Cerca Contatti Archivio
 
Anche le multinazionali come la Parmalat quando esagerano possono perdere una battaglia.


Il Tar del Lazio esprimendosi sui ricorsi presentati alcuni mesi fa e attivati a sentenza proprio in questi giorni ha deciso di proibire la dicitura sulle etichette «latte fresco microfiltrato» e vieta di definire “latte fresco” il latte d’importazione comunitaria con scadenza superiore ai quattro giorni. Questa sentenza annulla la circolare del ministero delle Attività produttive, dell’agosto del 2001, fatta su misura per la multinazionale Parmalat. “Questo è solo un piccolo incidente di percorso…” ha dichiarato Claudio Ansatone della Parmalat “….ma la guerra la vinceremo noi”. La Parmalat ostenta tanta sicurezza, perché sa di avere dalla sua parte il governo con il ministro Alemanno, contro l’interesse degli allevatori e dei consumatori. Altragricoltura ribadisce che per vincere questa battaglia non basta giocare nelle aule dei tribunali o nei vellutati saloni del Ministero dell’Agricoltura, ma praticare iniziative affinché il latte fresco microfiltrato sia tolto dal banco di vendita, una forma di lotta minima contro la multinazionale Parmalat che con la sua politica mira di concerto con le potenti lobby del settore a distruggere la nostra zootecnia. Su questi contenuti dobbiamo riaprire la nostra discussione per la salvaguardia dell’ambiente, del territorio, del nostro lavoro e dei consumatori. Alimentazione e produzione nessuna certezza per consumatori e agricoltori… Oggi di cibo si può morire…… - su questi temi da giovedì 6 a domenica 16 febbraio presidio con dibattiti tutte le sere - organizzazione AltrAgricoltura - CO.SP.A. Nazionale.


martedì 25 febbraio 2003


 
News

Usa, perdita gigantesca dall'oleodotto Keystone: versati 795 mila litri di petrolio
Una perdita gigantesca, parti a 210 mila galloni di petrolio (circa 795mila litri), si è verificata dall'oleodotto Keystone in South Dakota. Lo ha confermato TransCanada, l'azienda che gestisce la struttura. La struttura è stato chiusa e i responsabili si sono attivati per risalire alla causa di quanto accaduto. Si tratta della più grande perdita mai registrata nello Stato. >>



Il Parlamento europeo mette al bando Monsanto. L’azienda produttrice del RoundUp ha rifiutato di partecipare a un’audizione sull’erbicida glifosato.
I rappresentanti di Monsanto non possono più entrare al Parlamento europeo, dopo che la multinazionale statunitense ha rifiutato di partecipare alle audizioni su “I Monsanto Papers e il glifosato”, organizzate dalle commissioni ambiente e agricoltura per l’11 ottobre, in merito alle accuse secondo cui Monsanto, produttrice del RoundUp, avrebbe indebitamente influenzato le decisioni delle autorità regolatorie sui rischi dell’erbicida glifosato. >>



Veneto, i veleni della fabbrica nel sangue dei residenti.
Miteni Spa a Trissino. La «guerra dei Pfas» tracima i confini e diventa istituzionale e politica. Botta e risposta tra il governatore Zaia e la ministra Lorenzin. In 79 Comuni nelle province di Verona, Vicenza e Padova, 250 mila contaminati. La “guerra dei Pfas” tracima oltre i confini del Veneto. E diventa istituzionale, politica, ma soprattutto sui risarcimenti. Le sostanze perfluoro alchiliche (Pfas) hanno già avvelenato il sangue di più di 250 mila residenti in 79 Comuni fra le province di Verona, Vicenza e Padova. E come certificato dalla relazione dei carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Treviso fin dal 1990 la Miteni Spa a Trissino inquinava il suolo nell’impianto e il vicino torrente Poscola. >>