Cerca Contatti Archivio
 
Parmalat Via libera al programma


Via libera al programma dai ministri Marzano e Alemanno. E i conti del semestre vanno meglio Roma. Il ministro delle Attività produttive, Antonio Marzano, d’intesa con quello delle Politiche agricole Gianni Alemanno, dà il via libera al programma di ristrutturazione Parmalat del commissario straordinario Enrico Bondi, ma accoglie parte delle richieste avanzate dai creditori, innalzando da 500 a 650 azioni la soglia per l’assegnazione dei warrant della nuova Parmalat e decidendo che ai soci della newco sia destinato, sotto forma di dividendi, il 50% degli utili distribuibili per i prossimi 15 bilanci d’esercizio comprensivi dei proventi generati dalle azioni revocatorie e risarcitorie. Il concordato prevede anche un meccanismo di compensazione secondo cui «nel caso in cui l’utile distribuibile relativo a un esercizio sia inferiore all’1% del capitale sociale della nuova Parmalat, non si darà luogo alla distribuzione», ma sarà riportato a nuovo per essere ripartito tra soci con l’utile degli esercizi successivi. Dal crac dello scorso dicembre, che ha dato vita a una complessa vicenda giudiziaria e finanziaria, prende quindi sempre più forma la nuova Parmalat il cui ambizioso obiettivo è di raggiungere i 3,94 miliardi di ricavi entro il 2006, con un margine operativo lordo di 434 milioni. Accanto alla tutela del patrimonio industriale, diventano chiare le azioni di salvaguardia dei creditori, tra le quali compaiono gli investitori che avevano sottoscritto le massicce emissioni obbligazionarie della Parmalat targata Tanzi. Il piano Bondi prevede una proposta di concordato con gli azionisti della Nuova Parmalat, questo il nome del gruppo di Collecchio dopo il passaggio delle redini dalla famiglia Tanzi al commissario Enrico Bondi, che si traduce nell’impegno di distribuire, sotto forma di dividendi, il 50% degli utili risultanti dai prossimi 15 bilanci annuali, inclusi gli eventuali proventi derivanti dalle azioni revocatorie e risarcitorie. Un decollo felice, quello del piano Bondi, coronato da incoraggianti risultati semestrali: archiviato un margine operativo lordo a 79,4 milioni rispetto ai 73,6 del 2003, a fronte però di una riduzione dei ricavi scesi a 2.375 milioni dai 2.689 dello stesso periodo del 2003 almeno stando a quanto dichiarato dall’amministrazione di allora.


martedì 27 luglio 2004


 
News

Gates e Zuckerberg puntano sull'agricoltura: "Cibo vero solo per ricchi"
Altro che carne sintetica e dieta vegetale. I grandi imprenditori dei Big Data sembrano andare proprio nella direzione opposta. Mentre, infatti, la sostenibilità planetaria spinge le economie a orientarsi verso la produzione di cibo sintetico, loro investono su terreni agricoli e sulla produzione di carne tradizionale di altissima qualità. E naturalmente altissimi costi e ricavi. >>



FPP2 GRATIS, ANNUNCIO DI BIDEN, COSA ASPETTA DRAGHI?
Il presidente USA Biden, raccogliendo la richiesta che da tempo avanza Bernie Sanders, ha annunciato che gli Stati Uniti forniranno mascherine ffp2 gratis ai cittadini. >>



Pesticidi in Unione europea.
La European Food Safety Authority (EFSA) ha pubblicato un report sugli ortaggi e frutta più contaminati da pesticidi... studio pubblicato nel mese di febbraio 2021 che discute i dati del 2019. In tutta Europa, nell’anno 2019, sono stati analizzati 96.302 campioni e la frequenza media si attesta su 19 analisi per 100mila abitanti. I paesi più virtuosi sono la Lituania (125 analisi su 100mila abitanti), la Bulgaria (104 analisi) e il Lussemburgo (81 analisi). I meno virtuosi sono la Gran Bretagna (1,5 analisi), la Spagna (5 analisi) e la Polonia (7 analisi). L’Italia e la Francia si attestano sulla media europea di 19 analisi per 100mila abitanti, la Germania appena un po’ in più con 25 analisi. >>