Cerca Contatti Archivio
 
L'associazione agricola statunitense appoggia la fusione Bayer Monsanto

La principale associazione agricola degli Stati Uniti vede dei vantaggi nell'acquisizione della Monsanto da parte della Bayer. "I prezzi potrebbero scendere grazie a una riduzione dei costi", ha dichiarato al quotidiano Handelsblatt l'economista capo e vicepresidente dell'American Farm Bureau Federation ,Bob Young. L'accorpamento del settore della protezione fitosanitaria con quello delle sementi potrebbe altresì accelerare lo sviluppo di nuovi prodotti e la loro autorizzazione. Non vi sarebbero più tutte le attuali trattative riguardo al rilascio delle licenze, inoltre chimici e biotecnologi potrebbero subito mettersi a collaborare.

Bayer, ha osservato Young, dovrebbe però rivelare che piani ha in mente per la Monsanto. In particolare, ha aggiunto sarebbe importante che non venissero tagliate risorse alla ricerca nel campo agricolo. Finora Monsanto ha destinato alla ricerca e allo sviluppo circa il dieci per cento del proprio fatturato, pertanto ci si augura che Bayer assicuri un budget analogo. "Questo ci tranquillizzerebbe molto", ha commentato Young.

La maggiore associazione agricola degli Stati Uniti è dunque meno critica nei confronti dell'acquisizione rispetto alla National Farmers Union. Recentemente, il presidente di quest'ultima organizzazione, Roger Johnson, ha infatti espresso la propria contrarietà all'operazione, per il timore di un aumento dei prezzi. La Farmer Bureau, con i suoi circa sei milioni di membri, è notevolmente più grande rispetto alla sua rivale, che conta circa 200.000 iscritti. Ma il calo dei prezzi dei beni agricoli non mette sotto pressione i soli agricoltori: nel settore la giostra delle acquisizioni sta girando a tempo record.

Al momento tre dei principali produttori di sementi e prodotti fitosanitari sono infatti coinvolti in un'operazione di fusione o di vendita. I colossi statunitensi Dow Chemical e Dupont si sono fusi assieme, il gruppo svizzero Syngenta è stato assorbito dalla società statale cinese Chemchina e ora la Bayer intende comprare la Monsanto mettendo sul piatto circa 55 miliardi di euro.
Bioagricoltura Notizie

lunedì 20 giugno 2016


 
News

Ammazzarsi non è la soluzione.
Giovanni Viola, trentenne, si è impiccato nella sua azienda agricola. Giovanni era sposato, era padre di un bambino, era un produttore agricolo capace, era una brava persona che non accettava la situazione economica in cui era precipitato. Per tutto questo non ha retto. Le brave persone non fanno mai del male agli altri, non ci riescono, e per questo ieri dopo pranzo si è recato nella sua azienda e li ha compiuto l’ultimo atto - assurdo e per nulla condivisibile - della sua breve vita. Siamo alla resa dei conti, quello di ieri non è il gesto disperato di un singolo. NO! Vittoria sta vivendo la crisi economica e sociale più ampia della sua storia recente. Migliaia di titolari di aziende agricole, artigianali e commerciali si trovano nelle stesse condizioni economiche e psicologiche in cui si trovava Giovanni. Nessuno ha compreso quanto sia ampio il livello di disperazione di questa terra. Quella di ieri è solo una piccola frazione della punta dell’iceberg che ci sta venendo addosso. Il rischio, che va subito contrastato è l’emulazione. Togliersi la vita non è la soluzione. >>



SOLIDARIETA' AL POPOLO MAPUCHE!
“Operazione Uragano”. È il nome che i carabinieri cileni hanno scelto per un’azione repressiva contro 8 leader del popolo mapuche, il popolo “originario” che da secoli lotta per la sua terra. Gli 8 erano stati arrestati, in via preventiva, per associazione terroristica, accusati di aver prodotto attacchi incendiari. >>



Le Ong possono chiedere il riesame delle autorizzazioni agli OGM, perché ambiente e salute sono connessi. Il Tribunale dell’Ue dà torto alla Commissione.
Il Tribunale dell’Ue ha annullato la decisione con la quale la Commissione europea aveva respinto la richiesta di un’organizzazione non governativa, la TestBioTech, volta ad ottenere il riesame dell’autorizzazione all’immissione in commercio di prodotti contenenti soia geneticamente modificata. La richiesta dell’Ong era stata avanzata sulla base di un regolamento dell’Unione che consente alle organizzazioni non governative di partecipare ai processi decisionali in materia ambientale, il cosiddetto “regolamento di Aarhus”. La Commissione Ue aveva obiettato che gli aspetti legati alla valutazione sanitaria degli alimenti o dei mangimi OGM non potevano essere esaminati nel contesto del regolamento di Aarhus, dal momento che tali aspetti non riguardavano la valutazione dei rischi ambientali, bensì il settore della sanità. >>