Cerca Contatti Archivio
 
Intervista a Toni Negri: "Il Nobel a Bob Dylan premia il '68, è un bel colpo politico contro Trump"

“E’ un bel colpo politico: da leggersi anche contro Trump. L’accademia di Stoccolma, malgrado il suo ‘accademismo estremo’, dà dimostrazione di intelligenza, dimostra di poter essere… ‘like a rolling stone’, ecco”. Il sessantottino Toni Negri è uno di quelli che non può non essere compiaciuto per l’assegnazione del Nobel per la Letteratura a Bob Dylan, cantore pur riluttante della contestazione studentesca del 1968, anzi precursore di quella rivolta fin dai primissimi anni ’60. “In qualche modo è una scelta che riconosce il senso delle rivendicazioni di Dylan”, ci dice al telefono Negri, intellettuale e tra i fondatori di Potere Operaio nel 1969, una vita vissuta nei movimenti che negli anni ’60 e ’70 trovavano nei brani di Dylan la loro colonna sonora, la loro ispirazione.

Cosa significa questo premio per la sua generazione? Riaccostando le due notizie di oggi, la morte di Dario Fo e quella del Nobel a Dylan, viene da dire che quella dell’accademia di Stoccolma è una bella dimostrazione di intelligenza, visto che anche Fo è un premio Nobel. Si dimostra che l’accademia svedese, malgrado il suo accademismo estremo, è capace di questi colpi di testa. E’ un gesto politico? Sì, direi che è un colpo politico molto bello da leggersi anche contro Trump. E’ un gesto pieno di politica e dimostra che anche accademia può essere…. ‘like a rolling stone’… Come canta Dylan. Ma come giudica il fatto che il mondo in cui Trump potrebbe diventare presidente degli Stati Uniti è lo stesso in cui il Nobel della Letteratura va a Bob Dylan? Cioè a colui che cantò la rivoluzione del ’68 prima che accadesse, che iniziò nel ’62 da ‘The ballad of Emmett Till’, la sua prima canzone di protesta sull’assassinio di un giovane afro-americano che aveva osato fischiare ad una donna bianca, per poi cantare sullo stesso palco dove Martin Luther King parlò del suo sogno, ‘I have a dream’, alla marcia per i diritti civili nel ’63… Ci sono due aspetti che sottolineerei. Da un lato, c’è il Bob Dylan rivoltoso, il ribelle, l’allievo di Woody Guthrie. Cioè l’interprete di quella rabbia ribelle, di quella capacità ribelle che è stata propria di un certo proletariato americano. Soprattutto nel primo Dylan c’è una continuazione degli anni ‘30 americani, lui ha scritto pagine che somigliano molto a Steinbeck, vero furore e tradizione classica ribelle americana in cui c’è una violenza di risposta che è pari alla violenza e brutalità del capitale americano.

Steinbeck che tra l’altro è anche lui Premio Nobel per la Letteratura nel 1962. Esatto. La parabola di Dylan mi ha sempre affascinato negli anni ’60. Anche perché il sentimento che animò il ‘68 lui ce l’aveva già prima. Fin dai primi anni ’60, appariva come interprete di quello che stava succedendo in una società americana aperta e piena di speranza, oltre che di rabbia. A un certo punto però lui rifiutò di essere il cantore dei ribelli, prese le distanze dai movimenti, sempre combattuto tra la protesta collettiva e l’ambizione di artista e a questo punto diremmo di ‘intellettuale’ tout court, tra il noi e l’io, insomma. Ma accennava ad un secondo aspetto sul Nobel a Dylan: quale? Il secondo aspetto assolutamente importante è il fatto che probabilmente l’accademia comincia ad assaporare quello che sta passando un po’ nell’arte. C’è un elemento formale dell’apprezzamento estetico per il canto di Dylan. Ormai parlare di arte è parlare di forme di vita, non semplicemente descrivendola ma vivendola e proiettandola in avanti. L’arte sta diventando sempre di più una performance e Dylan è davvero il prototipo di questa interpretazione formale del fare artistico. Si può dire che c’è una vita ribelle, una vita buona e una vita bella: lui riesce a metterle insieme tutt’e tre.

