Cerca Contatti Archivio
 
Acqua: no al metodo proposto dall’autorità dell’energia e del gas.

Lo stop al metodo tariffario arriva dal Consiglio locale di Reggio Emilia. Votato all’unanimità un ordine del giorno che critica la scelta del Governo: l’acqua non deve sottostare a regole di mercato Il Consiglio Locale di Reggio Emilia, composto dalla Provincia e dai Sindaci del territorio reggiano, ha chiesto all'agenzia regionale per il servizio idrico ed i rifiuti di non approvare la tariffa per il servizio idrico proposta dall'autorità dell'energia elettrica e del gas.

L'ordine del giorno, approvato all'unanimità, critica la scelta del Governo di aver affidato a un'autorità competente in materia di energia anche la regolazione delle tariffe dell'acqua, settore che non dovrebbe essere sottoposto alle stesse regole di mercato. Si chiede quindi a Bologna di attendere l'espressione del nuovo Parlamento. Gli amministratori reggiani avanzano anche delle proposte su come comporre la tariffa. Innanzitutto la partecipazione e l'attivazione di un "patto" per il rispetto del referendum con tutti coloro che si sono mobilitati nella campagna referendaria. Approvare un metodo non condiviso sta già portando a nuovi ricorsi legali e al rischio di riaprire una fase di vuoto normativo, con tutti i conseguenti rischi nella capacità di realizzare gli investimenti. Il nuovo metodo tariffario dovrà partire da nuove regole per rendere trasparenti, e costantemente accessibili, i dati relativi agli investimenti realizzati. Solo in questo modo sarà possibile - in tutta Italia - evitare che nei costi di investimento si possano celare componenti del profitto.

Gli esiti del referendum ed i pronunciamenti del Consiglio di Stato e della giurisprudenza escluderebbero qualsiasi tentativo, seppur applicato ex-post sulle tariffe, di indicizzare e normalizzare la remunerazione del capitale, continuando ad eludere il tema della trasparenza di costi riversati in tariffa.

L'Assessore provinciale all'Ambiente Mirko Tutino, come Coordinatore del Consiglio locale dichiara: "Dopo aver scelto un modello pubblico per la gestione dell'acqua, gli amministratori reggiani hanno proposto una piena applicazione del referendum anche in materia di tariffe. L'autorità dell'energia e del gas non può fare il lavoro del Parlamento e, in attesa di una norma-quadro sul servizio idrico, abbiamo chiesto all'agenzia regionale per il sevizio idrico e rifiuti di non applicare il metodo proposto dall'autorità".
Comitato Provinciale 2SI Acqua Bene Comune Padova

giovedì 18 aprile 2013


 
News

Usa, perdita gigantesca dall'oleodotto Keystone: versati 795 mila litri di petrolio
Una perdita gigantesca, parti a 210 mila galloni di petrolio (circa 795mila litri), si è verificata dall'oleodotto Keystone in South Dakota. Lo ha confermato TransCanada, l'azienda che gestisce la struttura. La struttura è stato chiusa e i responsabili si sono attivati per risalire alla causa di quanto accaduto. Si tratta della più grande perdita mai registrata nello Stato. >>



Il Parlamento europeo mette al bando Monsanto. L’azienda produttrice del RoundUp ha rifiutato di partecipare a un’audizione sull’erbicida glifosato.
I rappresentanti di Monsanto non possono più entrare al Parlamento europeo, dopo che la multinazionale statunitense ha rifiutato di partecipare alle audizioni su “I Monsanto Papers e il glifosato”, organizzate dalle commissioni ambiente e agricoltura per l’11 ottobre, in merito alle accuse secondo cui Monsanto, produttrice del RoundUp, avrebbe indebitamente influenzato le decisioni delle autorità regolatorie sui rischi dell’erbicida glifosato. >>



Veneto, i veleni della fabbrica nel sangue dei residenti.
Miteni Spa a Trissino. La «guerra dei Pfas» tracima i confini e diventa istituzionale e politica. Botta e risposta tra il governatore Zaia e la ministra Lorenzin. In 79 Comuni nelle province di Verona, Vicenza e Padova, 250 mila contaminati. La “guerra dei Pfas” tracima oltre i confini del Veneto. E diventa istituzionale, politica, ma soprattutto sui risarcimenti. Le sostanze perfluoro alchiliche (Pfas) hanno già avvelenato il sangue di più di 250 mila residenti in 79 Comuni fra le province di Verona, Vicenza e Padova. E come certificato dalla relazione dei carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Treviso fin dal 1990 la Miteni Spa a Trissino inquinava il suolo nell’impianto e il vicino torrente Poscola. >>