Cerca Contatti Archivio
 
Solidarietà a Disobbedienti


Padova, 16 novembre 2002. Comunicato stampa di AltrAgricoltura AltrAgricoltura, associazione che opera a difesa del lavoro agricolo e dei diritti dei consumatori, che ha partecipato attivamente alle giornate di Genova del luglio 2001 e a Firenze nel 2002 promuovendo, assieme ad altre associazioni e sindacati contadini del resto del mondo, all’interno del Movimento dei Movimenti, il dibattito sulla Sovranità Alimentare, sulla questione contadina, sulla lotta agli OGM e sulla inadeguata riforma della PAC ( Politica Agricola Comunitaria ), vuole esprimere la propria indignazione per gli arresti dei portavoce e degli esponenti del Movimento dei Disobbedienti effettuati dalla procura di Cosenza . Questa iniziativa della magistratura è terrificante per la sua semplicità ed arroganza perchè esplicita le strategie politiche del governo che vuole spostare ogni comportamento di dissenso e disobbedienza a leggi ingiuste, dal terreno politico al terreno della sanzione e del rilievo penale, facendo propri vecchi e dolorosi strumenti del codice “Rocco”. Questa pretesa imposizione di una “politica di guerra”, alla Società Civile, è tanto più pericolosa perché condivisa dagli altri governi europei. Non possiamo dimenticare che, pochi mesi fa, abbiamo partecipato alla delegazione di benvenuto per la scarcerazione di José Bové , portavoce e leader carismatico della CPE ( Confederationne Paysanne Eropeenne) dal carcere di Montpellier e che tra breve, José, sarà nuovamente costretto a scontare più di un anno di reclusione per un atto di disobbedienza testimoniante le posizioni di aperto dissenso alle dissennate politiche sociali ed economiche portate avanti dalle multinazionali e dai governi neoliberisti . Anche da questo nasce il nostro senso di identità e solidarietà con i compagni che, ingiustamente, stanno pagando a prezzo della privazione della libertà personale la propria volontà di esprimere pubblicamente e fattivamente il loro pensiero e la loro voglia di costruire un mondo migliore. Parteciperemo, quindi, e ci faremo promotori di tutte le iniziative necessarie a riportare tra noi i compagni arrestati. AltrAgricoltura


sabato 16 novembre 2002


 
News

Rapporto Caritas. In 10 anni poveri quasi triplicati.
Dal 2007 i poveri aumentati del 182%, uno su due è giovane o minorenne. In crescita anche i senza dimora. In Italia c'è un "esercito di poveri" in attesa che "non sembra trovare risposte e le cui storie si connotano per un'allarmante ronicizzazione e multidimensionalità dei bisogni". Lo sottolinea Caritas nel Rapporto 2018 su povertà e politiche di contrasto. Il numero dei poveri assoluti - ricorda l'organizzazione rilanciando i dati Istat - "continua ad aumentare" e supera i 5 milioni. "Dagli anni pre-crisi ad oggi il numero dei poveri è aumentato del 182%, un dato che dà il senso dello stravolgimento" causato dalla crisi. "Esiste uno 'zoccolo durò di disagio che assume connotati molto simili a quelli esistenti prima della crisi economica del 2007-2008 con la sola differenza che oggi il fenomeno è sicuramente esteso a più soggetti". Tra gli individui in povertà assoluta i minorenni sono un milione 208mila (il 12,1% del totale) e i giovani nella fascia 18-34 anni 1 milione 112mila (il 10,4%): "Oggi quasi un povero su due è minore o giovane". >>



I colli del Prosecco si spopolano: “Troppi pesticidi, non si respira e ci si ammala”
Case in svendita tra i vigneti: l’abuso di fitofarmaci influenza il mercato immobiliare coneglianese. CONEGLIANO – Fuggono dai colli e cercano una casa in centro. Perché, lo smog cittadino, è preferibile ai pesticidi che, ogni primavera, rendono l’aria delle colline coneglianesi irrespirabile. L’utilizzo di fitofarmaci sui vigneti del Prosecco sta influenzando il mercato immobiliare. Da una parte si ha un centro città saturo, dove è difficilissimo trovare immobili in affitto, dall’altra un circondario collinare zeppo di abitazioni vuote, in vendita. Anzi: in svendita. >>



Semine di mais OGM Mon810 in Friuli Venezia Giulia: comunicato ufficiale del "Coordinamento Zero OGM"
Il Coordinamento Zero OGM comunica che, a seguito delle semine illegali di mais OGM MON 810, avvenute il 21 aprile 2018 da parte del Signor Giorgio Fidenato nei campi di Colloredo di Monte Albano ( UD ) e in data imprecisata a Vivaro ( PN ), lunedì 09 luglio 2018 gli agenti del Corpo Forestale del Friuli Venezia Giulia hanno provveduto all’estirpazione del mais ed al ripristino della legalità. Nella stessa giornata sono stati abbattuti complessivamente, su disposizione del Ministero delle Politiche Agricole, 6.000 mq. di mais geneticamente modificato, prima nei campi di Colloredo di Monte Albano, poi in quelli di Vivaro. >>