Cerca Contatti Archivio
 
Tra provocazioni e silenzi: le gambe corte della strategia della lobbie PRO OGM


A seguito dell'atto vandalico del 12 luglio u.s. al mangimificio Veronesi di Ospedaletto Euganeo alcune personalità politiche e rappresentanti di categorie imprenditoriali (Federalimentare, ConfAgricoltura, Associazione dei produttori di alimenti zootecnici) hanno colto l'occasione per alludere e attribuirne la responsabilità ai "no OGM", nonostante fosse palese e riconosciuto il tentativo di depistaggio con la scritta lasciata sul luogo (pubblicazioni nei mezzi d'informazione del 13 e 14 luglio). Tali affermazione diffamatorie e destituite da ogni fondamento sono state rivolte nei confronti di associazioni, comitati, aziende agricole, cittadini che si battono da anni contro l'introduzione nei campi e nelle filiere alimentari di OGM (sementi transgeniche) e in genere nei confronti di un'opinione pubblica che per la stragrande maggioranza, preoccupata della qualità del cibo, della salute e della salvaguardia del vero made in italy, è contraria agli OGM sia nell'utilizzo alimentare che nelle coltivazioni in campo. Tali dichiarazioni inoltre risultano essere strumentali nel rilanciare un'immagine positiva degli OGM, coprendo responsabilità e mistificando sul ruolo della libertà imprenditoriale. La rilevanza di questo fatto e la ricaduta mediatica di queste esternazioni hanno causato notevole danno a discapito di tutti coloro che hanno come obiettivo la qualità del cibo legato alla salute e all'ambiente. Chiediamo quindi a queste personalità politiche e rappresentanti di categoria di ritrattare pubblicamente le loro dichiarazioni, chiedere scusa ai soggetti sociali offesi e calunniati. Ma non basta, vista la gravità di tale comportamento anche in virtù del ruolo istituzionale ricoperto da coloro che hanno rilasciato dichiarazioni di siffatta specie, un po' di dignità e di correttezza suggerirebbe una immediata dimissione dalle cariche pubbliche ricoperte. Chiediamo alla stampa e ai mezzi di comunicazione di riaccendere i riflettori sul tema della presenza degli OGM sulle tavole dei cittadini, sia per quanto riguarda la necessaria trasparenza attraverso etichettature chiare sui cibi derivati da filiere contaminate, sia rilanciando la necessità di riconversione dei cicli produttivi e distributivi all'OGM free. Ciò per una maggiore tutela della salute, dell'ambiente e della qualità della nostra agricoltura e del nostro tessuto produttivo. ps: alleghiamo copia delle lettere inviate ai soggetti che hanno reso tali dichiarazioni e copia degli articoli che le contengono. Coordinamento Zero OGM – Cibo Sano per Tutti - Referente Veneto Stop TTIP - Email: coordinamentozeroogm@libero.it http://zeroogm.wordpress.com Cell. 339 1610100


lunedì 3 agosto 2015


 
News

LE VARIANTI CONTESTATE. IL POLPO DI LEROY MERLIN INDIGESTO AI COMITATI “NON RIDUCE L’IMPATTO”
In tanti modi si può “cucinare” il polpo, ma lo svincolo tentacolare che smisterà il traffico verso il centro commerciale di Leroy Merlin, all’ex foro boario, resta sempre indigesto ai comitati della zona e agli ambientalisti del Comitato difesa alberi e territorio. Il problema di fondo è che quel progetto moltiplica il traffico e l’inquinamento, aumenta il consumo di suolo e strozza un pezzo di città, in cambio di un interesse pubblico che per i comitati è tutto da verificare. >>



Il Tribunale dell’Ue respinge i ricorsi (di Bayer e Syngenta)) contro le restrizioni ai pesticidi neonicotinoidi pericolosi per le api. Accolto in gran parte quello sul fipronil.
Le restrizioni all’uso di tre pesticidi neonicotinoidi – clothianidin, tiametoxam e imidacloprid – introdotte dalla Commissione europea nel 2013 erano scientificamente giustificate, perché basate sulla valutazione dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), che aveva accertato l’esistenza di effetti inaccettabili di queste sostanze attive sulle api. Lo ha stabilito il Tribunale dell’Ue respingendo integralmente i ricorsi presentati dalla Bayer, che produce e commercializza l’imidacloprid e il clothianidin all’interno dell’Unione, e dal gruppo Syngenta, produttore del tiametoxam, nonché di sementi conciate. Syngenta aveva anche chiesto un risarcimento di almeno a 367,9 milioni di euro. >>



L’allarme di Coldiretti: “I limoni siciliani stanno scomparendo”
L’allarme di Coldiretti: “I limoni siciliani stanno scomparendo” – Non si capisce perché ci fanno acquistare a 3 euro il prodotto che arriva dall’altra parte del mondo e non consumare quello della nostra terra !!! >>