 2017


 
News

Il Parlamento europeo mette al bando Monsanto. L’azienda produttrice del RoundUp ha rifiutato di partecipare a un’audizione sull’erbicida glifosato.
I rappresentanti di Monsanto non possono più entrare al Parlamento europeo, dopo che la multinazionale statunitense ha rifiutato di partecipare alle audizioni su “I Monsanto Papers e il glifosato”, organizzate dalle commissioni ambiente e agricoltura per l’11 ottobre, in merito alle accuse secondo cui Monsanto, produttrice del RoundUp, avrebbe indebitamente influenzato le decisioni delle autorità regolatorie sui rischi dell’erbicida glifosato. >>



Veneto, i veleni della fabbrica nel sangue dei residenti.
Miteni Spa a Trissino. La «guerra dei Pfas» tracima i confini e diventa istituzionale e politica. Botta e risposta tra il governatore Zaia e la ministra Lorenzin. In 79 Comuni nelle province di Verona, Vicenza e Padova, 250 mila contaminati. La “guerra dei Pfas” tracima oltre i confini del Veneto. E diventa istituzionale, politica, ma soprattutto sui risarcimenti. Le sostanze perfluoro alchiliche (Pfas) hanno già avvelenato il sangue di più di 250 mila residenti in 79 Comuni fra le province di Verona, Vicenza e Padova. E come certificato dalla relazione dei carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Treviso fin dal 1990 la Miteni Spa a Trissino inquinava il suolo nell’impianto e il vicino torrente Poscola. >>



Nuovo scandalo negli Usa: la guerra sporca di Monsanto al biologico.
Un piano ben orchestrato e finanziato per attaccare il biologico, screditarlo, istillare nei consumatori la sensazione che sia un bluff. È quello messo in atto nel 2014 dai dirigenti di Monsanto, il principale fornitore mondiale di pesticidi e di semi geneticamente modificati. Lo scandalo, emerso in questi giorni, descrive come – ancora una volta – le multinazionali abbiano messo le mani sulla scienza per i loro poco confessabili interessi. >>