Cerca Contatti Archivio
 
Parmalat Via libera al programma


Via libera al programma dai ministri Marzano e Alemanno. E i conti del semestre vanno meglio Roma. Il ministro delle Attività produttive, Antonio Marzano, d’intesa con quello delle Politiche agricole Gianni Alemanno, dà il via libera al programma di ristrutturazione Parmalat del commissario straordinario Enrico Bondi, ma accoglie parte delle richieste avanzate dai creditori, innalzando da 500 a 650 azioni la soglia per l’assegnazione dei warrant della nuova Parmalat e decidendo che ai soci della newco sia destinato, sotto forma di dividendi, il 50% degli utili distribuibili per i prossimi 15 bilanci d’esercizio comprensivi dei proventi generati dalle azioni revocatorie e risarcitorie. Il concordato prevede anche un meccanismo di compensazione secondo cui «nel caso in cui l’utile distribuibile relativo a un esercizio sia inferiore all’1% del capitale sociale della nuova Parmalat, non si darà luogo alla distribuzione», ma sarà riportato a nuovo per essere ripartito tra soci con l’utile degli esercizi successivi. Dal crac dello scorso dicembre, che ha dato vita a una complessa vicenda giudiziaria e finanziaria, prende quindi sempre più forma la nuova Parmalat il cui ambizioso obiettivo è di raggiungere i 3,94 miliardi di ricavi entro il 2006, con un margine operativo lordo di 434 milioni. Accanto alla tutela del patrimonio industriale, diventano chiare le azioni di salvaguardia dei creditori, tra le quali compaiono gli investitori che avevano sottoscritto le massicce emissioni obbligazionarie della Parmalat targata Tanzi. Il piano Bondi prevede una proposta di concordato con gli azionisti della Nuova Parmalat, questo il nome del gruppo di Collecchio dopo il passaggio delle redini dalla famiglia Tanzi al commissario Enrico Bondi, che si traduce nell’impegno di distribuire, sotto forma di dividendi, il 50% degli utili risultanti dai prossimi 15 bilanci annuali, inclusi gli eventuali proventi derivanti dalle azioni revocatorie e risarcitorie. Un decollo felice, quello del piano Bondi, coronato da incoraggianti risultati semestrali: archiviato un margine operativo lordo a 79,4 milioni rispetto ai 73,6 del 2003, a fronte però di una riduzione dei ricavi scesi a 2.375 milioni dai 2.689 dello stesso periodo del 2003 almeno stando a quanto dichiarato dall’amministrazione di allora.


martedì 27 luglio 2004


 
News

Veneto, i veleni della fabbrica nel sangue dei residenti.
Miteni Spa a Trissino. La «guerra dei Pfas» tracima i confini e diventa istituzionale e politica. Botta e risposta tra il governatore Zaia e la ministra Lorenzin. In 79 Comuni nelle province di Verona, Vicenza e Padova, 250 mila contaminati. La “guerra dei Pfas” tracima oltre i confini del Veneto. E diventa istituzionale, politica, ma soprattutto sui risarcimenti. Le sostanze perfluoro alchiliche (Pfas) hanno già avvelenato il sangue di più di 250 mila residenti in 79 Comuni fra le province di Verona, Vicenza e Padova. E come certificato dalla relazione dei carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Treviso fin dal 1990 la Miteni Spa a Trissino inquinava il suolo nell’impianto e il vicino torrente Poscola. >>



Nuovo scandalo negli Usa: la guerra sporca di Monsanto al biologico.
Un piano ben orchestrato e finanziato per attaccare il biologico, screditarlo, istillare nei consumatori la sensazione che sia un bluff. È quello messo in atto nel 2014 dai dirigenti di Monsanto, il principale fornitore mondiale di pesticidi e di semi geneticamente modificati. Lo scandalo, emerso in questi giorni, descrive come – ancora una volta – le multinazionali abbiano messo le mani sulla scienza per i loro poco confessabili interessi. >>



Battaglia Terme (PD): NO AI NUOVI MOSTRI!
Battaglia Terme - 10 luglio - serata organizzata dal Coordinamento delle Associazioni ambientaliste. Oltre 150 presenze, più di una decina di interventi, 3 ore di dibattito, contributi introduttivi di Christianne Bergamin e Gianni Sandon e poi tra gli altri il sindaco di Battaglia T. Massimo Momolo il sindaco di Due Carrare Davide Moro, il rappresentante di Confesercenti Padova Maurizio Francescon . >>