Cerca Contatti Archivio
 
Assemblea Generale del Comitato Allevatori Contro la Crisi Avicola


Viene indetta l’assemblea generale del Comitato Allevatori Contro la Crisi Avicola – AltrAgricoltura che si terrà in data: sabato 3 agosto 2002 in Bologna, via del Pratello, 53 - c/o la sala Benjamin alle ore 10,00. Gli allevatori sono a decisi proseguire la loro lotta dandosi scadenze sempre più incisive per chiedere e costruire assieme: 1) Il blocco delle importazioni di carne e suoi derivati dai paesi che non garantiscono gli standard qualitativi e di sicurezza alimentare europei; 2) La definizione di una chiara politica nazionale e comunitaria che protegga le produzioni nazionali; 3) L’estensione dei prezzi limite e dazi doganali anche alle voci “carni salate e pepate”; 4) La valorizzazione delle produzioni italiane di qualità, in particolare modo quelle a ciclo corto, attraverso la formazione di consorzi di produzione per dare opportunità alle produzioni italiane di essere precisamente riconosciute dal consumatore; 5) La creazione di regole certe di produzione, anticipando in senso positivo le future norme europee in tema di benessere ambientale e animale e di massima sicurezza verso i consumatori, ed in particolar modo per l’alimentazione “Free O.G.M.”; 6) Un confronto con il mondo politico e sindacale dei lavoratori del settore agroalimentare e dei consumatori perché sia assunto un comune impegno al sostegno di metodi produttivi innovativi e virtuosi, nel rispetto della qualità, dell’ambiente, della sicurezza per il consumatore, che traccino la strada di un nuovo modo di fare agricoltura ed allevamento; 7) Una seria politica antitrust che garantisca regole certe di sviluppo del mercato 8) L’apertura del confronto con allevatori e coltivatori di altri settori agricoli colpiti ed accomunati da problematiche analoghe a quelle che determinano la crisi del comparto avicolo e la stessa crisi del sistema agricolo europeo; Questa assemblea tra allevatori può rappresentare la prima tappa del cammino per il rinnovamento delle politiche agricole italiane e degli attuali modi di produzione agroindustriali. Comitato Allevatori Contro la Crisi Avicola AltrAgricoltura Via Monte Sabotino, 28 35100 Padova – Tel.049.8710128 E-mail: altragricoltura@italytrading.com Per informazioni Gianni Fabbris Tel. 335.1336977 – Guglielmo Donadello Tel.348.3819982


lunedì 29 luglio 2002


 
News

Accordo con Gottardo blocca la «marcia dei 100» di Tigotà
Guerra tra Poveri. Padova e Broni (Pavia), vittoria dei lavoratori della logistica. Gli addetti - spinti dalla proprietà - avevano protestato contro il picchetto Cobas dei facchini Qualcuno aveva addirittura scomodato il paragone con la marcia dei 40mila a Mirafiori. La lotta dei lavoratori della logistica Gottardo di Padova e Broni era stata messa in secondo piano dalla contro manifestazione di un centinaio di lavoratori dei Tigotà catena di negozi di cosmetici e per la casa che protestavano contro i blocchi che impedivano lapprovvigionamento dei punti vendita della stessa proprietà per la movimentazione merci. Per fortuna tutto si è concluso ieri con l’accordo siglato alla prefettura di Pavia con cui i sindacati Adl e Si Cobas portano a casa gran parte delle loro richieste che hanno fatto partire la mobilitazione dei facchini e da lunedì riporterà alla normalità il lavoro dei negozi Tigotà. E si spera zittisca anche la spirale mediatica che aveva alimentato lo scontro fra poveri. >>



Costa Rica. Ucciso il leader della comunità indigena e difensore dei diritti umani Bribri Sergio Rojas Ortiz
In Costa Rica è stato ucciso nei giorni scorsi il leader della comunità indigena Bribri, Sergio Rojas Ortiz. Nel paese centroamericano, come nel resto dell’America Latina, ci sono dei conflitti tra popolazioni indigene e proprietari terrieri. Le popolazioni autoctone nel mondo sono costituite da circa 370 milioni di persone, vale a dire più del 5% della popolazione mondiale e purtroppo sono inserite tra le popolazioni più svantaggiate e povere del mondo. >>



Rapporto Caritas. In 10 anni poveri quasi triplicati.
Dal 2007 i poveri aumentati del 182%, uno su due è giovane o minorenne. In crescita anche i senza dimora. In Italia c'è un "esercito di poveri" in attesa che "non sembra trovare risposte e le cui storie si connotano per un'allarmante ronicizzazione e multidimensionalità dei bisogni". Lo sottolinea Caritas nel Rapporto 2018 su povertà e politiche di contrasto. Il numero dei poveri assoluti - ricorda l'organizzazione rilanciando i dati Istat - "continua ad aumentare" e supera i 5 milioni. "Dagli anni pre-crisi ad oggi il numero dei poveri è aumentato del 182%, un dato che dà il senso dello stravolgimento" causato dalla crisi. "Esiste uno 'zoccolo durò di disagio che assume connotati molto simili a quelli esistenti prima della crisi economica del 2007-2008 con la sola differenza che oggi il fenomeno è sicuramente esteso a più soggetti". Tra gli individui in povertà assoluta i minorenni sono un milione 208mila (il 12,1% del totale) e i giovani nella fascia 18-34 anni 1 milione 112mila (il 10,4%): "Oggi quasi un povero su due è minore o giovane". >>