Cerca Contatti Archivio
 
Turchia, ancora repressione contro la comunità curda. Arrestati i co-sindaci di sei comuni.

"Ancora repressione contro i curdi da parte del regime di Erdogan in queste ore". La denuncia arriva dal capogruppo dei deputati di Sinistra italiana Arturo Scotto, che aggiunge: "Siamo venuti a conoscenza della destituzione e del commissariamento di ulteriori tre municipalita' curde: Van, Mardin e Siirt. Abbiamo anche ricevuto la notizia degli ulteriori arresti dei co-sindaci di Siirt, Dersim, Agri, Adiyaman, Van e Cizre".

Dallo scorso 1 settembre, quando e' stato approvato un decreto speciale che conferisce al Ministro del'Interno il potere di destituire i sindaci delle municipalita' curde, 53 sono stati i co-sindaci destituiti e 39 di essi arrestati. Molti di loro si trovano ancora sotto detenzione, cosi' come 10 deputati Hdp, ai quali molto probabilmente se ne aggiungeranno altri nei prossimi giorni. Ad oggi sono 34 le municipalita' curde in cui il governo ha nominato un fiduciario governativo al posto dei sindaci democraticamente eletti.

"In queste ore- conclude Scotto- siamo in stretto contatto con i dirigenti dell'Hdp e del Dbp e seguiamo con molta preoccupazione quanto sta accadendo. Il nostro Paese e l'Europa non possono far passare sotto silenzio questo continuo oltraggio alla liberta', al rispetto dei diritti civili e alla democrazia".


www.controlacrisi.org

domenica 20 novembre 2016


 
News

Usa, perdita gigantesca dall'oleodotto Keystone: versati 795 mila litri di petrolio
Una perdita gigantesca, parti a 210 mila galloni di petrolio (circa 795mila litri), si è verificata dall'oleodotto Keystone in South Dakota. Lo ha confermato TransCanada, l'azienda che gestisce la struttura. La struttura è stato chiusa e i responsabili si sono attivati per risalire alla causa di quanto accaduto. Si tratta della più grande perdita mai registrata nello Stato. >>



Il Parlamento europeo mette al bando Monsanto. L’azienda produttrice del RoundUp ha rifiutato di partecipare a un’audizione sull’erbicida glifosato.
I rappresentanti di Monsanto non possono più entrare al Parlamento europeo, dopo che la multinazionale statunitense ha rifiutato di partecipare alle audizioni su “I Monsanto Papers e il glifosato”, organizzate dalle commissioni ambiente e agricoltura per l’11 ottobre, in merito alle accuse secondo cui Monsanto, produttrice del RoundUp, avrebbe indebitamente influenzato le decisioni delle autorità regolatorie sui rischi dell’erbicida glifosato. >>



Veneto, i veleni della fabbrica nel sangue dei residenti.
Miteni Spa a Trissino. La «guerra dei Pfas» tracima i confini e diventa istituzionale e politica. Botta e risposta tra il governatore Zaia e la ministra Lorenzin. In 79 Comuni nelle province di Verona, Vicenza e Padova, 250 mila contaminati. La “guerra dei Pfas” tracima oltre i confini del Veneto. E diventa istituzionale, politica, ma soprattutto sui risarcimenti. Le sostanze perfluoro alchiliche (Pfas) hanno già avvelenato il sangue di più di 250 mila residenti in 79 Comuni fra le province di Verona, Vicenza e Padova. E come certificato dalla relazione dei carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Treviso fin dal 1990 la Miteni Spa a Trissino inquinava il suolo nell’impianto e il vicino torrente Poscola. >>