Cerca Contatti Archivio
 
L'associazione agricola statunitense appoggia la fusione Bayer Monsanto

La principale associazione agricola degli Stati Uniti vede dei vantaggi nell'acquisizione della Monsanto da parte della Bayer. "I prezzi potrebbero scendere grazie a una riduzione dei costi", ha dichiarato al quotidiano Handelsblatt l'economista capo e vicepresidente dell'American Farm Bureau Federation ,Bob Young. L'accorpamento del settore della protezione fitosanitaria con quello delle sementi potrebbe altresì accelerare lo sviluppo di nuovi prodotti e la loro autorizzazione. Non vi sarebbero più tutte le attuali trattative riguardo al rilascio delle licenze, inoltre chimici e biotecnologi potrebbero subito mettersi a collaborare.

Bayer, ha osservato Young, dovrebbe però rivelare che piani ha in mente per la Monsanto. In particolare, ha aggiunto sarebbe importante che non venissero tagliate risorse alla ricerca nel campo agricolo. Finora Monsanto ha destinato alla ricerca e allo sviluppo circa il dieci per cento del proprio fatturato, pertanto ci si augura che Bayer assicuri un budget analogo. "Questo ci tranquillizzerebbe molto", ha commentato Young.

La maggiore associazione agricola degli Stati Uniti è dunque meno critica nei confronti dell'acquisizione rispetto alla National Farmers Union. Recentemente, il presidente di quest'ultima organizzazione, Roger Johnson, ha infatti espresso la propria contrarietà all'operazione, per il timore di un aumento dei prezzi. La Farmer Bureau, con i suoi circa sei milioni di membri, è notevolmente più grande rispetto alla sua rivale, che conta circa 200.000 iscritti. Ma il calo dei prezzi dei beni agricoli non mette sotto pressione i soli agricoltori: nel settore la giostra delle acquisizioni sta girando a tempo record.

Al momento tre dei principali produttori di sementi e prodotti fitosanitari sono infatti coinvolti in un'operazione di fusione o di vendita. I colossi statunitensi Dow Chemical e Dupont si sono fusi assieme, il gruppo svizzero Syngenta è stato assorbito dalla società statale cinese Chemchina e ora la Bayer intende comprare la Monsanto mettendo sul piatto circa 55 miliardi di euro.
Bioagricoltura Notizie

lunedì 20 giugno 2016


 
News

Il Parlamento europeo mette al bando Monsanto. L’azienda produttrice del RoundUp ha rifiutato di partecipare a un’audizione sull’erbicida glifosato.
I rappresentanti di Monsanto non possono più entrare al Parlamento europeo, dopo che la multinazionale statunitense ha rifiutato di partecipare alle audizioni su “I Monsanto Papers e il glifosato”, organizzate dalle commissioni ambiente e agricoltura per l’11 ottobre, in merito alle accuse secondo cui Monsanto, produttrice del RoundUp, avrebbe indebitamente influenzato le decisioni delle autorità regolatorie sui rischi dell’erbicida glifosato. >>



Veneto, i veleni della fabbrica nel sangue dei residenti.
Miteni Spa a Trissino. La «guerra dei Pfas» tracima i confini e diventa istituzionale e politica. Botta e risposta tra il governatore Zaia e la ministra Lorenzin. In 79 Comuni nelle province di Verona, Vicenza e Padova, 250 mila contaminati. La “guerra dei Pfas” tracima oltre i confini del Veneto. E diventa istituzionale, politica, ma soprattutto sui risarcimenti. Le sostanze perfluoro alchiliche (Pfas) hanno già avvelenato il sangue di più di 250 mila residenti in 79 Comuni fra le province di Verona, Vicenza e Padova. E come certificato dalla relazione dei carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Treviso fin dal 1990 la Miteni Spa a Trissino inquinava il suolo nell’impianto e il vicino torrente Poscola. >>



Nuovo scandalo negli Usa: la guerra sporca di Monsanto al biologico.
Un piano ben orchestrato e finanziato per attaccare il biologico, screditarlo, istillare nei consumatori la sensazione che sia un bluff. È quello messo in atto nel 2014 dai dirigenti di Monsanto, il principale fornitore mondiale di pesticidi e di semi geneticamente modificati. Lo scandalo, emerso in questi giorni, descrive come – ancora una volta – le multinazionali abbiano messo le mani sulla scienza per i loro poco confessabili interessi. >>