Cerca Contatti Archivio
 
Presentazione del libro: " Le microonde nel piatto. Indagine su alterazioni di sostanze ed alimenti nei forni a microonde"

mercoledì 28 maggio alle ore 18.30 presso la sede di AltrAgricoltura Nord Est abbiamo organizzato la presentazione del libro "Le microonde nel piatto. Indagine su alterazioni di sostanze ed alimenti nei forni a microonde" di Lorenzo Guaia.

Si tratta di una interessante ricerca tesa a dimostrare la nocività dell'utilizzo del forno a microonde per il riscaldamento e la cottura degli alimenti. In questo libro l'autore non si limita a prendere in esame numerosi studi scientifici di alto profilo, ma riporta anche i risultati di una serie di analisi di laboratorio condotte personalmente, i quali sembrerebbero dimostrare che dopo il riscaldamento con le microonde l'acqua contenuta nei cibi non è più la stessa e molte altre sostanze subiscono importanti trasformazioni.

Lorenzo Guaia: divulgatore scientifico, ambientalista, animalista e pacifista. Dal 1987 impegnato e responsabile in diverse associazioni anbientaliste e animaliste. Vegetariano da quasi trent'anni, è stato autore nel 1999 del libro "Bestia, che carne!", nel quale riassume le principali ragioni salutistiche ed etiche della rinuncia all'alimentazione della carne.


AltrAgricoltura Nord Est

martedì 27 maggio 2014


 
News

LE VARIANTI CONTESTATE. IL POLPO DI LEROY MERLIN INDIGESTO AI COMITATI “NON RIDUCE L’IMPATTO”
In tanti modi si può “cucinare” il polpo, ma lo svincolo tentacolare che smisterà il traffico verso il centro commerciale di Leroy Merlin, all’ex foro boario, resta sempre indigesto ai comitati della zona e agli ambientalisti del Comitato difesa alberi e territorio. Il problema di fondo è che quel progetto moltiplica il traffico e l’inquinamento, aumenta il consumo di suolo e strozza un pezzo di città, in cambio di un interesse pubblico che per i comitati è tutto da verificare. >>



Il Tribunale dell’Ue respinge i ricorsi (di Bayer e Syngenta)) contro le restrizioni ai pesticidi neonicotinoidi pericolosi per le api. Accolto in gran parte quello sul fipronil.
Le restrizioni all’uso di tre pesticidi neonicotinoidi – clothianidin, tiametoxam e imidacloprid – introdotte dalla Commissione europea nel 2013 erano scientificamente giustificate, perché basate sulla valutazione dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), che aveva accertato l’esistenza di effetti inaccettabili di queste sostanze attive sulle api. Lo ha stabilito il Tribunale dell’Ue respingendo integralmente i ricorsi presentati dalla Bayer, che produce e commercializza l’imidacloprid e il clothianidin all’interno dell’Unione, e dal gruppo Syngenta, produttore del tiametoxam, nonché di sementi conciate. Syngenta aveva anche chiesto un risarcimento di almeno a 367,9 milioni di euro. >>



L’allarme di Coldiretti: “I limoni siciliani stanno scomparendo”
L’allarme di Coldiretti: “I limoni siciliani stanno scomparendo” – Non si capisce perché ci fanno acquistare a 3 euro il prodotto che arriva dall’altra parte del mondo e non consumare quello della nostra terra !!! >>