Cerca Contatti Archivio
 
L'associazione agricola statunitense appoggia la fusione Bayer Monsanto

La principale associazione agricola degli Stati Uniti vede dei vantaggi nell'acquisizione della Monsanto da parte della Bayer. "I prezzi potrebbero scendere grazie a una riduzione dei costi", ha dichiarato al quotidiano Handelsblatt l'economista capo e vicepresidente dell'American Farm Bureau Federation ,Bob Young. L'accorpamento del settore della protezione fitosanitaria con quello delle sementi potrebbe altresì accelerare lo sviluppo di nuovi prodotti e la loro autorizzazione. Non vi sarebbero più tutte le attuali trattative riguardo al rilascio delle licenze, inoltre chimici e biotecnologi potrebbero subito mettersi a collaborare.

Bayer, ha osservato Young, dovrebbe però rivelare che piani ha in mente per la Monsanto. In particolare, ha aggiunto sarebbe importante che non venissero tagliate risorse alla ricerca nel campo agricolo. Finora Monsanto ha destinato alla ricerca e allo sviluppo circa il dieci per cento del proprio fatturato, pertanto ci si augura che Bayer assicuri un budget analogo. "Questo ci tranquillizzerebbe molto", ha commentato Young.

La maggiore associazione agricola degli Stati Uniti è dunque meno critica nei confronti dell'acquisizione rispetto alla National Farmers Union. Recentemente, il presidente di quest'ultima organizzazione, Roger Johnson, ha infatti espresso la propria contrarietà all'operazione, per il timore di un aumento dei prezzi. La Farmer Bureau, con i suoi circa sei milioni di membri, è notevolmente più grande rispetto alla sua rivale, che conta circa 200.000 iscritti. Ma il calo dei prezzi dei beni agricoli non mette sotto pressione i soli agricoltori: nel settore la giostra delle acquisizioni sta girando a tempo record.

Al momento tre dei principali produttori di sementi e prodotti fitosanitari sono infatti coinvolti in un'operazione di fusione o di vendita. I colossi statunitensi Dow Chemical e Dupont si sono fusi assieme, il gruppo svizzero Syngenta è stato assorbito dalla società statale cinese Chemchina e ora la Bayer intende comprare la Monsanto mettendo sul piatto circa 55 miliardi di euro.
Bioagricoltura Notizie

lunedì 20 giugno 2016


 
News

Stato di polizia in Salento. Manganellate sui notap e 52 fermi di polizia.
 Stato di polizia in Salento. Manganellate sui notap e 52 fermi di polizia 09 Dicembre 2017 | in NO TAV&BENI COMUNI. Stampa |||||||  Chiuso per dignità. A Melendugno sciopero contro il TAP. Stato di polizia in Salento. Manganellate sui notap e 52 fermi di polizia Stato di polizia in Salento. Manganellate sui notap e 52 fermi di polizia Altra giornata di repressione a Melendugno, dove un gruppo di oltre una cinquantina di manifestanti è stato fermato all'interno della zona rossa. L'episodio è avvenuto durante una delle consuete passeggiate pomeridiane in zona San Basilio con cui gli attivisti continuano a manifestare la contrarietà all'ennesima grande opera inutile. Un centinaio di attivisti si sono ritrovati nel primo pomeriggio di oggi a ridosso della zona rossa, e una parte di loro è riuscita ad aggirare il primo blocco. Subito dopo sono stati accerchiati, ammanettati e portati in questura a Lecce, tra loro ci sarebbero anche alcuni minorenni. Ci sarebbero dei feriti tra cui una ragazza appena ventenne. >>



Usa, perdita gigantesca dall'oleodotto Keystone: versati 795 mila litri di petrolio
Una perdita gigantesca, parti a 210 mila galloni di petrolio (circa 795mila litri), si è verificata dall'oleodotto Keystone in South Dakota. Lo ha confermato TransCanada, l'azienda che gestisce la struttura. La struttura è stato chiusa e i responsabili si sono attivati per risalire alla causa di quanto accaduto. Si tratta della più grande perdita mai registrata nello Stato. >>



EUROGENDFOR: la super polizia con diritto di vita o di morte, il nuovo nazismo europeo, avanza.
E’ pubblicato sul sito dell’U.N.A.C oltre che sulla Gazzetta Ufficiale. L’Arma verso lo scioglimento. L’Unione Europea impone la smilitarizzazione della quarta Forza Armata e l’accorpamento dei carabinieri alla Polizia di Stato. L’Arma dei carabinieri in un futuro più o meno prossimo, ma certamente non remoto, è destinata ad un inevitabile scioglimento“. Poco più di tre anni fa la Camera dei Deputati ratificava ad unanimità l’accordo europeo per la costituzione di una forza armata speciale, chiamata EGF. >>