Cerca Contatti Archivio
 
Lidl lancia prodotti vegetariani e vegani.

Nuova linea di prodotti di Lidl per vegetariani e vegani. Si tratta di 20 referenze a marchio My Best Veggie. Il discount tedesco, forte di quasi 600 punti vendita in Italia, metterà in commercio la nuova gamma a partire da luglio. Si tratta di burger di soia alla pasta fresca, cotolette vegetali ai gelati, fino ad arrivare alla pasta fresca e alle lasagne. Il nuovo brand comprende articoli freschi e surgelati.

Le referenze sono tutte certificate V-Label®, il marchio internazionale per prodotti vegetariani e vegani rilasciato dall'Associazione vegetariana italiana (Avi). Lidl amplia così la propria offerta dedicata al segmento salutistico, che conta già oltre 60 referenze tra i prodotti di origine biologica a marchio Bio Organic e gli articoli senza glutine o lattosio del brand Free From. Lidl li ha lanciati a settembre 2016 per rispondere a una domanda in continua ascesa.

L’onda bio di Lidl comprende bevande, formaggi, salse, prodotti già pronti e altro ancora. A My Best Veggie sarà dedicata un'area apposita per facilitarne l’individuazione e gli acquisti.


www.greenplanet.net

martedì 20 giugno 2017


 
News

LE VARIANTI CONTESTATE. IL POLPO DI LEROY MERLIN INDIGESTO AI COMITATI “NON RIDUCE L’IMPATTO”
In tanti modi si può “cucinare” il polpo, ma lo svincolo tentacolare che smisterà il traffico verso il centro commerciale di Leroy Merlin, all’ex foro boario, resta sempre indigesto ai comitati della zona e agli ambientalisti del Comitato difesa alberi e territorio. Il problema di fondo è che quel progetto moltiplica il traffico e l’inquinamento, aumenta il consumo di suolo e strozza un pezzo di città, in cambio di un interesse pubblico che per i comitati è tutto da verificare. >>



Il Tribunale dell’Ue respinge i ricorsi (di Bayer e Syngenta)) contro le restrizioni ai pesticidi neonicotinoidi pericolosi per le api. Accolto in gran parte quello sul fipronil.
Le restrizioni all’uso di tre pesticidi neonicotinoidi – clothianidin, tiametoxam e imidacloprid – introdotte dalla Commissione europea nel 2013 erano scientificamente giustificate, perché basate sulla valutazione dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), che aveva accertato l’esistenza di effetti inaccettabili di queste sostanze attive sulle api. Lo ha stabilito il Tribunale dell’Ue respingendo integralmente i ricorsi presentati dalla Bayer, che produce e commercializza l’imidacloprid e il clothianidin all’interno dell’Unione, e dal gruppo Syngenta, produttore del tiametoxam, nonché di sementi conciate. Syngenta aveva anche chiesto un risarcimento di almeno a 367,9 milioni di euro. >>



L’allarme di Coldiretti: “I limoni siciliani stanno scomparendo”
L’allarme di Coldiretti: “I limoni siciliani stanno scomparendo” – Non si capisce perché ci fanno acquistare a 3 euro il prodotto che arriva dall’altra parte del mondo e non consumare quello della nostra terra !!! >>