Pensa che la morte di Dario Fo abbia influenzato la scelta dell’Accademia? Non ne ho idea, ma può darsi. Potrebbe darsi che, pur essendo dei vecchi barboni, magari sono riusciti comunque a sviluppare un po’ di immediatezza e intelligenza nascosta (ride). Ma penso che la scelta fosse già maturata. Ad ogni modo, il Nobel a Dylan riconosce un po’ le ragioni del ’68, anche se cade in una fase storica percorsa da forti e insolute disuguaglianze? Sì. Direi che questa scelta corrisponde un po’ alla stanchezza del neoliberismo, una stanchezza che si sta diffondendo proprio per via di queste disuguaglianze. Per dirla con Dylan: ‘The Times They Are a-Changin'. Ecco, è una scelta che si inserisce in questo clima. Anche se non si vedono forti movimenti sociali oggi. Rispondo con una battuta: in Svezia stanno in alto, è possibile che dall’alto vedano di più…
www.huffingtonpost.it

venerdì 14 ottobre 2016


 
News

Il Parlamento di Cipro boccia il CETA, Trattato Ue-Canada,
Il Parlamento di Cipro boccia il CETA, Trattato Ue-Canada, già in vigore provvisorio dal 21 settembre 2017, un piccolo Stato che blocca l'iter di ratifica di un accordo dalle conseguenze devastanti per l'agroalimentare, decisione esplosiva che speriamo sia ripresa da altri Stati europei, Italia innanzitutto. Con 37 voti contrari e solo 18 favorevoli (partito di Sinistra Akel e socialisti contrari, destra favorevole), il 31 luglio il Parlamento della piccola Cipro ha detto NO al trattato di libero scambio fra UE e Canada. Tutti i partiti, ad eccezione della destra, hanno votato contro il CETA, opponendo diverse motivazioni: dai rischi del tribunale ICS, costruito su misura per le multinazionali che vogliono fare causa agli stati, alla mancata protezione dei prodotti tipici, tra cui ricordiamo il formaggio di capra Halloum, esposti alla pirateria alimentare d'oltreoceano. E poi i pericoli dell’uso troppo disinvolto di pesticidi come il glifosato, che in Canada viene utilizzato per seccare il grano prima della raccolta, e la paura di accrescere ulteriormente il potere delle grandi imprese. >>



Covid e biologico: il 73% delle aziende in crisi a causa della pandemia.
Per oltre due aziende su tre del settore biologico la possibilità di reggere alla crisi economica sopraggiunta a causa dell’emergenza sanitaria è di massimo tre mesi. È questo uno dei primi dati dell’analisi voluta e sviluppata dalle tre maggiori organizzazioni del comparto, Aiab, FederBio e Assobiodinamica, a partire da una proposta della Fondazione italiana per la ricerca in agricoltura biologica e biodinamica (FIRAB), per rilevare l’impatto della pandemia da Covid19 sul biologico. >>



Coronavirus, 5,7 mln di litri di latte al giorno dall’estero
Ogni giorno 5,7 milioni di litri di latte straniero attraversano le frontiere e invadono l’Italia con cisterna o cagliate congelate low cost di dubbia qualità in piena emergenza coronavirus, proprio mentre alcune aziende di trasformazione cercano di tagliare i compensi riconosciuti agli allevatori italiani, con la scusa della sovrapproduzione. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati del Ministero della salute relativi ai primi quindici giorni del mese di marzo 2020 sui flussi commerciali dall’estero in latte equivalente. Bisogna fermare qualsiasi tentativo di speculazione sui generi alimentari di prima necessità come il latte che – sottolinea la Coldiretti – nell’ultima settimana di rilevazione sui consumi ha registrato un balzo del 47% degli acquisti da parte delle famiglie, sulla base dei dati IRI che evidenziano anche l’aumento degli acquisti di formaggi, dalla mozzarella (+35%) al Grana Padano e Parmigiano Reggiano (+38%). >>