Cerca Contatti Archivio
 
Turchia, ancora repressione contro la comunità curda. Arrestati i co-sindaci di sei comuni.

"Ancora repressione contro i curdi da parte del regime di Erdogan in queste ore". La denuncia arriva dal capogruppo dei deputati di Sinistra italiana Arturo Scotto, che aggiunge: "Siamo venuti a conoscenza della destituzione e del commissariamento di ulteriori tre municipalita' curde: Van, Mardin e Siirt. Abbiamo anche ricevuto la notizia degli ulteriori arresti dei co-sindaci di Siirt, Dersim, Agri, Adiyaman, Van e Cizre".

Dallo scorso 1 settembre, quando e' stato approvato un decreto speciale che conferisce al Ministro del'Interno il potere di destituire i sindaci delle municipalita' curde, 53 sono stati i co-sindaci destituiti e 39 di essi arrestati. Molti di loro si trovano ancora sotto detenzione, cosi' come 10 deputati Hdp, ai quali molto probabilmente se ne aggiungeranno altri nei prossimi giorni. Ad oggi sono 34 le municipalita' curde in cui il governo ha nominato un fiduciario governativo al posto dei sindaci democraticamente eletti.

"In queste ore- conclude Scotto- siamo in stretto contatto con i dirigenti dell'Hdp e del Dbp e seguiamo con molta preoccupazione quanto sta accadendo. Il nostro Paese e l'Europa non possono far passare sotto silenzio questo continuo oltraggio alla liberta', al rispetto dei diritti civili e alla democrazia".


www.controlacrisi.org

domenica 20 novembre 2016


 
News

Pordenone, “prosciutti San Daniele dop contraffatti”: 103 indagati. Sequestrati 270mila salumi.
Sotto inchiesta anche responsabili e impiegati del macello di Aviano, allevatori, prosciuttifici, ispettori del Consorzio di tutela. Sedici posizioni segnalate ad altre procure. La Procura ipotizza anche truffe per ottenere un contributo previsto dal piano di sviluppo rurale della Comunità europea di 400mila euro, e per incassare ulteriori contributo per 520mila euro. >>



Latina, imprenditore agricolo non paga i braccianti e li travolge con la macchina, un ferito.
L'uomo avrebbe lasciato per due mesi un gruppo di lavoranti extracomunitari senza stipendio. Alle proteste degli uomini li avrebbe investiti: denunciato dalla polizia per lesioni dolose. >>



LE VARIANTI CONTESTATE. IL POLPO DI LEROY MERLIN INDIGESTO AI COMITATI “NON RIDUCE L’IMPATTO”
In tanti modi si può “cucinare” il polpo, ma lo svincolo tentacolare che smisterà il traffico verso il centro commerciale di Leroy Merlin, all’ex foro boario, resta sempre indigesto ai comitati della zona e agli ambientalisti del Comitato difesa alberi e territorio. Il problema di fondo è che quel progetto moltiplica il traffico e l’inquinamento, aumenta il consumo di suolo e strozza un pezzo di città, in cambio di un interesse pubblico che per i comitati è tutto da verificare. >>