Cerca Contatti Archivio
 
Solidarietà a Disobbedienti


Padova, 16 novembre 2002. Comunicato stampa di AltrAgricoltura AltrAgricoltura, associazione che opera a difesa del lavoro agricolo e dei diritti dei consumatori, che ha partecipato attivamente alle giornate di Genova del luglio 2001 e a Firenze nel 2002 promuovendo, assieme ad altre associazioni e sindacati contadini del resto del mondo, all’interno del Movimento dei Movimenti, il dibattito sulla Sovranità Alimentare, sulla questione contadina, sulla lotta agli OGM e sulla inadeguata riforma della PAC ( Politica Agricola Comunitaria ), vuole esprimere la propria indignazione per gli arresti dei portavoce e degli esponenti del Movimento dei Disobbedienti effettuati dalla procura di Cosenza . Questa iniziativa della magistratura è terrificante per la sua semplicità ed arroganza perchè esplicita le strategie politiche del governo che vuole spostare ogni comportamento di dissenso e disobbedienza a leggi ingiuste, dal terreno politico al terreno della sanzione e del rilievo penale, facendo propri vecchi e dolorosi strumenti del codice “Rocco”. Questa pretesa imposizione di una “politica di guerra”, alla Società Civile, è tanto più pericolosa perché condivisa dagli altri governi europei. Non possiamo dimenticare che, pochi mesi fa, abbiamo partecipato alla delegazione di benvenuto per la scarcerazione di José Bové , portavoce e leader carismatico della CPE ( Confederationne Paysanne Eropeenne) dal carcere di Montpellier e che tra breve, José, sarà nuovamente costretto a scontare più di un anno di reclusione per un atto di disobbedienza testimoniante le posizioni di aperto dissenso alle dissennate politiche sociali ed economiche portate avanti dalle multinazionali e dai governi neoliberisti . Anche da questo nasce il nostro senso di identità e solidarietà con i compagni che, ingiustamente, stanno pagando a prezzo della privazione della libertà personale la propria volontà di esprimere pubblicamente e fattivamente il loro pensiero e la loro voglia di costruire un mondo migliore. Parteciperemo, quindi, e ci faremo promotori di tutte le iniziative necessarie a riportare tra noi i compagni arrestati. AltrAgricoltura


sabato 16 novembre 2002


 
News

Accordo con Gottardo blocca la «marcia dei 100» di Tigotà
Guerra tra Poveri. Padova e Broni (Pavia), vittoria dei lavoratori della logistica. Gli addetti - spinti dalla proprietà - avevano protestato contro il picchetto Cobas dei facchini Qualcuno aveva addirittura scomodato il paragone con la marcia dei 40mila a Mirafiori. La lotta dei lavoratori della logistica Gottardo di Padova e Broni era stata messa in secondo piano dalla contro manifestazione di un centinaio di lavoratori dei Tigotà catena di negozi di cosmetici e per la casa che protestavano contro i blocchi che impedivano lapprovvigionamento dei punti vendita della stessa proprietà per la movimentazione merci. Per fortuna tutto si è concluso ieri con l’accordo siglato alla prefettura di Pavia con cui i sindacati Adl e Si Cobas portano a casa gran parte delle loro richieste che hanno fatto partire la mobilitazione dei facchini e da lunedì riporterà alla normalità il lavoro dei negozi Tigotà. E si spera zittisca anche la spirale mediatica che aveva alimentato lo scontro fra poveri. >>



Costa Rica. Ucciso il leader della comunità indigena e difensore dei diritti umani Bribri Sergio Rojas Ortiz
In Costa Rica è stato ucciso nei giorni scorsi il leader della comunità indigena Bribri, Sergio Rojas Ortiz. Nel paese centroamericano, come nel resto dell’America Latina, ci sono dei conflitti tra popolazioni indigene e proprietari terrieri. Le popolazioni autoctone nel mondo sono costituite da circa 370 milioni di persone, vale a dire più del 5% della popolazione mondiale e purtroppo sono inserite tra le popolazioni più svantaggiate e povere del mondo. >>



Rapporto Caritas. In 10 anni poveri quasi triplicati.
Dal 2007 i poveri aumentati del 182%, uno su due è giovane o minorenne. In crescita anche i senza dimora. In Italia c'è un "esercito di poveri" in attesa che "non sembra trovare risposte e le cui storie si connotano per un'allarmante ronicizzazione e multidimensionalità dei bisogni". Lo sottolinea Caritas nel Rapporto 2018 su povertà e politiche di contrasto. Il numero dei poveri assoluti - ricorda l'organizzazione rilanciando i dati Istat - "continua ad aumentare" e supera i 5 milioni. "Dagli anni pre-crisi ad oggi il numero dei poveri è aumentato del 182%, un dato che dà il senso dello stravolgimento" causato dalla crisi. "Esiste uno 'zoccolo durò di disagio che assume connotati molto simili a quelli esistenti prima della crisi economica del 2007-2008 con la sola differenza che oggi il fenomeno è sicuramente esteso a più soggetti". Tra gli individui in povertà assoluta i minorenni sono un milione 208mila (il 12,1% del totale) e i giovani nella fascia 18-34 anni 1 milione 112mila (il 10,4%): "Oggi quasi un povero su due è minore o giovane". >>