Cerca Contatti Archivio
 
Controlli sul lavoro agricolo in nero.

Carabinieri e ispettori del lavoro sono stati impegnati ieri mattina in alcuni controlli nel territorio di Albignasego e Due Carrare: nel mirino aziende agricole che impiegano manovalanza anche straniera nella lavorazione di ortaggi.

E in effetti dai controlli hanno trovato tre lavoratori stranieri irregolari: un trentenne marocchino e due bengalesi di 29 e 38 anni. Costoro saranno invitati a presentarsi in Questura per regolarizzare la loro posizione. Ai controlli hanno partecipato i carabinieri della Compagnia di Abano insieme ai colleghi del Nucleo ispettorato al lavoro di Padova e ai funzionari dell’Ispettorato nazionale del lavoro. Una ventina le persone, impiegate nel lavoro agricolo in aziende della zona, che sono state identificate, e sono in corso ulteriori accertamenti. (cri.s.)


Il Mattino di Padova

giovedì 12 gennaio 2017


 
News

Pordenone, “prosciutti San Daniele dop contraffatti”: 103 indagati. Sequestrati 270mila salumi.
Sotto inchiesta anche responsabili e impiegati del macello di Aviano, allevatori, prosciuttifici, ispettori del Consorzio di tutela. Sedici posizioni segnalate ad altre procure. La Procura ipotizza anche truffe per ottenere un contributo previsto dal piano di sviluppo rurale della Comunità europea di 400mila euro, e per incassare ulteriori contributo per 520mila euro. >>



Latina, imprenditore agricolo non paga i braccianti e li travolge con la macchina, un ferito.
L'uomo avrebbe lasciato per due mesi un gruppo di lavoranti extracomunitari senza stipendio. Alle proteste degli uomini li avrebbe investiti: denunciato dalla polizia per lesioni dolose. >>



LE VARIANTI CONTESTATE. IL POLPO DI LEROY MERLIN INDIGESTO AI COMITATI “NON RIDUCE L’IMPATTO”
In tanti modi si può “cucinare” il polpo, ma lo svincolo tentacolare che smisterà il traffico verso il centro commerciale di Leroy Merlin, all’ex foro boario, resta sempre indigesto ai comitati della zona e agli ambientalisti del Comitato difesa alberi e territorio. Il problema di fondo è che quel progetto moltiplica il traffico e l’inquinamento, aumenta il consumo di suolo e strozza un pezzo di città, in cambio di un interesse pubblico che per i comitati è tutto da verificare. >>